GalenicaApprendistato 1) Respirazione

Enciclopedia di Medicina Popolare medio europea

MedPop


Galenica domestica
Ricettari MedPop Fitorimedi links

 


HOME Versioni: .php .html .pdf Categoria: Erboristeria Galenica Fitoterapia

Pagine nel gruppo Galenica domestica (cliccare)

Un utente non (ancora) abituato a navigare in internet non si rende conto delle molte possibilità di cui può far capo perché non le conosce. Conviene leggere attentamente (ed ev. stampare) le seguenti paginette che descrivono i principi strutturali delle nostre pagine e i trucchi del navigare efficacementeNavigare in MedPopWiki (cliccare).
Chi pensa di poter migliorare il seguente testo con del lavoro redazionale è cordialmente invitato a farlo e consulti → Redazione elementare (cliccare).

Autrice: Bianca Buser

Cura, illustrazioni, collegamenti:
Daniela Rüegg

La maggior parte del Materiale didattico si trova nei domini di MedPop. In questa raccolta si trovano perlopiù dei links a delle pagine.

Il compito degli apprendisti, tra un incontro e l'altro è:

1.  Riassunto respirazione

Sono trattati i seguenti argomenti:
PremesseMalattie delle vie respiratorie Cure e rimedi


1.1  Premesse

Le malattie delle vie respiratorie appartengono alle più diffuse malattie dell'umanità e fanno parte dei più frequenti motivi per i quali la gente si rivolge al medico. Dal punto di vista dell'economia pubblica i costi causati dall'assenteismo dal posto di lavoro nonché quelli che ricadono sulla sanità pubblica sono enormi.

Il campo d'applicazione degli sperimentati e provati "rimedi casalinghi" sono indicati per esempio se qualcuno ha il naso chiuso (rinite), gli manca la parola per via della raucedine oppure tossisce (tosse o bronchite), l'ha colpito il raffreddore o la febbre.

Le fasce d'età dai 5-12 anni sono le più frequentemente colpite dalle malattie delle vie respiratorie per il fatto che il sistema immunitario (le difese dell'organismo) non si è ancora completamente sviluppato. Ciò concerne anche gli anziani, ma questo a causa dell'indebolimento del sistema immunitario.
I lattanti nei loro primissimi mesi di vita hanno ancora abbastanza protezione immunologica.
I gruppi di persone fra i 40 e i 60 anni sono i meno colpiti da simili "malattie banali".
Coloro che praticano la cura con i "rimedi casalinghi", tenendo però conto delle condizioni individuali del richiedente, possono alleviare e curare le malattie delle vie respiratorie con un grande ventaglio di piante preziose.


1.2  Malattie delle vie respiratorie

Raffreddamento albanes saninforma Influenza it. Wikipedia Tonsillite saninforma Malattie respitatorie MmP dispensa PT 5.1

I più frequenti disturbi delle vie respiratorie sono:
Tosse Bronchite Asma bronchiale Laringite Rinite Sinusite
Visto che spesso diversi di questi sintomi si presentano contemporaneamente, si parla più frequentemente di Raffreddamento e Influenza.

Sono trattati i seguenti argomenti:
Malattie infettive Tipi di disturbi respiratori Sono causate da virus oppure da batteri? Infezione batterica

Malattie infettive

La medicina ufficiale medioeuropea si vanta di essere riuscita a tenere a bada le malattie infettive con l'invenzione di antibiotici e con le vaccinazioni.
Invece i fatti sono ben diversi e cioè:

Oggi si può dire che si tratta solo di una battaglia vinta e conta poco più di 50 anni. Infatti, basta osservare come man mano i batteri si adattano perfettamente agli antibiotici.

Nelle infezioni virali, non c'è successo con le cure in genere. Purtroppo, sia per le malattie infettive banali come la tosse, il catarro, l'influenza, sia per quelle gravi come l'epatite o l'AIDS e tante altre, non c'è alcun rimedio veramente efficace. Le infezioni micetiche e molto spesso batteriche come l'otite, la sinusite, la cistite, possono essere combattute, ma spesso anche quelle con mediocre successo.


Tipi di disturbi respiratori

Il raffreddamento é un'infezione sovente batterica ma anche virale alle vie respiratorie alte che può manifestarsi con: mal di gola, raffreddore, pressione all'orecchio, raucedine, gonfiore alle ghiandole linfatiche, febbre.

L' infezione virale normalmente si manifesta in veste di un raffreddamento oppure di un'influenza. Normalmente i virus coinvolgono più parti dell'organismo allo stesso tempo e richiamano parecchi sintomi.

L' influenza è un'infezione virale causata dal virus dell' influenza. Può essere accompagnata da febbre alta, mal di testa e forti dolori muscolari e articolari e la sua più temuta complicazione è la polmonite, che in persone indebolite può avere esito letale.

I raffreddamenti si manifestano con raffreddore, mal di gola, tosse, congiuntivite, mal di testa, spossatezza e febbre e vengono curati in maniera sintomatica. Le malattie come il catarro delle vie respiratorie sono quasi sempre virali, perciò é indicata una cura prevalentemente con rimedi a base di piante per alleviare i sintomi. L'uso degli antibiotici nel caso di malattie virali é assurdo (se non vi é in corso un'infezione grave oppure un'altra complicazione), in quanto causano un effetto immunosoppressivo!.

Nel caso in cui questi segnali di malattia non danno alcun sospetto di un'infiammazione batterica e la febbre é sotto controllo, allora occorre portare un po' di pazienza e non mettere il malato sotto pressione così da accelerare il processo di guarigione.

Nella cura con i rimedi casalinghi si combattono meno gli agenti patogeni, ma vengono sostenuti e stimolati soprattutto le capacità regolative dell'organismo.
Molti disturbi delle vie respiratorie appaiono in seguito a delle infiammazioni, ferite, inalazione di sostanze velenose ecc.
Un'importante funzione di protezione contro le infezioni é rappresentata dalla mucosa del tratto delle vie respiratorie. In più essa ha delle proprietà anche battericide.


I disturbi sono causati da virus oppure da batteri?

batteri MmPvirus it.Wikipedia

Innanzitutto la cura può essere diversa a dipendenza della causa (infiammazione virale o batterica). L'infiammazione che forma il pus alle tonsille è una delle più diffuse malattie delle vie respiratorie superiori.


Infezione batterica

Infezione batterica schering-plough Streptococco encarta

L'infiammazione che forma il pus alle tonsille è un'infezione che avviene tramite i batteri, gli streptococchi (STREPTOKOKKEN). E' una delle più diffuse infezioni delle tonsille e della faringe. Le infezioni batteriche, normalmente, sono localizzate.

Nel caso in cui le vie respiratorie vengono infettate tramite gli streptococchi, solitamente viene colpita la zona della faringe.
Possono però manifestarsi altri disturbi come la febbre, gonfiore delle ghiandole linfatiche nella regione del collo (dovuto al drenaggio del materiale infettato).

Se ci fosse il sospetto di un' infiammazione con pus alle tonsille allora occorre consultare il medico. Questa precauzione è da osservare per il fatto che in seguito, se trascurata, potrebbero esserci problemi a livello cardiaco, articolare o complicazioni ai reni.

È importante porre l'attenzione sui seguenti segnali:


Effetti accompagnatori come il raffreddore, la raucedine, i dolori articolari si riscontrano più raramente.

