Recent Changes - Search:

Pagine di servizio

Gruppi

Pagine in allestimento

Strumenti

Domini correlati

PmWiki

pmwiki.org

edit SideBar

Sabbiera gruppo

Sabbiera.Sabbiera History

Hide minor edits - Show changes to markup

May 02, 2016, at 09:28 PM by Peter -
Deleted line 10:

(:notoc:)

Changed line 29 from:

B)

to:

B)

Deleted line 44:
Changed line 46 from:

C)

to:

C)

May 02, 2016, at 09:26 PM by Peter -
Added line 11:

(:notoc:)

May 02, 2016, at 09:25 PM by Peter -
Changed line 12 from:

A)

to:

A)

May 02, 2016, at 09:23 PM by Peter -
Changed line 26 from:

Totale A) / 10 = Ø

to:

Totale A) = / 10 = Ø

May 02, 2016, at 09:21 PM by Peter -
Changed lines 28-30 from:

B)

to:

B)

Changed lines 46-48 from:

C)

to:

C)

May 02, 2016, at 09:18 PM by Peter -
Changed line 12 from:

A)

to:

A)

May 02, 2016, at 09:18 PM by Peter -
Changed line 11 from:
to:
May 02, 2016, at 09:17 PM by Peter -
Changed line 11 from:
to:
Added line 13:
May 02, 2016, at 09:16 PM by Peter -
Changed line 10 from:

Questionario prototipo comportamentale

to:

Questionario prototipi comportamentali

May 02, 2016, at 09:15 PM by Peter -
Changed line 10 from:

Questionario tipo comportamentale

to:

Questionario prototipo comportamentale

May 02, 2016, at 09:13 PM by Peter -
Changed lines 10-11 from:

Questionario

to:

Questionario tipo comportamentale

Changed lines 25-26 from:

Totale A)

to:

Totale A) / 10 = Ø

Changed lines 40-41 from:

Totale B)

to:

Totale B) / 10 = Ø

Changed lines 56-57 from:

Totale C)

to:

Totale C) / 10 = Ø

Changed lines 83-84 from:

Totale D)

to:

Totale D) / 21 = Ø

Changed lines 99-100 from:

Totale E)

to:

Totale E) / 10 = Ø

Changed lines 115-116 from:

Totale F)

to:

Totale F) / 10 = Ø

May 02, 2016, at 09:07 PM by Peter -
Changed lines 10-166 from:

Questionario piacere e benessere

(:table width=100% border=1 cellpadding=3px cellspacing=0%:) (:cellnr rowspan=2 width=40% valign=middle align=center bgcolor=#eeeeee:)Domande (:cell colspan=7 align=center bgcolor=#eeeeee:)Intensità (:cell rowspan=2 align=center valign=middle bgcolor=#eeeeee:)Valutazione (:cellnr:)1 (:cell:)2 (:cell:)3 (:cell:)4 (:cell:)5 (:cell:)6 (:cell:)7 (:cellnr valign=middle:)1. Con che forza vive il piacere? contentezza appagante, benessere sensuale, soddisfazione di un bisogno, attività dilettevole, per es. sport, sessualità mangiare ecc. (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1→estremamente debole, il mio piacere è completamente bloccato, 2→debole, 3→piuttosto sul debole, 4→piuttosto sul forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→estremamente forte, il mio piacere è estremo. (:cellnr valign=middle:)2. Quanto dura il suo piacere? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1→molto breve, pochi secondi, 2→breve, qualche minuto, 3→piuttosto breve, 4→piuttosto a lungo, 5→a lungo, per es: mezza giornata, 6→molto a lungo, per es: un giorno intero, 7→estremamente a lungo, per es: più giorni. (:cellnr valign=middle:)3. Con che frequenza prova piacere? piacere stimolante o distensivo, rilassamento: per es: sport, sonno, sessualità, soddisfazione appagante (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1→quasi mai, 2→pochissime volte, per es: una volta al mese, 3→talvolta, ma piuttosto raramente che spesso, 4→piuttosto spesso, 5→spesso, 6→molto spesso, per es: quasi giornalmente, 7→spessissimo, almeno giornalmente. (:cellnr:) Rinuncio a un piacere di breve durata se per questo devo accettare conseguenze negative di lunga durata. Lo faccio nella certezza che più tardi subentrerà un piacere più grande.
4. Che forza ha questo comportamento in lei? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1→estremamente debole, 2→debole, 3→piuttosto sul debole, 4→ piuttosto sul forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→estremamente forte. (:cellnr valign=middle:)5. Ha paura prima di provare piacere? soprattutto in ambiti nei quali è per lei di grande importanza affettiva, per es. nell'amore (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1→paura assoluta, che impedisce totalmente il piacere, 2→paura molto forte, il piacere si afferma molto raramente, 3→paura forte, il piacere c'è, ma più inibito che manifestato, 4→paura media, in cui il piacere riesce ad imporsi, 5→paura debole, il piacere si manifesta sempre liberamente e pienamente, 6→paura molto debole, il piacere si manifesta sempre pienamente, 7→paura nulla, il piacere prospera. (:cellnr valign=middle:)6. Quale grado di certezza ha che in futuro proverà sempre piacere? (appagamento) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1→estremamente debole, 2 =debole, 3→piuttosto debole, 4→piuttosto forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→assolutamente sicuro. (:cellnr valign=middle:)7. Crede che potrà riprovare in futuro l'apice del piacere raggiunto in passato? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1→estremamente debole, 2→debole, 3→piuttosto debole, 4→mediamente, piuttosto forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→assolutamente sicuro. (:cellnr valign=middle:)8. Con che intensità vive il benessere? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1→estremamente debole, il mio benessere è completamente bloccato, 2→debole, 3→scarso, piuttosto debole, 4→scarso, piuttosto forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→estremamente forte. (:cellnr valign=middle:)9. Quanto dura il suo benessere se si manifesta? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1→molto breve, solo pochi secondi, 2→breve, solo pochi minuti, 3→scarso, più breve che lungo, 4→scarso, più lungo che breve, 5→dura a lungo, per es.un giorno intero, 6→dura molto a lungo, per più giorni, 7→perdura per giorni, quasi ininterrottamente. (:cellnr valign=middle:)10. Con quale frequenza prova benessere? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1→quasi mai, 2→raramente, solo una volta al mese, 3→talvolta, piuttosto di rado che frequentemente , 4→scarsa, più frequentemente che di rado, 5→spesso, 6→molto spesso, giornalmente, 7→oltremodo spesso, più volte al giorno. (:cellnr valign=middle:)Rinuncio a un benessere di breve durata se per questo devo accettare conseguenze negative di lunga durata. Lo faccio nella certezza che più tardi subentrerà un benessere più grande. 11. Qual è la forza di questo comportamento in lei? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)(1→estremamente debole, 2→debole, 3→scarsa, piuttosto sul debole, 4→scarsa, piuttosto sul forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→estremamente forte. (:cellnr valign=middle:)12. Quando si manifesta benessere, lei si comporta in modo da distruggerlo? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)(1→quasi sempre, 2→molto spesso, 3→spesso, 4→piuttosto spesso, 5→piuttosto raramente, 6→raramente, 7→molto di rado, quasi mai. (:cellnr valign=middle:)13. Qual'è il grado di certezza che in futuro proverà sempre benessere? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1→estremamente debole, 2→debole, 3→piuttosto debole, 4→piuttosto forte, 5→forte,6→molto forte, 7→assolutamente sicuro. (:cellnr valign=middle:)14. Crede di poter ancora raggiungere in futuro il massimo grado di benessere provato in passato? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1→estremamente debole, 2→debole, 3→piuttosto debole, 4→piuttosto forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→assolutamente sicuro. (:cellnr valign=middle:)15. Con quale frequenza subentrano in lei dopo un'esperienza di piacere, conseguenze negative? (per es. sentimenti di colpa, cattiva coscienza, depressioni, sintomi fisici) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1→quasi sempre, 2→molto spesso, 3→di frequente, 4→scarsa, piuttosto sul frequente, 5→scarsa, piuttosto raramente, 6→raramente, 7→molto raramente, quasi mai. (:tableend:)

to:

Questionario

A)

  1. ☐ Sono specialmente impedito a rivendicare diritti.
  2. ☐ Piuttosto che avanzare pretese, do retta agli altri.
  3. ☐ Mi comporto secondo le aspettative delle persone che mi sono vicine, piuttosto che secondo i miei desideri.
  4. ☐ Per il mantenimento di uno stato di fatto, rinuncio ai miei desideri (per es. l'armonia interpersonale).
  5. ☐ Per anni non sono stata/o capace di far capire ad altre persone i miei sentimenti e le esigenze più importanti.
  6. ☐ Da anni sopporto, senza protestare, condizioni che mi danneggiano.
  7. ☐ Sono fortemente inibito/a ad esternare sentimenti negativi, per es. rabbia, odio e aggressione.
  8. ☐ Tendo possibilmente a non esternare scosse emotive.
  9. ☐ Se le mie attese emotive sono deluse mi sento interiormente bloccata/o.
  10. ☐ Dopo degli avvenimenti infelici, quali morte di una persona cara, separazione, choc non sono capace di esprimere i miei sentimenti e i miei desideri più importanti.

Totale A)

B)

  1. ☐ Da anni protesto contro situazioni che non mi fanno bene, ma non sono capace di modificarle.
  2. ☐ Determinate persone sono da sempre la causa più importante della mia infelicità.
  3. ☐ Determinate situazioni sono da sempre la causa più importante delle mie disgrazie.
  4. ☐ Sono sempre in balia di persone o condizioni negative (es. non sono capace di cambiare la situazione né di esserne abbastanza distaccato/a).
  5. ☐ Vengo a contatto continuamente con le qualità negative di persone o situazioni.
  6. ☐ Certe persone mi disturbano e ostacolano lo sviluppo della mia personalità.
  7. ☐ Determinate situazioni mi disturbano e ostacolano di continuo lo sviluppo della mia personalità.
  8. ☐ Non posso modificare la causa di agitazioni e tensioni continue, perché insite nel comportamento di altre persone.
  9. ☐ Non posso modificare la causa di agitazioni e tensioni continue, perché proprie di situazioni su cui non posso influire.
  10. ☐ Formulo le mie intenzioni e le mie mete, ma mi sento impedito/a dall'esterno nella loro realizzazione.

Totale B)

C)

  1. ☐ Anzitutto sono concentrato/a su di me, in modo egocentrico.
  2. ☐ Dal mio partner fuggo regolarmente da un rapporto di grandissima lontananza in una vicinanza opprimente, e viceversa.
  3. ☐ Nel valutare persone o situazioni passo da un estremo all'altro a seconda che mi senta sostenuto/a o anche minimamente disturbato/a
  4. ☐ Se in una situazione mi sento a disagio o minacciato cerco con ogni mezzo l'aiuto di altre persone, inducendole ad es.ad ascoltarmi o prendersi cura di me.
  5. ☐ Se una persona per me affettivamente importante mi ferisce, anche solo lievemente, prendo subito le distanze da lei.
  6. ☐ Da altri esigo comportamenti morali rigorosi (per es. fedeltà assoluta) che per me perù non hanno alcuna validità.
  7. ☐ I miei desideri personali li esprimo e li soddisfo per lo più con un atteggiamento anticonformista (per es. un atteggiamento scioccante per altre persone o che provoca resistenza).
  8. ☐ Le aspettative affettive da altre persone, devono essere subito corrisposte.
  9. ☐ Posso realizzare situazioni che mi soddisfano pienamente solo fuori dalle norme e dalle aspettative vigenti.
  10. ☐ Non appena determinate persone diventano affettivamente importanti, avanzo delle pretese esagerate (per es. non lasciarmi mai o vattene subito!).

