Recent Changes - Search:

Strumenti

Da rivedere

& completare

Domini correlati

PmWiki

pmwiki.org

edit SideBar

CSA /

Malattie del sistema ormonale

Autrice: Bianca Buser Dispensa: Dr. med. Adriano Sassi, CH-6944 Cureglia
Illustrazioni, links: P.Forster GoogleDrive Categoria: CSA, Patologia, Ormonale


 

it.Wikipedia: Sistema endocrino Wikimedia Commons: Category: Endocrinology Science photo library: Endocrinology Indice MmP 18: Gestione ormonale Lucidi Mmp 18.2: Patologie ormonali Dispensa PT 3.3: Disordini del sistema endocrino Pro memoria MmP 18: Patologia ormonale CSA: Sistema ormonale-'

Parere

Gran parte del contenuto di questa pagina risulterebbe più appropriata nella sezione Anatomia e fisiologia, perché tratta prevalentemente argomenti fisiologici.
Mancano poi le malattie che riguardano il timo, la tiroidite e i disturbi riguardanti gli ormoni sessuali.
8<(_Peter

Il sistema endocrino è un insieme di ghiandole (dette endocrine o a secrezione interna), interagenti e coordinate tra loro, che secernono ormoni, sostanze specifiche che attraverso il circolo sanguigno raggiungono i liquidi tessutali, agendo attivamente su determinati organi (organi bersaglio) o su tutto l'organismo.

Le cellule bersaglio, a loro volta, sono sensibili a un certo messaggio ormonale soltanto se posseggono specifici ricettori di membrana per quell'ormone.

Vi sono due tipi di ghiandole,

  • le ghiandole esocrine o a secrezione esterna (fegato, pancreas esocrino, ghiandole salivari, lacrimali, sudoripare, ecc.), e
  • le ghiandole endocrine che liberano i loro prodotti nella corrente sanguigna.

L'attività secretiva delle ghiandole endocrine è regolata da diversi meccanismi. In alcuni casi dipende dalla concentrazione nel sangue di alcuni metaboliti. Questo avviene, ad esempio, per il pancreas endocrino che secerne insulina quando la concentrazione di glucosio nel sangue è troppo elevata o, con un meccanismo ad azione retrograda (feedback) negativa, fa cessare tale attività intervenendo quando la concentrazione nel sangue di glucosio ha raggiunto livelli normali.

Per numerose ghiandole lo stimolo è portato da ormoni secreti dall'ipofisi, ghiandola la cui attività è a sua volta sotto il controllo ipotalamico il quale secerne fattori di rilasciamento o inibizione che regolano la produzione e la liberazione di ormoni da parte dell'adenoipofisi.

Il controllo della secrezione di ormoni è regolato da vari meccanismi nervosi e chimici e la perdita di questo controllo provoca anormalità metaboliche e strutturali, associate a ipo- o iper- produzione di ormoni che sono alla base di importanti malattie. (vedi pag. 330 del libro di riferimento)

1.  Ipofisi

Ipofisi it.wikipedia Wikimedia Commons: Pituitary hormones Science photo library: Pituitary Dispensa PT 3.3: Disordini endocrini CSA: sistema ormonale: Ipofisi


Adenoma ipofisario (arancio)

La ghiandola ipofisi si trova nella cavità cranica ed é appesa alla parte inferiore del cervello mediante il peduncolo ipofisario. L'ipofisi consta di due componenti nettamente distinte per origine, struttura e funzione. Tali parti sono:

  • la neuroipofisi (di origine nervosa)
  • la adenoipofisi (di origine epiteliale)

La neuroipofisi è più piccola e di colore più chiaro rispetto all'adenoipofisi, ed è in diretta continuità con l'ipotalamo. Il necrosecreto che scende alla neuroipofisi ed è elaborato da due nuclei ipotalamici, comprende due ormoni:

  • l' ossitocina che agisce sulla muscolatura liscia degli organi (in particolare durante il parto provoca le contrazioni dell'utero) e la vasopressina (o ADH), che ha azione ipertensiva determinando la contrazione della parete delle arterie e azione antidiuretica favorendo il riassorbimento dell'acqua a livello renale.