Se questi fattori si manifestano con l'infiammazione della gola, allora occorre recarsi dal medico.
Il modo più sicuro per individuare un'infiammazione alle tonsille è quello di fare uno striscio alla faringe.


1.3  Cure e rimedi

indicati nel caso di malattie da raffreddamento


Le seguenti cure e i rimedi vengono oralmente presentati nella formazione della "Galenica Apprendistato nella Medicina Popolare", per informazioni rivolgersi a:
Bianca Buser, 6953 Lugaggia,
tel: 091/ 943.57.93, mail: bianca.buser@bluewin.ch

Prima di applicare i rimedi e le cure proposte, occorre accertarsi della diagnosi. In particolare, sarebbe opportuno rivolgersi immediatamente al medico nei casi di:

Rimedi popolari

Nella cura di banali infezioni si riscontra successo con la fitoterapia, specialmente per quanto riguarda gli oli eterici che le piante producono per la propria difesa contro batteri, virus e miceti.

Non ci vuole poi uno studio universitario e la messa in moto di tutta la sanocrazia per curare questi danni e malanni. Come ai tempi delle nostre nonne, se ne occupano molto meglio una mamma pratica o un artigiana/o di medicina popolare.

Per le infezioni gravi ci vuole la medicina ufficiale e spesso si ha poco successo anche con quella, vediamo cosa capita con la: meningite, epatite, AIDS,....

Esempio: le malattie di orecchie, naso, gola, bocca sono spesso delle infezioni (micetiche, virali batteriali), "Banali", perché non mettono in pericolo l'esistenza o il funzionamento lavorativo, ma sono dei disturbi fastidiosi, perché impediscono il buon funzionamento della respirazione, il gusto, l'olfatto e ci rendono meno disponibili verso gli altri e di cattivo umore.
Un rimedio della medicina popolare é (tra tanti altri) l'olio eterico di rosmarino: si spalma (sovente, almeno ogni ora) una goccia ai lati dei lobi nasali e sotto le narici. Esso libera immediatamente le vie respiratorie e fa passare il raffreddore normalmente in pochi giorni.

Può sembrare una superstizione, ma non lo é: il rosmarino produce il suo olio prezioso non per condire l'arrosto, ma per difendersi da miceti e batteri parassitari. E' un ottimo battericide (fra l'altro). L'olio eterico di rosmarino spalmato sotto il naso rende più fluido il muco, diminuisce la secrezione e riduce i batteri. In più, spalmato sotto il naso é fonte di permanente inalazione per qualche minuto.
E da ultimo ci guadagna il coltivatore di rosmarino e il distillatore dell'olio prezioso, ma non la sanitocrazia con i soldi del cittadino.


2.  CURE casalinghe respiratorie

Sono trattati i seguenti argomenti:
Premessa: Liquidi Febbre e brividi Cura di Sinusite Cure di infezioni otorinolaringoiatriche Cura di Rinite allergica Cura della Tosse



2.1  Osservare: I liquidi

Nel caso di febbre il corpo ha più necessità di liquidi e quindi sarebbe opportuno bere molto. Se quando il malato si alza ha dei giramenti di testa, sarebbe indicato bere un brodino o aggiungere del sale ai cibi per il mantenimento dell'equilibrio idroelettrolitico; per quello dei glucidi invece, si dovrebbero assumere dei liquidi come per esempio dei succhi di frutta (mela, arancia) e bere tè addolcito.


2.2  Febbre e brividi

Febbre e brividi MmP

La febbre e i brividi sono sintomi di infezioni e la causa é quasi sempre batterica. Si tratta di una reazione immunitaria: temperature corporee elevate aiutano il sistema immunitario a combattere i germi.
Quindi é terapeuticamente sbagliato voler abbassare la febbre se non supera i 39.5 gradi!

Sono molto importanti le malattie cosiddette d'infanzia per i bimbi e i fanciulli. Infatti, soltanto così il loro sistema immunitario é impegnato a sviluppare delle immunità, formando anticorpi contro tanti germi patogeni.


Le malattie infettive si curano molto bene con il metodo alla nonna che significa:

Le malattie virali normalmente provocano poca febbre, mentre quelle batteriche possono manifestare febbre anche sopra i 40 gradi. In questo caso però é meglio intervenire con delle misure che abbassano la temperatura corporea ed eventualmente consultare un medico o pediatra.

L'impiego di antibiotici va lasciato strettamente al medico o pediatra. La somministrazione di specifici antibiotici sono riservati alle malattie che potrebbero diventare, se non curate adeguatamente, fatali soprattutto per l'anziano o il bambino. Teniamo presente che una volta iniziata la cura con gli antibiotici essa é assolutamente da portare a termine. Se ciò non vien fatto, vi é il rischio, che si formano dei germi resistenti all'antibiotico!


2.3  Cura di Sinusite

Sinusite it.Wikipedia Sinusite acuta e cronica MmP

La sinusite si presenta quando la mucosa dei seni mascellari, nasali, frontali (cavità ossee con piccole uscite verso il tratto respiratorio nasale) sono infiammati, secernano tanto muco e le vie scariche non liberano più sufficientemente. Di solito la causa é un'infezione virale o batterica (spesso incapsulata in periodi latenti). Ci sono anche delle forme di irritazioni, di allergie e delle forme miste.
Le cure riguardo le forme croniche sono lunghe, perché occorre sciogliere le croste, far uscire i residui, aprire i focolai di germi, sradicare i germi patogeni, rigenerare la flora protettiva e il funzionamento di macrofagi mucotici ed eventualmente alienare le iperreazioni irritattive/allergiche.
In forme acute e gravi consultare uno specialista "otorinolaringoiatra" per eventualmente aprire "le scariche dei seni" e se proprio indicato, combattere la fase acuta con antibiotici.


2.4  Cure di infezioni respiratorie

Nella cura delle malattie infettive, le piante e i loro aromi sono spesso una validissima alternativa alla chimica.

Sono trattati i seguenti argomenti:
Inalazioni Lavaggio delle fosse nasali Impacchi di senape


Inalazioni

Inalazioni ilcomunicatosalute

Le inalazioni sono indicate per tutte le malattie infettive delle vie respiratorie, specialmente nel caso di: tosse, bronchite, polmonite, laringite, faringite, rinite, sinusite, otite. Questa cura inibisce l'evasione di germi fuori dal focolaio.
Le inalazioni sono ingiustamente trascurate (e anche malfatte): per le infezioni di naso, gola, orecchie, bronchi esse sono di grande importanza, perché rappresentano un potente strumento per tenere sotto controllo le infezioni e la loro propagazione.

Preparare un infuso con 2-3 cucchiai di erba in acqua bollente. Coprendosi la testa con uno straccio, inalare il vapore del recipiente. Si può anche utilizzare un apparecchio specifico che si trova in farmacia.
L'infusione é efficace anche con gocce di olio eterico in acqua bollente. Se viene mescolata prima con un olio (p.es. Calendula o Nigellae), evapora più lentamente e si beneficia anche delle proprietà dell'olio che si depositano anche un pò sulle mucosi.


Melaleuca
Rp.: Inalazioni
Aeth. Melaleuca (virostatico)
Aeth. Eucaliptus (virostatico)
Aeth. Lavandulae (germicida)
Aeth. Thymus aa 1 (mucodiluente)
Oleum Calendulae 10 (curativo, antiinfiammatorio)
Oleum Nigellae ad 30 (antiistaminico)
D.S.Mettere poche gocce nell'acqua bollente e inalare con il naso e la bocca una volta al giorno.