Totale C)

D)

  1. ☐ La mia attività quotidiana, suscita in me piacere.
  2. ☐ Se non posso realizzare il contatto con una persona affettivamente importante, sono capace di abbandonarla moralmente.
  3. ☐ Verso importanti figure di riferimento sono in grado di stabilire con il mio comportamento l'auspicato contatto e il necessario distacco.
  4. ☐ Se il mio comportamento non porta al successo desiderato, so di trovare e sperimentare nuovi comportamenti.
  5. ☐ Posso vivere contento/a e rilassato/a con o senza una persona importante affettivamente.
  6. ☐ Sono in grado di modificare il mio comportamento attraverso le conseguenze verificatesi, abbattendo cioè quei comportamenti che portano a conseguenze negative durature, e incrementando quei comportamenti che portano a lungo termine conseguenze positive e piacevoli.
  7. ☐ Sono capace di trovare punti di vista e modi di comportamento nuovi che rendono possibili una soluzione inaspettata e gradita dei problemi.
  8. ☐ Nel mio comportamento sono indipendente, cioé non dipendo da nessuno a mio discapito a lungo termine.
  9. ☐ Se il mio comportamento porta a un insuccesso, non è mai per me motivo di rassegnazione, ma stimolo per cambiare.
  10. ☐ Se determinate situazioni non mi sono favorevoli, con il mio comportamento riesco di regola a cambiarle positivamente.
  11. ☐ Non posso essere contenuto/a e vivere rilassato/a né con né senza una determinata persona.
  12. ☐ Non posso essere contento/a e rilassato/a interiormente né in un determinato stato (per es. ho bisogno del mio posto di lavoro ma non sono felice), né senza di esso.
  13. ☐ Vengo spesso dominato/a da pensieri negativi che mi sconvolgono.
  14. ☐ Anche se la mia relazione con determinate persone porta sempre a conseguenze negative non sono in grado di cambiarla.
  15. ☐ Anche se una determinata situazione (per es. sul posto di lavoro) porta sempre a conseguenze negative, non riesco a cambiarla.
  16. ☐ Sebbene un determinato stato fisico (per es. sovrappeso) comporta sempre conseguenze negative non sono in condizione di cambiarla.
  17. ☐ Riesco raramente a rilassarmi fisicamente e psichicamente: ciù significa che internamente sono per lo più teso.
  18. ☐ Con il mio comportamento non so creare condizioni che mi rendono contento/a.
  19. ☐ Preferirei morire anziché vivere.
  20. ☐ Sono in balia di scosse emotive difficilmente sopportabili (per es. depressioni, angosce ecc.).
  21. ☐ So entusiasmarmi: per es. solo raramente.

Totale D)

E)

  1. ☐ Riesco a manifestare i miei sentimenti solo se c'è una motivazione razionale.
  2. ☐ Mi è molto difficile esprimere i miei sentimenti perché ogni pro ha un contro.
  3. ☐ Il mio comportamento è esclusivamente razionale e quasi per niente emozionale.
  4. ☐ A aspettative emozionali di qualcuno, rispondo in modo razionale e mai emozionale.
  5. ☐ Sono del tutto incapace di informare il mio comportamento ai moti effettivi.
  6. ☐ Il mio comportamento non è mai stato guidato da sentimenti al punto di essere considerato irragionevole.
  7. ☐ Mi sforzo sempre di fare quello che è ragionevole e logicamente esatto.
  8. ☐ Cerco di manifestare e soddisfare i miei bisogni esclusivamente attraverso comportamenti oggettivi e razionali.
  9. ☐ Cerco di risolvere i miei problemi con comportamenti oggettivi e razionali.
  10. ☐ Credo solo a quello che è assolutamente oggettivo e che si lascia provare razionalmente.