L'adenoipofisi secerne importanti ormoni:

  • LH o ormone luteotropo, che agisce sui corpi lutei delle ovaie stimolando la secrezione o LH di progesterone.
  • STH (Gh) od ormone somatotropo, che provvede alla crescita corporea.
  • TSH o ormone tireotropo, che stimola l'attività della ghiandola tiroide.
  • ACTH o ormone corticotropo che stimola la secrezione degli ormoni glicocorticoidi.
  • MSH o ormone melanostimolante che stimola la produzione di melanina.
  • FSH o ormone follicolostimolante.
  • Prolattina, dalla quale dipende la secrezione lattea. LTH

1.1  Malattie dell'adenoipofisi


Iper- e iposecrezione di ormone di crescita

Esistono condizioni caratterizzate

  • dall'insufficiente produzione di ormoni ipofisari o ipopituitarismo, o condizione
  • di iperfunzionamento o iperpituitarismo.

Le cause più comuni di malattie dell'ipofisi sono adenomi ipofisari. Gli adenomi dell'ipofisi sono dei tumori benigni (non metastatizzano), ma sono pericolosi per la loro posizione e per la possibilità di provocare un'eccessiva produzione di ormoni.

  • Gli adenomi ipofisari possono essere non secernenti o non funzionanti, quindi con nessuna evidenza clinica di ipersecrezione endocrina, con una costante crescita lenta (anche asintomatica), e possono raggiungere notevoli dimensioni. La terapia è prevalentamente chirurgica.
  • Gli adenomi funzionanti possono produrre qualsiasi ormone adenoipofisario, ma nella maggior parte dei casi si tratta della prolattina (PRL), dell'ormone della crescita e alcuni di loro producono l'ACTH.Clinicamente, i tumori funzionanti si manifestano prima di quelli non funzionanti, poiché producono importanti disfunzioni metaboliche.(vedi pag. 331 del libro di riferimento).


◦⦆─────⦅◦

1.2  Malattie della neuroipofisi

La neuroipofisi è in diretta continuità con l'ipotalamo, ed è costituita da fibre nervose provenienti dai nuclei ipotalamici (sopraottico e paraventricolare). I neuroni di questi due nuclei sintetizzano due ormoni:

  • vasopressina (adiuretina, ADH)
  • ossitocina

Questi vengono trasportati all'interno delle fibre nervose fino alla neuroipofisi e qui liberati nei capillari sanguigni. La maggior parte dei tumori alla neuroipofisi sono la conseguenza di danno ipotalamico.


Un caso di diabetes insipidus

Una ipoproduzione di vasopressina o ADH, causa diabete insipido. Nella regolazione ormonale dell'acqua corporea interviene la vasopressina la cui azione provoca il riassorbimento dell'acqua determinando l'aumento della permeabilità a livello dei tubuli collettori renali.

Il diabete insipido provoca una disfunzione renale che consiste nell'incapacità di riassorbire, nel tratto terminale dei tubuli renali, una parte dell'acqua che è stata filtrata dai glomeruli. Questo provoca la perdita di grandi quantità di urina (poliuria) molto diluita per cui bisogna bilanciare le perdite di liquido per evitare casi di disidratazione, shock e arrivare fino ad un possibile coma.

Il diabete insipido può derivare sia da un'insufficiente produzione di ormone ADH, sia da un'insensibilità da parte dei tubuli renali all'azione dell'ormone. Cause dovute principalmente all'estirpazione chirurgica dell'ipofisi (di solito per la rimozione di un tumore) e a lesioni infiammatorie o neoplastiche dell'ipotalamo.

