Recent Changes - Search:

Strumenti

Da rivedere

& completare

Domini correlati

PmWiki

pmwiki.org

edit SideBar

CSA /

Sistema escretore

Autrice: Nathalie Steib Dispensa: Dr. med. Adriano Sassi, CH-6944 Cureglia
Illustrazioni, links: P.Forster Categoria: CSA, Anatomia, Fisiologia, Escrezione, Urinario

Istruzioni

  • azzurro: clic per collegamento (link)
  • clic sull'immagine per versione leggibile (link)
  • stampa: direttamente dalla pagina

HOME


1.  Organi eliminatori

Gli organi con funzione di eliminazione delle sostanze di rifiuto sono praticamente 4:

  • I polmoni => eliminano l’anidride carbonica
  • Il fegato => elimina le sostanze poco solubili in acqua attraverso la bile
  • La pelle => elimina attraverso il sudore le scorie e i sali minerali
  • I reni => eliminano le sostanze solubili in acqua attraverso la produzione di urina.

2.  Reni


Martini 26

I reni fanno parte del sistema urinario (reni > uretere > vescica > uretra) che è l’apparato escretore per eccellenza.

Ma oltre alla funzione di eliminazione di diverse sostanze (urea, acido urico, creatina, metaboliti vari,...), i reni utilizzano anche importanti meccanismi di regolazione con il riassorbimento di sostanze riciclabili, quali il glucosio, i sali minerali – soprattutto Na e K -, per mantenere costante la quantità d’acqua nell’organismo e la composizione dei liquidi interni.

Un’alterazione nella composizione di tali liquidi potrebbe avere conseguenze su

  • pressione osmotica (reni: regolazione della concentrazione dei sali),
  • pressione arteriosa (reni: concentrazione dei sali e produzione della renina – ormone che regola il tono dei vasi sanguigni),
  • acidità pH (reni: regolazione tramite eliminazione o il recupero di acidi e basi).

I reni sono due organi ghiandolari a forma di fagiolo (ca. 10 -15 cm) collocati ai lati della colonna vertebrale, all’altezza della 1 – 3 vertebra lombare, nella cavità addominale ma al di fuori del peritoneo.
In ciascun rene, attraverso l’ilo – incisura concava rivolta verso la colonna vertebrale – penetra l’arteria renale (che ha origine direttamente dall’aorta addominale) ed escono la vena renale e l’uretere.


2.1  I nefroni


Martini 26

Le unità funzionali del rene sono i nefroni, strutture microscopiche che filtrano il sangue e producono l’urina compiendo quindi in scala ridotta la stessa funzione del rene intero. In ciascun rene sono presenti circa un milione di nefroni.

Termini costitutivi:
Capsula di Bowman, glomerulo di Malpinghi > tubulo contorto prossimale > ansa di Henle > tubulo contorto distale > tubulo o dotto collettore.

Il nefrone si distingue in un tubulo sottile, nella cui parte iniziale vi è una dilatazione chiamata capsula di Bowman contenente il glomerulo di Malpinghi. Glomerulo in latino significa gomitolo, termine che spiega bene questa struttura costituita da un fitto intreccio di capillari sanguigni che provengono dall’arteriola afferente che prende origine a sua volta da una delle numerose ramificazioni dell’arteria renale.
Qui c’è una particolarità dovuta ai capillari glomerulari che dopo una serie di circonvoluzioni si riuniscono in un’altra arteriola di calibro minore che fuoriesce dal glomerulo, l’arteriola efferente: ciò permette al sangue di mantenere all’interno del glomerulo una pressione maggiore, più eleveta di quella che si riscontra nel normale collegamento fra i capillari arteriosi e quelli venosi.

Infatti il sangue che scorre all’interno del glomerulo viene sottoposto ad una notevole pressione, dovuta anche alla differenza di calibro fra le due arteriole, con la fuoriuscita del plasma sanguigno che riesce ad attraversare il sottile strato interno della capsula di Bowman che essendo costituita da un doppio strato di cellule, uno dei quali aderisce al glomerulo mentre l’altro costituisce l’inizio della parete del tubulo renale.