Abbreviazioni

N.B. Nel caso in cui le narici fossero otturate,
si consiglia di procedere, prima di fare le inalazioni,
al lavaggio delle fosse nasali.



Lavaggio delle fosse nasali

Per il lavaggio delle fosse nasali si consiglia il seguente rimedio:

Rp.: Naso tappato, Cura mucosi nasali
Rhinomer NOVARTIS (reperibile in farmacia)
D.S.Secondo foglio illustrativo

Abbreviazioni



sale
Rp.: Naso tappato, Cura mucosi nasali
Acqua e sale q.s.
D.S.Sciogliere tanto sale nell'acqua tiepida (in un recipiente piatto).

"Tirarlo su" respirando tramite la bocca fino a quando si sente l'acqua colare in gola 1...2 volte al giorno.
Abbreviazioni



Impacchi di senape


Senape

Gli impacchi con la polvere di
senape é indicata e molto efficace nel caso di un
attacco di sinusite.

Rp.: Sciogliere croste senoidali
Farina Senape 20 gr.
f Impacco sulla zona in merito per qualche minuto. 1 p.d. Cave! Occhi

Abbreviazioni



2.5  Cura di Rinite allergica

Allergologia dica33 Rinite allergicamedicitalia

Si é colpiti dalla rinite quando "cola il naso". Questo potrebbe avere delle cause infettive (influenza, infezioni batteriche o virali) oppure delle cause irritative (polveri, fumi ......) oppure delle cause allergiche (pollini, profumi, detersivi, cosmetici......). Spesso si combinano anche più cause.

I sintomi sono: starnuti, aumento della secrezione nasale.
In genere si tratta di forme infettive, possono esserci pure dei processi infiammatori allergici.

La cura dei sintomi acuti è normalmente locale: inalazioni, lavaggi o gocce/spray nasali.
Si consiglia inoltre di applicare una goccia di olio eterico di rosmarino sulla parte esterna (sotto il naso e ai lati dei lobi del naso); si possono eventualmente utilizzare i lavaggi nasali.

Si usano soprattutto delle sostanze:


Hydrastis
Rp.: Rinite allergica
Tinct. Sambucus 40 emolliente delle vie aeree
Tinct. Euphrasia antiinfiammatorio nasale (nonché oculare)
Tinct. Hydrastis immunostimolante
Tinct. Ephedrae aa 100 antiistaminico
D.S. Ingerire da 1...3 pipette (1...3 ml) 3 volte al giorno in un po' d'acqua tiepida.

Abbreviazioni



2.6  Cura della Tosse

Tosse it.Wikipedia Tosse health

Sono trattati i seguenti argomenti:
Quando consultare il medico Come si cura la tosse

La tosse può essere definita come un'irritazione dovuta a: infezione ai bronchi e alla gola; infiammazioni allergiche di bronchi e gola oppure impulsi nervosi.

Infatti, la tosse è un riflesso di protezione molto importante con il quale il muco, la polvere e i corpi estranei, mediante una forte spinta, possono essere espulsi verso l'esterno e fuori dalle vie respiratorie.

Le cause più frequenti sono delle infezioni virali o batteriche dei bronchi (bronchite) che solitamente appaiono durante un'influenza con sintomi quali: febbre e raffreddore, dolori alle articolazioni e spossatezza.

Normalmente la tosse secca, in seguito a un'influenza, dopo un giorno o due passa a un'espettorazione consistente e mucosa che però guarisce in poco tempo. La tosse irritativa é una forma di "tosse secca" non dovuta a infiammazioni, infezioni, irritazioni, allergie esterne. Le cause potrebbero essere:


Ci sono alcuni casi in cui la tosse potrebbe essere una conseguenza di un'allergia.
Inoltre, la tosse potrebbe essere causata da sostanze irritative nell'aria che si respira o tramite malattie polmonari oppure da effetti collaterali dovuti ai medicamenti.



Quando consultare il medico

Nel caso in cui, nonostante le cure proprie, la tosse perdura più a lungo di una settimana oppure se si tossisce molto forte e si ha febbre, dolori al petto, sensazione di nausea allora bisognerebbe rivolgersi al medico che farà una diagnosi differenziata e proporrà dei rimedi specifici.

Per i neonati e i piccoli bambini bisognerebbe chiarire con il medico la causa della tosse.

Attenzione: rischio (molto raro) di difterite, in questo caso occorre consultare il medico. Si può controllare questa situazione, osservando alcuni sintomi: pelle grigiastra e/o grandi difficoltà respiratorie.


Come si cura la tosse

Sono trattati i seguenti argomenti:
Cure popolare, senza medicamenti Sciroppo di fiori di sambuco Sciroppo di gemme di pino Sciroppo di timo Sciroppo di cipolla Altri rimedi popolari

Durante i primi giorni di raffreddamento è prioritario curare la tosse sovente fastidiosa e irritativa. Quando la tosse si manifesta a poco a poco in maniera "produttiva", bisognerebbe sostenerne la formazione e lo scioglimento del muco. La tosse consente di espellere il muco. Senza questo processo, non si può permette che i batteri fuoriescano.

In questo caso si potrebbe curare con la fitoterapia che è una terapia condotta con elementi vegetali (vedi rimedi come le tinture e sciroppi contro la tosse).

Sarebbe pure indicato e distensivo spalmare una miscela composta da diversi olii (calendula o comino nero con l'aggiunta di olii eterici come la melaleuca, rosmarino, eucalipto e altri) sul petto.
Inoltre, per calmare i sintomi della tosse in modo da permettere il riposo, sarebbe opportuno procedere con delle inalazioni prima di andare a dormire.
L'inumidire delle mucose e un impacco pettorale aumentano lo scioglimento della tosse e alleviano le infiammazioni dolorose dei bronchi.


Cure popolari, senza medicamenti

Gli sciroppi di erbe medicinali popolari (p.es. di timo, sambuco e gemme di pino) si prestano bene per sciogliere il muco e calmare la tosse irritativa.
È comunque consigliabile di bere tanto per permettere al muco di sciogliersi. Indicate sono pure le tisane contro la tosse, già pronte e reperibili nelle farmacie oppure gli sciroppi fatti in casa di timo, sambuco, gemme di pino, dell'acqua calda o del latte con il miele.


Sciroppo di fiori di sambuco

Sambuco

Ingredienti:
4 lt. acqua
4 kg zucchero
24 fiori
4 limoni (1/kg)
1 bustina da 50 gr. di acido citrico

Procedimento:
Scaldare l'acqua quasi bollente e aggiungere i 4 kg di zucchero, i fiori e i limoni tagliati a fette.
Lasciar riposare per 24 ore, spremere il tutto, colare, aggiungere l'acido citrico, lasciar riposare 1 ora ed infine imbottigliare bollente.

Posologia:
Adulti: 3-5 cucchiai da minestra al giorno
Bambini: 3-5 cucchiaini da tè al giorno


Sciroppo di gemme di pino

Gemme di pino

Ingredienti:
2 manciate di gemme di pino selvatico (attenzione a coglierne poche per pianta; sono protette)
1 kg di zucchero per 1 lt. di acqua
1 limone
1 arancio

Come variante è ottimo se alle gemme si uniscono alcune manciate di serpillo fresco (timo selvatico).