2.  Tiroide

Tiroide Wikimedia Commons: Category: Thyroid hormones Science photo library: Thyroid Lucidi MmP 18.3: Patologia tiroidale Dispensa PT 3.3: Disordini del sistema endocrino CSA: Sistema ormonale: Tiroide


Tiroide

La ghiandola della tiroide è situata nella parte antero-inferiore del collo, ed è costituita da due lobi situati ai lati della trachea e riuniti da una porzione di parenchima detto istmo della tiroide.

Ogni lobo è formato da vescicole completamente chiuse che prendono il nome di follicoli tiroidei la cui parete è formata da cellule follicolari. L' attività delle cellule follicolari è indotta dall'ormone tireo-stimolante o TSH secreto dall' adenoipofisi. Tra le cellule follicolari sono sparse cellule dette parafollicolari secernenti calcitonina che interviene nell'omeostasi del calcio. Gli ormoni sono la tiroxina o T4 e la triiodotironina o T3. Quasi sempre, entrambi gli ormoni influenzano i processi metabolici aumentandone l'attività. Inducono l'accrescimento corporeo in sinergia con l'STH, hanno un'azione calorigena con un incremento del consumo di ossigeno in molti tessuti e di distribuzione e accumulo di sali minerali nell'organismo.

◦⦆─────⦅◦

2.1  Tiroidite

Manca

Mancano le tiroiditi (infiammazioni tiroidali) 8<(_Peter


◦⦆─────⦅◦

2.2  Gozzo (struma)

it.Wikipedia: Gozzo endemico Science photo library: Goitre

L'aumento di dimensioni della ghiandola produce un ingrossamento palpabile e visibile nella parte anteriore del collo. Si usa il termine gozzo o struma per ogni tumefazione della ghiandola tiroide non tenendo conto che l'ingrossamento della ghiandola può avere molte cause; è quindi un termine impreciso che non implica una patologia specifica. Il gozzo può essere provocato:


Marcato struma
  • da cause esterne, la più comune è la carenza di iodio nell'acqua potabile (gozzo endemico),
  • da cause interne,
    • tra cui le più importanti sono le anomalie congenite della produzione di ormoni da parte della tiroide,
    • da infiammazioni sviluppatesi nella tiroide, o
    • da proliferazioni tissutali di origine tumorale. Nella maggior parte non si accompagna a disfunzioni tiroidee e la cura dipende quindi dallo stato ormonale del soggetto.

L'aumento della ghiandola può essere diffuso o nodulare; quest'ultimo può interessare tutta la ghiandola o una sua parte.

La tiroide può andare incontro a

  • iperfunzione (ipertiroidismo),
  • ipofunzione (ipotiroidismo),
  • essere sede di infiammazioni e
  • di tumori.


◦⦆─────⦅◦

2.3  Ipertiroidismo

it.Wikipedia: Ipertiroidismo Science photo library: Hyperthyroidism Lucidi MmP 18.3: Patologia tiroidale Dispensa : Disordini del sistema endocrino


Mb. di Graves

L'ipertiroidismo è causato da secrezioni eccessive di T3 e T4. Questa condizione patologica può provocare

  • forte dimagrimento,
  • nervosismo,
  • gravi disfunzioni cardiache e
  • esoftalmo, cioè occhi fortemente sporgenti.

Il morbo di Graves (o Mb. di Basedow oppure Tiroidite), malattia autoimmune che si manifesta con ingrossamento della tiroide ed esoftalmo, è una causa molto importante di ipertiroidismo.

◦⦆─────⦅◦

2.4  Ipotiroidismo

it.Wikipedia: Ipotiroidismo Science photo library: Hypothyroidism Lucidi MmP 18.3: Patologia tiroidale Dispensa : Disordini del sistema endocrino

La riduzione di anticorpi produce segni clinici molto evidenti. Se la mancanza o l'insufficiente attività della ghiandola esiste fin dalla nascita si ha il cosidetto cretinismo, stato patologico caratterizzato da un ritardo più o meno marcato nello sviluppo sia fisico che intellettivo.