  • Il primo tratto segue un andamento sinuoso => tubulo contorto prossimale -
  • quindi diventa un rettilineo, penetrando nella sostanza midollare del rene,
  • per poi ripiegarsi su se stesso formando un’ansa => ansa di Henle – e
  • continuare in modo rettilineo ritornando nella zona corticale del rene
  • dove descrive ancora un andamento sinuoso => tubulo contorto distale –
  • prima di sfociare in un canale => tubulo collettore –
  • che va a confluire nel bacinetto renale.

2.2  Vascolarizzazione


Martini 26

Tutto questo percorso del tubulo del nefrone è vascolarizzato da una fitta rete di capillari (che avvolgono il tubulo) e che è una normale rete arterio-venosa: i capillari prendono origine dal dall’arteriola efferente mentre i capillari venosi confluiscono attraverso le venule nella vena renale che fa defluire il sangue dal rene, scaricandolo nella vena cava ascendente.


3.  Urine

3.1  Urina primaria

La prima fase della formazione dell’urina avviene nel glomerulo, dove a causa della forte pressione sanguigna, dovuta alla differenza di calibro tra l’arteriola afferente e quella efferente, il plasma sanguigno fuoriesce dai capillari glorumerali, nei quali viengono trattenute le proteine e le cellule sanguigne. Il glomerulo quindi si comporta come un ultrafiltro, lasciando passare solo le molecole più piccole e i liquidi nella capsula di Bowman. All’interno del tubulo renale avviene un riassorbimento delle sostanze che sono ancora utili nell’organismo che vengono recuperate attraverso le pareti del tubulo e reimmesse nel sangue attraverso la rete capillare.

In questa urina primaria sono presenti sostanze come il glucosio, gli aminoacidi e alcune vitamine che vengono riassorbiti completamente e quindi in condizioni normali non sono presenti nelle urine.

  • L’acqua viene recuperata circa il 90%.
  • L’urea (proveniente da processi catabolici, dalla scissione degli aminoacidi) viene riassorbita solo parzialmente.
  • Vengono riassorbiti solo in parte e in quantità variabili a seconda della concentrazione gli ioni sodio Na+, Potassio K+, Cloruro Cl-.

Le cellule del tubulo renale o del nefrone si comportano come filtri attivi scegliendo le sostanze da riassorbire => esercitano un trasporto attivo (contro il gradiente di concentrazione).

3.2  Urina

Nel passaggio dal Glomerulo => capsula di Bowman => tubulo la composizione della soluzione primaria, simile al plasma, si trasforma in un liquido giallastro, l’urina, la cui composizione si discosta dagli altri liquidi interni al corpo, quel tanto che basta per mantenere l’omeostasi.

Dal bacinetto renale parte un lungo tubo => URETERE – che sbocca in un serbatoio muscolo-membranoso => VESCICA urinaria – che comunica con l’esterno attraverso l’URETRA.

In un adulto la quantità di urina eliminata giornalmente varia da circa 1 l – 1,5 L, composta per la maggior parte di acqua (ca il 95%), sali inorganici, metaboliti e di sostanze organiche quali l’urea e l’acido urico (derivati dalla demolizione delle proteine), ammoniaca e creatina.
La quantità e la composizione dell’urina varia notevolmente a seconda delle condizioni generali dell’organismo e da cosa mangiamo e beviamo.

3.3  Sedimento


Sedimento urinario

(particelle sospese): può essere composto da leucociti Lc e di eritrociti Ec (tracce), batteri e cilindri (sono patologici), cristalli di sali (urati, fosfati, etc.)


4.  Ormoni coinvolti


Regolazione pressione
Aldosterone & Renina

Gli ormoni coinvolti nei processi sopra esposti sono:

  • La renina: regola il tono dei vasi sanguigni (arteriole) e che quindi aiuta nella regolazione della pressione arteriosa PA.
  • L’aldosterone: ormone secreto dalla corteccia surrenale con funzionme di controllo = interviene aumentando l’attività delle pompe sodio-potassio a livello dei tubuli distali e dei dotti collettori. Con l’aumento del riassorbimento tubulare del sodio, si eleva la concentrazione di sodio ematico e quindi promuove il riassorbimento di acqua.
  • L’ADH – antidiuretic Hormon (adiuretina): controllo che regola il processo di riassorbimento facoltativo (acqua) – ordine che arriva dall’ipofisi posteriore. Questo riassorbimento facoltativo dell'acqua nel rene avviene a livello dei dotti o tubuli collettori.

