Recent Changes - Search:

Pagine di servizio

Gruppi

Pagine in allestimento

Strumenti

Domini correlati

PmWiki

pmwiki.org

edit SideBar

Preparazione domestica di dentifricio


Ricette tipo


Il dentifricio più semplice è:
Rp.: "Dentifricio spazzolino" a)
  • uno spazzolino da denti e
  • l'acqua dal rubinetto

Non è curativo ma è una ottima prevenzione perché toglie dai denti i resti del cibo e alcalinizza leggermente la bocca.


Chi intende aggiungere sostanze abrasive
Rp.: Dentifricio polveroso b)

  • sullo spazzolino mette polvere di
    • carbonato precipitato (remineralizza e alcalinizza), oppure di
    • carbone attivo (assorbe parzialmente i microorganismi nel biofilm dentario) almeno ogni tanto per chi soffre di alitosi oppure
    • il talco puro o mentolato per i dentini delicati dei bimbi.

 
Chi invece intende produrre un dentifricio in pasta lo può comporre a suo gusto o necessità ricorrendo agli ingredienti descritti sopra. Un esempio per una pasta semplicissima ed efficace è la seguente:

Rp.: Dentifricio pastoso c)
Pulv. Carbonato di calcio precipitato gr 30 remineralizzante, alcalinizzante, abrasivo senza scalfiggere
Decoct. Salviae ml q.s. ca. doppio della polvere: astringente, mucosaprottetivo
Gran. Sale da cucina finissimo pizz. III conservante, salivastimolante
Liqu. Glicerina gtte q.s. ca. XX gtte / 100 ml: "pastificante", conservante

Abbreviazioni


Si nota che la preparazione richiede un pò di esperienza domestica: occorre una certa relazione tra polvere e acquosi per ottenere una pasta degna di questo nome e questo bisogna più "sentire" che misurare.
Perché la pasta con il tempo non diventi "gesso" conviene evitare l'evaporazione dell'acqua aggiungendo glicerina nell'ordine di grandezza di ca. XX goccie per 100 ml di pasta.

Variazioni

Sulla base della Rp.: Dentifricio c) si possono creare ricette a volontà secondo ogni immaginabile gusto, scopo curativo o preventivo sopra descritto, usando i seguenti tipi di ingredienti:

Pulv. Xilitolo ca. 1/3 della polvere abrasiva come dolcificante anticarie
Decoct. secondo la patologia ca. x 2 della polvere abrasiva: preventivi / curativi per ...
Tinct. secondo la patologia mass. 20% dei liquidi: preventivi / curativi per ...
Aeth. p.es. Melaleuca, lavanda, mirto, ... mass. 5% del totale: come antibiotici
Soluz. Chlorhexidini mass. gtt. X per 100 ml come antibiotico

Conclusione


Arrivati a questo punto dovreste avere tutte le coordinate per creare un dentifricio perfetto per le vostre esigenze:

  • riflettete bene sulle difficoltà dentarie e gengivali dell'utente
  • preparatevi una ricetta individuale con gli ingredienti che vi sembrano adatti, seguendo le indicazioni in Ingredienti ...,
  • annotatevi anche le quantità stimate di ogni ingrediente
  • e poi mettete le mani in pasta, osservando i risultati e correggendo la vostra ricetta.

Siamo abituati che il dentifricio si trova in tubetti, ma serve altretanto bene un vasetto sia per le polveri che per le paste.

Alla fine usate il vostro preparato e osservate bene i pregi e difetti per poi correggerli nella prossima preparazione.

Per domande rivolgetevi a Bianca o Peter o mettetelo nel Forum Galenica.

Buon divertimento


Commento 
Autore 
Enter code 220

Edit - History - Print - Recent Changes - Search
Page last modified on January 17, 2010, at 03:46 PM