Mixedema

Cretinismo

Le cause del cretinismo possono essere dovute

  • ad un ipotiroidismo materno non trattato (raro), o
  • a difetti enzimatici ereditari.

Qualora l'ipotiroidismo si manifestasse in età adulta, le conseguenze possono essere costituite da

  • obesità,
  • mancanza di energia,
  • abulia e apatia.

Negli adulti l'ipotiroidismo si manifesta con una sindrome detta mixedema, causata da una riduzione della velocità del metabolismo basale. Si osserva una diminuzione dell'attività fisica e mentale, letargia, insufficienza cardiaca, iperlipidemia e predisposizione al coma mixematoso. Le cause principali sono:

  • rimozione chirurgica della ghiandola della tiroide (neoplasie maligne),
  • malattia di Hashimoto: tiroidite cronica linfatica (malattia autoimmune organo-specifica, vedi pag. 333) e
  • alcune terapie farmacologiche.


◦⦆─────⦅◦

2.5  Tumori della tiroide

Science photo library: Thyroid cancer

Carcinoma papillare.

L'insorgenza di tumori nella tiroide può avere carattere sia benigno che maligno. Vi sono tre tipi principali di tumori maligni derivati da cellule tiroidee follicolari (fig. 16.11).

  • Il più comune è il carcinoma papillare, un tumore che si manifesta nei giovani adulti e tende a metastatizzare per via linfatica al nodo del collo; ha una crescita lenta ed una prognosi eccellente.
  • Il carcinoma follicolare colpisce persone anziane, metastatizza per via ematica e mostra un tropismo specifico per l'osso. La prognosi è comunque buona.
  • Il carcinoma anaplastico, malattia dell'anziano, cresce rapidamente ed invade i tessuti vicino alla tiroide come pure le vene giugulari. La prognosi è grave.


3.  Paratiroidi

it.Wikipedia: Paratiroide Science photo library: Parathyroid Dispensa PT 3.3: Disordini del sistema endocrino CSA: Sistema ormonale: Paratiroide


Metabolismo del calcio

Ghiandole paratiroidali (2)

Le paratiroidi sono quattro ghiandole, due superiori e due inferiori, situate nel collo e poste sulla faccia posteriore dei lobi laterali della tiroide. Le ghiandole paratiroidi secernono l'ormone paratiroideo o paratormone (PTH) che ha una funzione regolatrice sul metabolismo del calcio e del fosforo.

  • Agisce sulla superficie dell'osso, dove stimola il riassorbimento dell'osso mineralizzato da parte degli osseoclasti ( cellule atte alla distruzione dell'osso), con liberazione di calcio nel sistema circolatorio.
  • A livello dei tubuli renali, dove stimola il riassorbimento degli ioni calcio dalle urine e minimizza il riassorbimento del fosfato.

Il metabolismo del calcio è di fondamentale importanza per l'organismo; la sua presenza è necessaria per il decorso di funzioni biologiche quali la coagulazione del sangue, la trasmissione dell'impulso nervoso a livello della sinapsi e la contrazione muscolare. Il paratormone viene prodotto in quantità elevatissima, tanto che il 90% di esso viene riciclato direttamente a livello delle paratiroidi.

Il fatto è indice dell'importanza del metabolismo del calcio e l'organismo tende a procurarsene una notevole scorta. Se il metabolismo procede normalmente, il paratormone, non potendo essere accumulato, viene catabolizzato nella sede della sua sintesi. Nell'insieme,

  • un aumento di PTH aumenta i livelli di calcemia, e
  • una diminuzione ne diminuisce il livelli;

aumenti o diminuzioni appropriate di PTH provocano ipercalcemie o ipocalcemie.