5.  Nota:

(qualche cifra)
L'insieme dei nefroni produce ben 150 L di urina primaria!

Assorbimento dell'acqua dal nefrone
il 90% viene riassorbito lungo il tubulo contorto prossimale, ansa di Henle e il tubolo contorto distale.
L'ultimo 10% di acqua viene riassorbito facoltativamente dal dotto o tubulo collettore in quantità variabile a seconda della quantità d'acqua ingerita o perso dal corpo. Il controllo di questo riassorbimento facoltativo è gestito dall'ipofisi posteriore tramite l'ormone ADH (adiuretina) come spiegato sopra.

6.            Allegati          



dir Uni Trieste

6.1  Tavole di Martini 26

Sommario visuale: anatomia umana per studenti
Fonti: Martini & Timmons, Edises 2003
Università di Trieste

Cliccando su un immagine, si vede una versione leggibile. Per stampare il file, conviene di caricarlo sul proprio ordinatore (cliccando su .pdf). Per lo studio è indispensabile il testo integrale (vedi Bibliografia).



Introduzione
all'apparato urinario
 

Visione macroscopica
dell'apparato urinario
 

Preparati dell'
apparato urinario
 

Struttura del rene
 
 

Nefrone
 
 

Corpuscolo renale
 
 

Organizzazione
del nefrone
 

Vascolarizzazion
dei reni
 

Vasi renali
 
 

Grafie dei reni
 
 

Organi urinari
 
 

Istologia delle
vie urinarie
 

Embriologia:
sviluppo del
apparato urinario



6.2  Pagine correlate, Sitografia

Google
sul Web in Enciclopedia


6.3  Bibliografia

Libri di riferimento:
* ANATOMIA & FISIOLOGIA di Gary A. Thibodeau e Kevin T. Patton, CASA EDITRICE AMBROSIANA, ISBN 88-408-0977-5
* come approfondimento: Martini F. M. & Timmons M. S.: Anatomia umana. Con CD-ROM; Edises 2 ed., 886 p., ill., 2003; € 98,00

* come introduzione: Monfroni L.; Pavanati Bettoni C. Elementi di biologia attiva, Casa Editrice Signorelli - Milano

6.4  Commenti, links

6.5  Pagine CSA

Anatomia & Fisiologia Apparato circolatorio Apparato digerente Apparato locomotore Apparato respiratorio Apparato riproduttivo Basi chimiche della vita Concetti generali anatomici e fisiologici Dermatopatologia Farmacologia I tessuti Igiene Immagini articolazioni Immagini muscoli e muscolatura Immagini scheletro e ossa La cellula La pelle Legislazione sanitaria Lesioni e traumi del apparato muscoloscheletrico Malattie del sistema digerente Malattie del sistema muscoloscheletrico (locomotore) Malattie del sistema nervoso e del cervello Malattie del sistema ormonale Malattie del sistema respiratorio Malattie del sistema urinario Malattie di articolazioni e tessuti molli Malattie dismetaboliche Malattie ossee Organi di senso Patologia del sistema circolatorio e del sangue Pronto soccorso Sistema linfatico Sistema ormonale Anamnesi e Diagnostica Batteriologia Corso di studio assistito per Terapisti complementari: CSA CSA FTP Infiammazioni Introduzione allo studio delle malattie infettive Malattie del cuore Malattie del fegato, biliari e pancreas Malattie del sangue Malattie del sistema gastrointestinale Malattie infettive batteriche Malattie infettive parassitarie Malattie infettive virali e da prioni Micosi (malattie infettive fungine) Modelli di psicologia e psicosomatica Mutazioni cellulari Neoplasmi Patologia Circolatoria Patologia generale Patologia specifica Psicologia e Psicosomatica Sistema Linfatico S Sistema nervoso A&F SMAEB Appunti

6.6  Commentbox

alla pagina CSA / Sistema escretore: cliccare sul titolo Commentbox per arrivarci!



Warning: strftime() [function.strftime]: It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected 'UTC' for 'UTC/0.0/no DST' instead in /Users/admin/Sites/pmwikiCSA/pmwiki.php(730) : eval()'d code on line 1
Edit - History - Print - Recent Changes - Search
Page last modified on March 11, 2007, at 08:46 PM