Procedimento:
Mettere in una pentola le gemme di pino (devono essere belle chiare e tenere) e coprire con acqua fredda. Per ogni litro d'acqua unire 1 limone e 1 arancia a fette (BIO). Portare il tutto a ebollizione e lasciare raffreddare da 1/4 d'ora a 1/2 ora. Lasciare riposare coperto per 4 ore (se si fa la sera può riposare anche tutta la notte). Filtrare con un telo, spremere bene.
Pesare il liquido 1 litro + 1 chilo di zucchero. Rimettere sul fuoco, portare ad ebollizione e imbottigliare bollente. Una volta aperto è da tenere in frigo per la conservazione.

Posologia:
Adulti: 3-5 cucchiai da minestra al giorno
Bambini: 3-5 cucchiaini da tè al giorno


Sciroppo di timo

(quantità per ca. 6,5 dl di sciroppo)


Timo

Ingredienti:
Zucchero candito 650 gr.
Acqua 3,5 dl
Timo fresco 2 manciate
Timo secco 2,5 manciate

Procedimento:
Mettere in una pentola l'acqua con il timo (se si usa quello secco, lasciarlo gonfiare per 1-2 ore), aggiungere lo zucchero candito e portare ad ebollizione pian piano, far sobbollire sempre piano per 5-10 minuti. Lasciar riposare il tutto per 30-60 minuti, poi filtrare. Rimettere lo sciroppo filtrato di nuovo sul fuoco, portare ad ebollizione (non fare più bollire) imbottigliare chiudere subito bene la/le bottiglie. Una volta aperte la/le bottiglie sono da conservare in frigorifero per via della conservazione.

Posologia:
Adulti: 3-5 cucchiai da minestra al giorno
Bambini: 3-5 cucchiaini da tè al giorno

oppure (attenzione alle gemme di pino perché sono protette è quindi coglierne solo poche alla volta per non far morire la pianta:→sciroppo di gemme di pino


Sciroppo di cipolla

Cipolla bianca

Ingredienti:
2 cipolle, piccanti (non di quelle rosse)
4 cucchiai da minestra di zucchero

Procedimento:
Tritare le cipolle, aggiungere lo zucchero e lasciare al caldo (sul calorifero, vicino al camino, la stufa o il riscaldamento) fino a che si forma uno sciroppo "giallo oro".
Poi togliere ogni volta la dose necessaria e lasciare a macerare al caldo quella rimanente.

Posologia:
Bambini:ogni ora 1 cucchiaio da tè di sciroppo non diluito.

N.B.: L'olio di senape è il contenuto della cipolla che subisce un processo biochimico (bioreattore) dove si ottengono le sulfonamide (zolfo). E' il primo antibiotico di ca. 80 anni fa.
La preparazione puzza, sono poi le molecole nell'aria a prevenire i malanni per le persone presenti.

Per sciogliere il muco sono efficaci anche gli sciroppi di aglio, cipolle oppure rafano fatti in casa con:
"2 spicchi d'aglio oppure 1 cippolla tagliata con 3 cucchiai da minestra di zucchero candito e 1/8 litro di acqua, bollire per ca. 10 min. per un po' lasciare raffreddare, scolare e ingerire a cucchiai. Grattuggiare un rafano e lasciar riposare per alcune ore con tanto zucchero candito oppure miele. Il succo che ne deriva viene poi ingerito a cucchiai".→Galenica

Questa ricetta della nonna è molto efficace ma poco usata, perché tutta la casa puzza di cipolla. Solo ai bambini piace, perché é dolce.
Si tratta di una specie di sulfonamida (antibiotico) naturale.


Aglio
Rp.: Raffreddore, tosse, bronchite....
Bulb.rec. tritati Alium cepae pz. II
trito cipolle
adde:Saccarosio c.m. IV aggiungi zucchero.Lasciar macerare al caldo. Si forma uno sciroppo "giallo oro".
D.S. Ingerire ogni ora un c.t. (cucchiaio da tè) dello sciroppo.

Abbreviazioni



2.7  Tosse & catarro

I rimedi spasmolitici per la tosse sono dei preparati già pronti a base di timo, gemme di pino, edera e petasites (farfaraccio). Tussilago farfara, althae, malva e plantago formano sopra il muco bronchiale uno spessore protettivo e quindi localmente riducono l'irritazione.
Questi prodotti si trovano in forma di sciroppo, tinture, tisane o caramelle da succhiare.


Edera
Rp.: Tosse & catarro
Tinct. Hb Thymi No 20 broncospasmolitico, espettorante, antibatterico, mucodiluente
Tinct. Fol. Hederae ad 30 espettorante e spasmolitico
Aeth. Menthae pip. gtte. V leggero anestetico, alito-rinfrescante
D. Nel nebulizzatore S. Spruzzare più volte al giorno (anche ogni ora) in bocca.

Abbreviazioni


Hb. Thymi e Fol. Hederae vengono utilizzati come espettoranti, secretolitici (saponine) ed antispastici per tossi convulsive, bronchite spastica e catarri cronici.


Preparazione della tintura di timo ed edera


Ingredienti:


Procedimento:

Mettere il timo e l'edera nel vaso, coprire con l'alcol:

Il timo e l'edera devono comunque essere coperti completamente dall'alcol. Mettere il vaso in cucina o in un luogo dove si passa tutti i giorni in quanto il vaso deve essere girato e mosso, al minimo una volta al giorno per ca. 1 mese.
Filtrare ed imbottigliare possibilmente in un recipiente di vetro scuro.

La tintura non ha scadenza.


Posologia:

Somministrare a gocce: fino a 20 gocce ogni ora in un po' d'acqua tiepida.
Nel nebulizzatore: spruzzare (ogni ora) più volte al giorno in bocca.


Cure con medicamenti

Importante è che venga scelto il rimedio idoneo al momento indicato (p.s. per evitare delle recidive l'antibiotico non dovrebbe venir somministrato entro le 24 ore).

L'uso dei bloccanti della tosse "Hustenblocker" potrebbero dare sollievo nel caso di una tosse secca che, alle volte, potrebbe sfociare in un attacco di tosse spiacevole accompagnato dal dolore.
Comunque, durante il decorso della malattia da raffreddamento dobbiamo sostenere la produzione di muco con dei preparati che lo sciolgono. Consigliatevi presso il vostro farmacista di fiducia.

Il Resyl plus (codeina) viene pure utilizzato, ma per calmare l'irritazione.


"Bloccanti" della tosse?

I medicamenti bloccanti, ossia anti-tosse dovrebbero essere somministrati solo nei casi in cui non si riuscisse a dormire di notte; in quanto disturbati a causa della tosse oppure se questa fosse dolorosa.
Non somministrare dei bloccanti quando le vie respiratorie sono intasate dal muco, altrimenti in assenza dello stimolo della tosse non è possibile espellere il muco. In pratica, è sconsigliabile il ricorso a "bloccanti" della tosse proprio perché con essi si interrompe il processo di espulsione del muco e quindi non si permette che i batteri fuoriescano.



2.8  Bronchite


Incenso

La bronchite, cioè l'infiammazione dei bronchi, può essere di due tipi: acuta o cronica. La bronchite acuta è caratterizzata da febbre e da tosse secca e dolorosa, condizioni che persistono solitamente per qualche giorno. Nei primi stadi, la tosse è molto secca, ma non appena i bronchi producono una quantità maggiore di muco in risposta all'infezione, la tosse diventa meno aspra e fastidiosa, perché il muco lubrifica i bronchi. La bronchite acuta é provocata solitamente da un'infezione virale del sistema respiratorio superiore, come ad esempio un raffreddore o un mal di gola, che poi si diffonde via via fino a colpire i polmoni.