◦⦆─────⦅◦

3.1  Iperparatiroidismo

it.Wikipedia: Iperparatiroidismo Science photo library: Hyperparathyroidism Dispensa PT 3.3: Disordini del sistema endocrino


Osteoporosi per iperparatiroidismo

La produzione eccessiva di PTH porta ad un aumento della quantità di calcio circolante nel sangue e all'escrezione nell'urina di quantità elevate sia di calcio che di fosfati. Le conseguenze possono essere

  • la formazione di calcoli renali e
  • una disfunzione degli stessi reni, ed inoltre
  • una decalcificazione delle ossa.

Di solito, un aumento della secrezione di PTH è dovuto alla presenza di un adenoma paratiroideo benigno (vedi fig. 16.13 pag. 339).

Calcemie

Una persistente e duratura ipocalcemia può causare un'iperplasia delle ghiandole paratiroidi. Ipocalcemia, p. es., dovuta ad un'insufficienza renale, condizione in cui c'è un'eccessiva perdita di calcio attraverso le urine. L'iperplasia delle paratiroidi produce un aumento della secrezione di PTH, che mobilizza il calcio dalle ossa stimolando l'attività degli osteoclasti. Tuttavia è un'attività compensatoria, poiché il calcio così liberato porta i livelli di calcemia a livelli più o meno normali, senza provocare ipercalcemia.

◦⦆─────⦅◦

3.2  Ipoparatiroidismo

Google images: Hypoparathyroidism Dispensa PT 3.3: Disturbi endocrini


Pseudo - Ipoparatiroidismo

Si parla di ipoparatiroidismo quando vi è un'insufficiente produzione di PTH.

Può essere autoimmune e ha

  • origine familiare (morbo di Hashimoto, pag. 336 o morbo di Addison, pag. 342),

Sbagli

Il Mb. di Addison non è una malattia paratormonale ma corticosurrenale.
Il Mb. di Hashimoto è una tiroidite e non una paratiroidite.
8<(_Peter


  • nella maggior parte dei casi è post-chirurgico e si riscontra frequentemente dopo paratiroidectomia o tiroidectomia.

I sintomi provocati da una diminuita funzione delle paratiroidi possono essere spasmi e tensione di vari muscoli; nei casi gravi c'è insorgenza di tetania, caratterizzata da improvvisa contrazione involontaria.

4.  Ghiandole surrenali

it.Wikipedia: Surrene Dispensa PT 3.3: Disturbi endocrini CSA sistema endocrino: Surrenali


Regolazione ormonale di
stress autoconservante

Le ghiandole surrenali sono due ghiandole endocrine situate sopra i reni, distinte in due componenti: una parte corticale (esterna) ed una midollare (interna).

La midollare del surrene produce due ormoni catecolaminici: l'adrenalina e la noradrenalina. Sono due ormoni importantissimi che hanno il compito di coadiuvare le risposte dell'organismo alle situazioni di stress. La midollare del surrene ha la stessa derivazione ectodemica del sistema nervoso. Le cellulle della midollare anziché trasmettere l'impulso nervoso come normali cellule nervose, emettono il loro secreto (identico a quello di un neurotrasmettitore) direttamente sull'organo; in questo modo uno stimolo centrale raggiunge tutto l'organismo anziché distribuirsi ad un singolo distretto.

L'adrenalina e la noradrenalina

  • stimolano l'attività cardiaca,
  • facilitano l'assorbimento degli zuccheri da parte dei tessuti,
  • stimolano la coagulazione del sangue,
  • svolgono un'azione vasocostrittrice,
  • preparano l'organismo a reagire, per es., in risposta ad un pericolo imminente o ad un fattore stressante.

La porzione corticale del surrene è di vitale importanza. È scomponibile in tre zone che a partire dall'esterno sono chiamate: glomerulare, fascicolata e reticolare. Le tre zone producono ormoni con compiti estremamente diversi. Gli ormoni sintetizzati dalla corteccia surrenale, tutti di natura steroidea sono:

  • Ormoni glucocorticoidi: corticosterone e cortisolo.
  • Ormoni mineralcorticoidi: aldosterone che serve per il controllo idrico e salino.
  • Steroidi sessuali: progesterone-testosterone-estrogeni.

Questi ormoni svolgono un'azione regolatrice su diversi processi organici e metabolici:

  • Utilizzazione, accumulo e conservazione di zucchero, sostanze proteiche e lipidi.
  • Equilibrio idrico e minerale.
  • Secrezione di ormoni sessuali maschili e femminili.

La presenza di queste ghiandole è indispensabile per la vita.

◦⦆─────⦅◦

4.1  Patologie surrenali

Sindrome di Cushing: it.Wikipedia: Sindrome di Cushing Dispensa PT 3.3: Disordini endocrini
Sindrome di Conn: Google images: Hyperaldosteronism Dispensa PT 3.3: Disordini endocrini
Morbo di Addison: it.Wikipedia: Morbo di Addison Google images: Addison disease Dispensa PT 3.3: Disordini endocrini

Una produzione eccessiva di ormoni corticosurrenalici è di solito conseguenza di iperplasia o di tumori, ed è la causa della sindrome di Cushing > eccesso di ACTA (vedi pag. 341).

Un'eccessiva produzione di aldosterone (per tumore o iperplasia) è la causa della sindrome di Conn > eccesso di Aldosterone (vedi pag. 342).


Sindrome di Cushing
(ipercorticosteroidismo)

L'insufficienza corticosurrenalinica cronica ha come conseguenza una serie di disturbi che caratterizzano il morbo di Addison (vedi pag. 342).

I principali tumori della midollare del surrene sono il feocromocitoma (che si manifesta negli adulti) e il neuroblastoma (che si manifesta nei bambini). Il feocromocitoma è un tumore che si sviluppa nella sostanza midollare del surrene e che determina un aumento della secrezione di adrenalina. Determina un

  • rialzo della pressione sanguigna,
  • stati di ansia,
  • palpitazioni,
  • iperattività metabolica e
  • aumento del tasso glicemico nel sangue.

La terapia è chirurgica.

5.  Tessuto endocrino pancreatico


Pancreas

Le isole pancreatiche (isole di Langerhans) sono raggruppamenti cellulari presenti nel pancreas, che hanno la funzione di secernere determinati ormoni. Le isole sono costituite da diversi tipi di cellule, distinte in:

  • alfa: secernono il glucagone, ormone che aumenta la glicemia.
  • beta: secernono l' insulina, ormone con un'azione ipoglicemizzante.
  • delta: secernono la somatostatina che regola la produzione del glucagone e dell'insulina.

L'insulina è un ormone che ha la funzione di consentire alle cellule dell'intero organismo di utilizzare il glucosio. Il glucosio è uno zucchero presente nel sangue, ma in assenza dell'insulina non può passare dal sangue alle cellule. Il glucagone è l'ormone antagonista dell'insulina e frena il consumo di glucosio da parte delle cellule.

◦⦆─────⦅◦

5.1  Diabete mellito

it.Wikipedia: Diabete mellito Science photo library: Diabetes mellitus Lucidi seminario DT 2.3: Diabetes mellitus II Tutoria: Metabolismo glucidi: Patofisiologia diabete II Dispensa PT 3.3: Disturbi endocrini CSA: Sistema endocrino: Isole di Langerhans

La malattia più frequente e importante associata al pancreas endocrino è il diabete mellito (o più semplicemente diabete).

Il diabete mellito è una malattia del metabolismo e consiste essenzialmente nell'incapacità, da parte dell'organismo (generalmente per mancanza di insulina), di utilizzare il glucosio che deriva dagli alimenti. Questo si accumula nel sangue (iperglicemia) e si riversa attraverso i reni nelle urine (glicosuria). Vi sono vari tipi di diabete:

  • diabete insulino-dipendente di tipo I > giovanile (IDDM), e
  • diabete non-insulino-dipendente di tipo II > senile (NIDDM).

6.  Ovaie e testicoli

L' ovaia èun importante organo endocrino che produce estrogeni e progesterone.