Il trattamento con gli oli essenziali mira a combattere l'infezione, ad abbassare la febbre, a calmare la tosse e ad espellere il muco. Negli ultimi stadi della bronchite acuta, è molto importante liberare i bronchi dal muco per prevenire complicazioni e in questo caso tutti gli oli espettoranti, benzoino, timo, rosmarino, eucalipto e lavanda, si rivelano utili.

Rp.: Balsamo per i bronchi
Ol. coct. Cannabis ml 25 miorilassante
Oleum Nigellae sat. ml 25 antifiammatorio
Cera Flava gr 5 ispessice gli oli e li rende cremosi
Aeth. Cera d'api ml 0.5 stesse proprietà del miele
Aeth. Benzoae ml 0.5 calmante
Aeth. Thymi gtt XV antivirale
Aeth. Rosmarini gtt X batteriostatico
Aeth. Eukaliptus gtt V antivirale CAVE! Bimbi, spasmi.
Aeth. Incensi gtt V antisettico
Aeth. Lavanda gtt germicida
m.f. Unguentum. Spalmare 2....3 volte al di sul torace

Abbreviazioni


Eucalipto

Nighella sativa



Procedimento:


2.9  Bronchite cronica

Bronchite cronica it.Wikipedia Bronchite cronica ostruttiva torrinomedica



2.10  Mal di gola, faringite, tonsillite

faringite saninforma Faringite sapere


Chiodo di garofano
Rp.: Tonsillite
Tinct. Arnica 20 microcircolazione
Tinct. Salvia 20 adstringente, mucolaginoso
Aeth. Melaleuca 3 antivirale
Aeth. Lavanda 3 antimicetico, battericide
Aeth. Garofano 4 battericide, analgesico
Aeth. Chamom. matr. gtt. III antiinfiammatorio, granulomatoso
D. S. Risciaqui: una pipetta in poca acqua. adde (aggiungere):
Acqua ossigenata 3% c.t. 1 battericide anerobico
fare gargarismi

D. in nebulizzatore S. Inalazione: spruzzare in bocca inalando (ogni qualche ora).
Abbreviazioni



Arnica montana
Rp.: Mal di gola, faringite
Tinct. Thymus 30 mucodiluente, germicida
Aeth. Menthae gtte. V localanestetico, alito-rinfrescante
D. ad vitr. nebulizzatore

S. Spruzzare in bocca più volte al giorno.
Abbreviazioni



2.11  Otite (Mal di orecchie)

Otite nataunamamma Otite dica33

L'otite media è un'infezione dell'orecchio medio. Normalmente è secondaria e proveniente dalla rinite, tonsillite, laringite, .... I germi salgono tramite il tubo di Eustacchio (serve per l'equilibrio della pressione tra l'orecchio medio e l'ambiente) e "colonizzano" l'orecchio medio. Il muco, formatosi a causa dell'infiammazione, può ostruire il tubo e questo può creare (oltre al tremendo dolore) lo scoppio del timpano e far perdere l'udito dell'orecchio colpito.

La miglior prevenzione contro l'otite sono delle regolari inalazioni durante tutte le infezioni respiratorie, farigeali laringeali come durante un'otite acuta.

In caso di febbre oltre ai 39° (centigradi) e forti dolori occorre rivolgersi immediatamente dal medico.

Oltre a consultare un medico, in casi di emergenza questi possono essere semplici consigli:


Rimedi per l'otite

Il rimedio normalmente utilizzato in caso di otite è spasmolitico, antinfiammatorio, antidolororifico e anche po' antinfettivo: olio di mandorla, canapa, lavanda e melaleuca. Inoltre, per liberare il tubo di Eustachio, possono essere utili inalazioni, come nel caso del raffreddore.


Mandorla
Rp.: Mal di orecchie
Oleum Mandorla 10 eudermico
D.S. Mettere 1 gt. di olio tiepido nell'orecchio ogni ora.

Abbreviazioni


L'olio di mandorla cura la pelle, penetra molto bene e si addice a tutti i tipi di cute, da quella dei bambini a quella delle persone anziane. E' particolarmente indicato in caso di pelle sensibile, fragile e secca.



Altri rimedi popolari

Sono inoltre adatti gargarismi con germicidi, inalazioni con germicidi, mucodiluenti, antiinfiammatori come inalazioni di melaleuca, timo, salvia (quest'ultima da evitare per gli epiletici), camomilla, lobelia come pure gli enzimi proteolitici (Wobenzym N, Mugos) →Wobenzym N).

Fare le inalazioni con l'acqua calda (attenzione affinché non lo sia troppo), aggiungendo gli oli eterici come il timo, l'eucalipto (Cave! E' consigliabile essere prudente con i neonati o i piccoli bambini nell'applicazione dell'olio eterico di eucalipto; potrebbe provocare degli spasmi), la melaleuca, la lavanda il rosmarino e questi ultimi miscelati con l'olio di calendula e quello di comino nero (nigella sativa), in maniera che si possa espettorare meglio il muco. Quando si fanno i suffumigi bisogna stare attenti, affinché il vapore non sia troppo caldo.



3.  Rimedi popolari

Sono trattati i seguenti argomenti:
Cenni storici Curare con i "rimedi popolari"? Il rimedio Fare rimedi Oli essenziali (eterici) Tinture, Tintura madre Macerazione alcolica Preparazione di tinture

3.1  Cenni storici


E' impensabile pensare di poter redigere la storia dell'uso delle piante in medicina. Si dovrebbe riprendere in mano lo studio di tutte le civiltà del passato, poiché l'uomo ha sempre cercato nelle piante non solo un'utilità domestica e alimentare, ma anche finalità terapeutiche evidenti.

Fin dalla più remota antichità, l'uomo, trovandosi di fronte alla malattia, ha cercato il rimedio dei suoi mali nell'ambiente più immediato e più accessibile. Già allora gli antichi possedevano una farmacopea vegetale che comprendeva numerosi principi attivi che ora ci permettono di capire l'efficacia delle loro terapie. Per il resto, in tutte le maggiori biblioteche si trovano migliaia di volumi sull'argomento, dai più vecchi ai più recenti.



3.2  Curare con i "rimedi popolari"?

Rimedio fitoterapico it.Wikipedia Tisana it.Wikipedia

Tutto sommato si tratta di "automedicazione" come viene definita in modo un po' semplicistico.

Le tisane sono preparazioni acquose, che possono essere leggermente zuccherate e che sono destinate a servire sia da veicolo per diverse sostanze medicinali, sia più spesso da bevande per malati.

Sono dei preparati farmaceutici''' senza necessità di "ricetta medica" per curare danni e malanni quotidiani.

La parte più preziosa e anche più antica dei rimedi popolari é costituita dai fitorimedi. Malauguratamente essi si sono ridotti a scialbe tisane per "alternativi", bimbi e senescenti. Questo é un gran peccato.

Noi che pratichiamo la medicina popolare, riusciamo quasi sempre a trovare delle preparazioni efficaci quanto i farmaci sintetici. E' chiaro che le modalità terapeutiche saranno diverse secondo le fasi evolutive della malattia. Ma questo richiede tempo e impegno, perché per ogni individuo ci vuole un rimedio individuale e una preparazione "magistrale" fatta a mano da Peter, da me o da Caterina e nel prossimo futuro anche dai nostri apprendisti. Sempre più spesso, insegniamo direttamente alla persona che ce lo richiede, il modo come prepararsi un determinato rimedio per alleviare i suoi disturbi.
E' questo sapere che vogliamo tramandare, perché malgrado i notevoli successi che si ottengono, é un sapere che si sta estinguendo.


3.3  Il rimedio

giusto per la malattia sbagliata!

Il tallone di Achille della medicina popolare é la scarsa capacità diagnostica. Per cui capita che potentissimi rimedi popolari non danno l'effetto desiderato, perché sono usati per curare malattie sbagliate.

L'unico modo per ovviare a questo inconveniente é quello di aumentare la capacità pubblica di riconoscere almeno i sintomi di malattie e disturbi "banali". Sfogliando il sito troverete abbondante materiale che riguarda questa problematica. Coloro che non avessero ancora questa possibilità, possono chiedere spiegazioni direttamente a me o a Peter.


3.4  Fare rimedi

magistrali (Galenica)


Non é tanto una questione scolastica o universitaria, bensì artigianale. Io con Caterina, gli apprendisti e persone interessate dedichiamo molto tempo a questo importante e meticoloso mestiere casalingo: la cucina deve essere ben attrezzata e occorre avere buone doti di culinaria.

Chi intende imparare questo antico e nello stesso tempo moderno mestiere consiglio di:

1. Studiare attentamente il testo "Galenica" per rendersi conto a cosa si va incontro (FTP 4: Galenica)
2. Annunciarsi a Bianca o a Caterina:


3.5  Oli essenziali (eterici)

O.E.; Eth.; Aeth.

Olio essenziale it.Wikipedia

Come gli estratti, la facile reperibilità di piccole quantità di oli eterici a prezzi ragionevoli e la possibilità di legarli per miscelarli con oli e alcolici li ha resi un vero arricchimento della medicina popolare. Intanto é consigliabile, al non ancora afferrato curatore popolare, di limitarsi all'uso esterno come aggiunta ad una piccola concentrazione (1 - 5%, entrano comunque in circolazione). Il passo successivo é l'aggiunta a certe composizioni di tinture come corrigens in ancora più piccole concentrazioni (0.1 - 1%). Dopo esservi fatti le ossa e previa consultazione della relativa letteratura si può osare di impiegare alcuni degli oli essenziali come dei veri e potentissimi rimedi orali (da 1 - a pochissime gocce).


Diluizioni

Gli oli essenziali sono sostanze altamente concentrare che vanno diluite in un olio vettore, ad eccezione dell'olio essenziale di lavanda. In dosi minuscole possono essere applicati su ustioni, tagli, abrasioni, morsi e punture d'insetto.


Per l'uso medicinale servono:

La proporzione più comune per il massaggio è il 3%, cioè 3 gocce di olio essenziale su 100 gocce di olio vettore, che equivalgono a circa 5 ml, quindi il modo migliore per calcolare la diluizione é di aggiungere 3 gocce di olio essenziale a 5 ml di olio vettore, utilizzando un cucchiaio o un misurino apposito.

CAVE! Nel caso di bambini, donne incinte, anziani o persone con pelli molto sensibili, gli oli essenziali dovrebbero essere diluiti ulteriormente, all'1,5%, 1% o persino allo 0,5%, utilizzando lo stesso metodo di misurazione (poiché non é possibile misurare mezza goccia di olio essenziale, aggiungetene 3 gocce a 10 ml di olio vettore per ottenere una diluizione dell'1,5%, 1 goccia a 10 ml per 0,5% e così via). Gli oli essenziali non si diluiscono in acqua, quindi se vengono aggiunti all'acqua per i suffumigi o del bagno, galleggiano come una sottilissima pellicola sulla superficie e in parte aderiscono sulla pelle allo stato puro; é importante ricordare questo fattore quando si utilizzano oli irritanti o fotosensibilizzanti.


3.6  Tinture, Tintura madre

Tinct.; UT / TM / Ø

Tintura madre it.Wikipedia Tinture my-personaltrainer


tinture madri

Rappresentano i materiali basilari e ideali per la preparazione artigianale e individualizzata di rimedi, sia per la preparazione che per la somministrazione. Consigliamo vivamente tutti gli interessati di concentrarsi su questa applicazione orale, ovunque possibile. Gli strumenti casalinghi necessari sono veramente alla portata di tutti.




3.7  Macerazione alcolica (tinture)

L'estrazione artigianale e casalinga della maggior parte delle erbe cosiddette "non critiche" al dosaggio (miti, medi) e per un proprio uso è assolutamente da consigliare.

L'estrazione attraverso la macerazione alcolica, libera dalla pianta delle sostanze solubili nell'acqua (idrofili) e solubili nell'alcol. Nella macerazione, il procedimento a freddo non altera (o poco) le molecole delle sostanze attive e non provoca nemmeno l'evaporazione degli oli eterici. Inoltre l'alcol è un ottimo antibiotico e rende inerte la maggior parte dei microrganismi contenuti nelle erbe (disinfettante) come impedisce pure la loro proliferazione micotica o tramite le loro spore (conservante).
Così le tinture sono dei rimedi che si conservano bene e a lungo, anzi, durante i primi anni (immagazzinati allo scuro e al fresco) migliorano nella qualità come una buona grappa.

Le tinture si fanno con delle piante sia fresche che essicate.
[[#in


Preparazione casalinga o artigianale:


Gli alcol da usare devono essere:


althea

Le proporzioni tra le piante (fresche o essicate) e l'alcol "lege artis" sono prescritte nelle farmacopee.

Artigianalmente di solito si usano le seguenti proporzioni:

Ecco come procediamo alla preparazione delle piante per la macerazione alcolica:

Non appena riempito il vaso con le erbe per la macerazione alcolica, aggiungiamo il distillato pesato o misurato e lo chiudiamo ermeticamente. Applichiamo immediatamente l'etichetta con i dati anagrafici della porzione, p.es.:

Tinct. Hb. Timo sicc.
120/500 ml (ca. 1:4)
Lugaggia, 10.12.08/Bianca Buser / bb


Timo
Rp.: Tinct. Timo
Hb.sicc.conc. Timo 120gr
Vodka 42% 500 ml
f. Maz. Alcol. S. Maz.alcol.Timo

Abbreviazioni


Poi si pone il vaso in un posto riscaldato, non soleggiato e visibile al passaggio: così non ci si dimentica di agitarlo almeno una volta al giorno. Dopo tre settimane (va bene anche un mese o due) si procede al filtraggio e all'imbottigliamento.
Dopo un primo passaggio, pesiamo il ricavato filtrato. Poi determiniamo la perdita di alcol e aggiungiamo questa quantità versandola sulla massa spremuta e spremendo un'altra volta fino a raggiungere ca. il peso iniziale di alcol.

Prima di filtrare si preparano gli attrezzi:



3.8  Preparazione di Tinture

(da erbe essicate)

Il fatto che la preparazione delle seguenti tinture non corrisponde perfettamente a quella delle tinture secondo le farmacopee nazionali non ha un'importanza rilevante per i rimedi cosiddetti "miti".
Invece per la preparazione dei rimedi detti "forti" (velenosi) hanno una grande importanza le preparazioni secondo le farmacopee e quindi dovete assolutamente rivolgervi al vostro farmacista di fiducia; in quanto solo così può essere garantito un dosaggio ragionevole e adeguato al caso.