Gli estrogeni, prodotti dal follicolo in maturazione e il progesterone prodotto dal corpo luteo che si forma dopo la liberazione dell'ovulo.

L'ovaia produce inoltre degli androgeni in quantità molto piccole.Alcune rare malattie possono accompagnarsi ad eccessive produzioni di androgeni. Queste condizioni possono provocare mascolizzazione, arresto delle mestruazioni, irsutismo e sterilità.

Nei testicoli la funzione endocrina è legata all'attività della ghiandola interstiziale del testicolo (cellule interstiziali o di Leydig). Queste cellule secernono testosterone, l'ormone della spermatogenesi nell'infanzia e del suo mantenimento nella vita adulta e del mantenimento delle caratteristiche sessuali secondarie.

6.1  Patologia di ormoni sessuali

it.Wikipedia: Ciclo mestruale Lucidi MmP 18.4: Disturbi di ormoni sessuali Lucidi: Malattie riproduttive MmP 23.2: -menorree Dispensa PT 6.1: Patologia genitale: Alterazioni ormonale e mestruali CSA: Sistema endocrino: Ovaie CSA: Sistema endocrino: Testicoli

Manca

Manca la patologia che riguarda gli ormoni sessuali, dai disturbi mestruali fino ai neoplasmi. 8<(_Peter


Bianca Buser fecit
Daniela Rüegg curavit

Allegati

7.            Allegati          

7.1  Bibliografia

Libri di riferimento Patologia:
* Alan Stevens, James Lowe: Patologia, Casa Editrice Ambrosiana
per gli ineressati ad un approfondimento:
* G. Herold: Guida Pratica di Medicina Interna ed. Essebiemme.

◦⦆─────⦅◦

7.2  Pagine correlate, Sitografia

Google
sul Web in Enciclopedia

◦⦆─────⦅◦

7.3  Commenti

alla pagina Malattie del sistema endocrino e ormonale: Versione in Enciclopedia

 

7.4  Pagine CSA

Anatomia & Fisiologia Apparato circolatorio Apparato digerente Apparato locomotore Apparato respiratorio Apparato riproduttivo Basi chimiche della vita Concetti generali anatomici e fisiologici Dermatopatologia Farmacologia I tessuti Igiene Immagini articolazioni Immagini muscoli e muscolatura Immagini scheletro e ossa La cellula La pelle Legislazione sanitaria Lesioni e traumi del apparato muscoloscheletrico Malattie del sistema digerente Malattie del sistema muscoloscheletrico (locomotore) Malattie del sistema nervoso e del cervello Malattie del sistema respiratorio Malattie del sistema urinario Malattie di articolazioni e tessuti molli Malattie dismetaboliche Malattie ossee Organi di senso Patologia del sistema circolatorio e del sangue Pronto soccorso Sistema escretore Sistema linfatico Sistema ormonale Anamnesi e Diagnostica Batteriologia Corso di studio assistito per Terapisti complementari: CSA CSA FTP Infiammazioni Introduzione allo studio delle malattie infettive Malattie del cuore Malattie del fegato, biliari e pancreas Malattie del sangue Malattie del sistema gastrointestinale Malattie infettive batteriche Malattie infettive parassitarie Malattie infettive virali e da prioni Micosi (malattie infettive fungine) Modelli di psicologia e psicosomatica Mutazioni cellulari Neoplasmi Patologia Circolatoria Patologia generale Patologia specifica Psicologia e Psicosomatica Sistema Linfatico S Sistema nervoso A&F SMAEB Appunti

7.5  Commentbox

alla pagina CSA / Malattie del sistema ormonale: cliccare sul titolo Commentbox per arrivarci!



Warning: strftime() [function.strftime]: It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected 'UTC' for 'UTC/0.0/no DST' instead in /Users/admin/Sites/pmwikiCSA/pmwiki.php(730) : eval()'d code on line 1
Edit - History - Print - Recent Changes - Search
Page last modified on October 06, 2013, at 12:06 PM