La preparazione del tipo "casalinga" è seguente:


Timo
Rp.: Tintura
Pianta sicc. conc. 120 p.es. Hb. Timo
Alcol 40% 500 p.es. Grappa, Gin, Vodka, Whisky, ....
Mac. almeno 3 settimane. Filtra. Adde:
Alcol ad 500
D. vaso scuro S. Tinct. "Pianta", data, ev. luogo e data di raccolta e firma.

Abbreviazioni

Dettagli vedi dispensa FTP 4: Galenica Galenica


Attrezzature:


Misurino di volume



Materiale ausiliario:


Fase di preparazione


Fase di finitura


Materiale base:




Preparazione del macerato:

1) Riempire un vaso pulito con 120 gr. di pianta essicata
2) Aggiungere 1/2 litro di alcol 40%
3) Chiudere ermeticamente il vaso
4) Agitare bene il vaso


Cura del macerato:


Finitura:


1) Coprire un colino con un pezzo di stoffa pulita ( pannolini oppure garza)
2) Adagiarlo su un recipiente pulito
3) Versare il macerato e lasciarlo colare bene bene
4) Strizzare la stoffa, pannolino o garza, per far uscire più liquido possibile
5) Misurare il liquido filtrato (p. es. 420 ml)
6) Versare la differenza, rispetto al liquido originale, nel rimanente rimasto nel vaso, strizzare la stoffa
7) Eventualmente filtrare con un filtro di carta che serve per far colare il caffè (chiamato anche Melita)
8) Versare in una bottiglia scura
9) Scrivere l'etichetta con: quantità originale e quella ricavata, luogo, data e firma.



4.  Materiale di studio


4.1  Preliminari

Sono trattati i seguenti argomenti:
Chi siamo Che cosa facciamo Programma Immagini

Chi siamo

Bianca Google Caterina Google Daniela Google Peter Google

Che cosa facciamo

Medicina laica Google Medicina popolare Google Medicina popolare it.Wikipedia


Programma: Sistema respiratorio, Otorinolaringoiatria

  1. Introduzione alla formazione e presentazione persone 30 min.
  2. Introduzione alla medicina popolare e alla fitoterapia 20 min.
  3. Dimostrazione studio autodidattico internet 30 min.
  4. Pausa
  5. Spiegazione e dimostrazione sul lavaggio delle mani 10 min.
  6. Preparazione rimedi: esempio di una preparazione di una tintura, uno sciroppo e un balsamo.

Immagini del primo incontro

Galleria / Dia-Show

Diapositive
Smetti


4.2  Medicine

Medicina it.Wikipedia

Vengono trattati gli argomenti seguenti:
Terapie alternative Corso autodidattico MedPop

Terapie alternative

Medicina alternativa: categoria it.Wikipedia Terapie: categoria it.Wikipedia

Corso autodidattico MedPop

 
 

4.3  Respirazione

Sono trattati i seguenti argomenti:
Apparato respiratorio Malattie respiratorie

Apparato respiratorio

Malattie respiratorie

4.4  Galenica e dintorni

Sono trattati i seguenti argomenti:
Raccolta delle erbe Fitoterapia Farmacia domestica Preparazione dei rimedi

Raccolta delle erbe

Fitoterapia

Farmacia domestica

Preparazione dei rimedi

4.5  Ricettari e Ricette respiratorie

Sono trattati i seguenti argomenti:
Ricettario respirazione Ricette respirazione Cura della respirazione

Ricettario respirazione

Ricette respirazione

Cura della respirazione

4.6  Varie

5.  Annessi

Sono trattati i seguenti argomenti:
Pagine Galenica Sitografia Organizzazioni Impressum Commenti Allegati: Motori di ricerca, Commentbox

5.1  Pagine Galenica MedPop

Pagine nel gruppo GalenicaApprendistato

Galenica domestica

description: medicina popolare, Apprendistato, galenica, domestica,Partecipanti, Staff, Apprendisti, Programma, Bianca Buser, Peter Forster, Daniela Rüegg
description: medicina popolare, Apprendistato, galenica, domestica,Partecipanti, Staff, Apprendisti, Programma, Bianca Buser, Peter Forster, Daniela Rüegg
description: Apprendistato, galenica, domestica, Progetto, Tornare indietro, andare avanti, Partecipanti, Staff, Apprendisti, Programma, Pagine, gruppo, GalenicaApprendistato
description: forum, apprendistato, galenica, Bianca, Brigit, Caterina, Marilena, Marusca, Milva, Paloma, Peter, Stefania, Tiziana
description: Andrea Kimmel, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Anita Rutigliano, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Ivana Poroli, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Luciana Scesa, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Paola Radaelli, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Rachele Zurini, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Tina Staedler, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Bianca Buser, coordinatrice, galenica, fitoterapia, erboristeria, apprendistato, pagina utente
description: Caterina Scudo, capo squadra, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Claudia Salmina, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Daniela Rüegg, redazione formale, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Elena Gantenbein, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Francesca Brazzola, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Marilena Zendralli, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Marusca De Rosso, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Milva Berzi, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Paloma Scarfò, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Stefania Monaco, Pediatria, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Sylva Bracco, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Tiziana Marazzi, Pediatria, partecipante, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: Peter Forster, webmaster, apprendistato, galenica, fitoterapia, erboristeria, pagina utente
description: fisiologia, dolore, terapia, cura, domestica, popolare, antidolorifici, analgesici, rimedi, Cuscino, noccioli, ciliegia, apprendistato, galenica, Bianca Buser
description: apprendistato, galenica, Bianca Buser, Daniela Rüegg, Gastroenterologia, digestione, digestivo, Diarrea, Costipazione, Flatulenza, Mal di ventre, Cure popolari, domestiche, orali, Mal di denti, gastrica, Carminativo, Vermifugo, impacchi, pediatriche, Tarassaco, Tormentilla, Rosmarino, Camomilla, Carciofo, Salvia, Menta, Antiemetici, Antibiotici intestinali, flora intestinale, Antielmintici, Preparazioni, acquose, zuccherate, Fermentati medicinali, Estratti, tintura, Oli essenziali
description: apprendistato, galenica, 4) Menopausa & Andropausa, Bianca Buser
description: Galenica, dermica, Dermatologia, Anatomia, fisiologia, Diagnostica, Disturbi, cure dermiche, Malattie, Patologia, Problemi, Variazioni tegumentarie, età avanzata, Fitoterapia, Aromaterapia, Preparazione, Emulsioni, Unguenti, rimedi, fitoterapici, fitorimedi, oleosi, apprendistato, galenica, Bianca Buser, Daniela Rüegg
description: Dermatologia, Medicazione ferite, Ragadi ai seni, Calendula, Allattamento al seno, galattagoghi, Fieno greco, Cellulite, Olio anticellulite, Bagno anti-cellulite, Smagliature, anti-smagliature, Preparazioni galeniche, Pino, Abete, curative, Raccolta, gemme di pino, apprendistato galenica, Bianca Buser, Daniela Rüegg
description: Dermatologia, Ustioni, eritemi, scottature, solare, Punture, insetti, Preparazione, galenica, repellente insetti, Irritazioni, pelle, prurito, Cura popolare, pelle irritata, Verruche, plantari, Farmacia domestica, medicina popolare, apprendistato galenica, Bianca Buser, Daniela Rüegg
description: Dermatologia, medicina popolare, profana, laica, complementare, apprendistato galenica, Capelli, perdita, alopecia, Forfora, Pidocchi, Vesciche, flittene, bolle, Infezioni tegumentarie, Melaleuca, Herpes simplex, Orzaiolo, Corteccia, Quercia, Blefarite, eufrasia, lino, Piede del atleta, Estratti, Decotto, Extractum spissum, calvizia, Idrolati, Peperoncino, anti-nevralgico, Metabolismo, oli essenziali, Bianca Buser, Daniela Rüegg
description: medicina popolare, profana, laica, apprendistato, galenica domestica, Dermatologia, Mucosa, respiratoria, Infezioni, Rinopatie, raffreddamento e influenzali, prevenire, raffreddore, influenza, Alimentazione, Rimedi, cure, genitale, urinaria, fungine, vaginali, candida, Cistite, Vescica, iperattiva, Fitofarmaci, Preparazioni, galeniche, compresse, rafano, oli essenziali, vitamina C, Raccolta, erbe medicinali, ottobre, Bianca Buser, Daniela Rüegg
description: apprendistato, galenica, cardiovascolare, vasi sanguigni, emorragia, circolazione, capillari, visivi, intorpidimento, vasodilatatori, couperose, vene, varicose, dolenti, unguento, fitorimedi, aromaterapia, prezzemolo. consolida, cipresso, meliloto, ippocastano, sanguisughe, Bianca Buser, Daniela Rüegg
description: apprendistato, galenica, Bianca Buser, Daniela Rüegg, Gastroenterologia, digestione, digestivo, Diarrea, Costipazione, Flatulenza, Mal di ventre, Cure popolari, domestiche, orali, Mal di denti, gastrica, Carminativo, Vermifugo, impacchi, pediatriche, Tarassaco, Tormentilla, Rosmarino, Camomilla, Carciofo, Salvia, Menta, Antiemetici, Antibiotici intestinali, flora intestinale, Antielmintici, Preparazioni, acquose, zuccherate, Fermentati medicinali, Estratti, tintura, Oli essenziali
description: apprendistato, galenica, Aromaterapia, pediatria, Gravidanza, Neonati, Camomilla tedesca, Lavanda, Mandarino, Impacchi, bambini, Dentizione, Igiene dentale, bimbi, Mal di denti dei bimbi, Impacco, sacchetto di camomilla, cipolla, sotto il piede, Alitosi, alito cattivo, galenica, Dentifricio, Gel Paradontosi, gomma mastice, Odontoiatria, Bianca Buser, Daniela Rüegg
description: medicina popolare, Allergia, respiratoria, immediata, Istamina, Malattie allergiche, Raffreddore da fieno, Rinite allergica, Cure, rimedi, Asma allergica, Aromaterapia, Calcio, Nigella sativa, Erboristeria, terapia, Rosmarino, Efedra, Datura, Lobelia, Autovaccinazione, desensibilizzazione, Bianca Buser, Daniela Rüegg
description: medicina popolare, autovaccinazione, Benedetta Ceresa, proprio sangue, anticorpi, immunitario, sintomi, reazione, allergie, allergeni, immunità, allergica, ipersensibilità, allergia, specifica, pollini, test, risposta, immunitaria, desensibilizzazione, farmaci, proteine, specifici, genetici, immunoterapia, malattia, reazioni, paziente, naturale, vaccino, terapia, allergene, allergici, predisposizione, allergizzanti, ereditaria, bambino, antistaminici, nasali, prick
description: medicina popolare, età avanzata, ...,geriatria, gerontologie, menopausa, andropausa, Bianca Buser, Daniela Rüegg
description: GalenicaApprendistato, Contributi volontari a MedPop,
description: apprendistato, galenica, Endocrinologia, Bianca Buser
description: apprendistato, galenica, Geriatria, Bianca Buser
description: apprendistato, galenica, Ginecologia & Urologia, Bianca Buser
description: apprendistato, galenica, Immunologia & Infeziologia, Bianca Buser
description: apprendistato, galenica, Metabolismo, Bianca Buser
description: apprendistato, galenica, Neurologia, Psichiatria, Bianca Buser
description: apprendistato, galenica, Ortopedia & Reumatologia, Bianca Buser
description: apprendistato, galenica, 7) Otorinolaringoiatria, Bianca Buser
description: apprendistato, galenica, Pediatria, Bianca Buser
description: apprendistato, galenica, Traumatologia & Pronto soccorso, Bianca Buser
description: apprendistato, galenica, Vari, Bianca Buser


5.2  Sitografia

alla pagina 1) Respirazione

Sono trattati le seguenti fonti:
Google Galenica MedPop Ricette magistrali: Foglietti MedPop
Conferenze MedPop Enciclopedia di Medicina popolare it.Wikipedia

Google

Erboristeria Fitoterapia Galenica

Galenica MedPop

Ricette magistrali: Foglietti MedPop

☸ Foglietti illustrativi Antidiarroico gtt. Antidiarroico past. Antistaminico cutaneo Artrite persistente Asma bronchiale Bagno rilassante Bronchite allergica (asmatica) Calli, duroni Carenza di magnesio Carminativo Cisti gangleare, "ganglio" Cisti ovariche Cisti superficiali Cura dermica acquosa Cura dermica oleosa Cura gengive Dismenorrea 1 Dismenorrea 2 Dismenorrea 3 Diverticolite: base Equilibratore ormonale Flatulenza Furuncoli, ascessi Gengivite Germicida cutaneo Incontinenza urinaria Infezioni orecchie Infezioni orecchie: ausiliario Infezioni otorinolaringoiatriche, Inalazione Infezioni virali Ipermenorrea Laringite, Raucedine Mal d'orecchie 1 Mal di denti (bimbi) Mal di denti I Mal di denti II Mal di gola, faringite Mal di orecchie 2 Massaggio rilassante (bimbi) Modulo Naso tappato, Cura mucosi nasale Naso tappato, Doccia nasale Otite 1 Otite 2 Otite recidiva Paradontite Paradontite dolente Paradontite: cura Pelifugo Pelle dura: fibrostatico Psoriasi protettivo Psoriasi sintomatico Psoriasi sistemico Regolatore ormonale 1 Regolatore ormonale 2 Reumatismo Reumatismo, Artrite Rinopatie Secchezza mucosa vaginale Secchezza vaginale Sindrome menopausale Sindrome menopausale, incontinenza Sinusite, Impacchi Sinusite, Inalazione Stomatite Stomatite, Glossite Tinnitus, acufene Tonsillite, ascessi Tosse & catarri Traumi, lesioni Vampate di calore Vampate menopausali Vescica irritabile

Conferenze MedPop

Conferenza Nicoletta Magadino: Tocco, parola, rimedio
Conferenza Capriasca Ambiente: Medicina popolare
Conferenze DERMAN Besso: Medicine e Terapie Popolari
Conferenza Pro Cassarate Viva: Preparazione di rimedi casalinghi

Enciclopedia di Medicina popolare

Fitoterapia Indice MedPop MmP 5 Ricettari Indice Erboristeria Indice redazionale Foglietti Indice Ricette

it.Wikipedia

Erboristeria Fitoterapia Galenica


5.3  Bibliografia


5.4  Impressum

Autrice: Bianca Buser a cura di D. Rüegg

5.5  Commenti

alla pagina GalenicaApprendistato / 1) Respirazione: cliccare sul titolo


6.  Allegati

vedi ev. → versione .php (cliccare)
 

FogliettiFooter
clic →Domini di MedPop clic →Redazione di MedPop