Totale E)

F)

  1. ☐ Mi sottraggo a impegni e aspettative, non ottemperando a regole e norme.
  2. ☐ Nei confronti di altre persone mi comporto da compagnone bonario oppure in modo molto aggressivo/a e ostile.
  3. ☐ Spesso esigo dagli altri con le minacce l'osservanza rigorosa di accordi che io stesso inclino a non rispettare.
  4. ☐ Agisco spontaneamente guidato dai miei sentimenti negativi o positivi senza pensare alle conseguenze.
  5. ☐ Spesso mi sento spinto ad attaccare altre persone aggressivamente e ad annientarle.
  6. ☐ Alle dimostrazioni d'amore di un partner divento particolarmente aggressivo/a.
  7. ☐ Non ho nessuna inibizione ad attaccare fisicamente una persona se sento l'impulso di farlo.
  8. ☐ Non ho nessuna inibizione ad autoferirmi fisicamente, se spinto da un impulso interiore.
  9. ☐ Mi sono svincolato da tutti gli oblighi morali perché mi bloccavano psicologicamente.
  10. ☐ Se ciò comporta per me vantaggi, so dire bugie o stravolgere le cose senza inibizioni morali.

Totale F)

April 30, 2016, at 08:34 PM by Peter -
April 30, 2016, at 08:25 PM by Peter -
April 30, 2016, at 07:59 PM by Peter -
Changed line 31 from:

(:cell valign=middle:)1→estremamente debole, il mio piacere è completamente bloccato, 2→debole, 3→piuttosto sul debole, 4→piuttosto sul forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→estremamente forte, il mio piacere è estremo.

to:

(:cell valign=middle:)1→estremamente debole, il mio piacere è completamente bloccato, 2→debole, 3→piuttosto sul debole, 4→piuttosto sul forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→estremamente forte, il mio piacere è estremo.

April 30, 2016, at 07:57 PM by Peter -
Changed line 23 from:

contentezza appagante, benessere sensuale, soddisfazione di un bisogno, attività dilettevole, per es. sport, sessualità mangiare ecc.

to:

contentezza appagante, benessere sensuale, soddisfazione di un bisogno, attività dilettevole, per es. sport, sessualità mangiare ecc.

April 30, 2016, at 06:41 PM by Peter -
Changed lines 13-14 from:

(:cell colspan=7 align=center bgcolor=#eeeeee:)Intensità (:cell rowspan=2 align=center valign=middle bgcolor=#eeeeee:)Valutazione

to:

(:cell colspan=7 align=center bgcolor=#eeeeee:)Intensità (:cell rowspan=2 align=center valign=middle bgcolor=#eeeeee:)Valutazione

April 30, 2016, at 06:39 PM by Peter -
Changed lines 15-21 from:

(:cellnr:)1 (:cell:)2 (:cell:)3 (:cell:)4 (:cell:)5 (:cell:)6 (:cell:)7

to:

(:cellnr:)1 (:cell:)2 (:cell:)3 (:cell:)4 (:cell:)5 (:cell:)6 (:cell:)7

April 30, 2016, at 06:37 PM by Peter -
Changed lines 13-14 from:

(:cell colspan=7 align=center:)Intensità (:cell rowspan=2 align=center valign=middle:)Valutazione

to:

(:cell colspan=7 align=center bgcolor=#eeeeee:)Intensità (:cell rowspan=2 align=center valign=middle bgcolor=#eeeeee:)Valutazione

April 30, 2016, at 06:36 PM by Peter -
Changed line 12 from:

(:cellnr rowspan=2 width=40% valign=middle align=center:)Domande

to:

(:cellnr rowspan=2 width=40% valign=middle align=center bgcolor=#eeeeee:)Domande

April 30, 2016, at 06:35 PM by Peter -
Changed line 12 from:

(:cellnr rowspan=2 width=40% valign=middle:)Domanda

to:

(:cellnr rowspan=2 width=40% valign=middle align=center:)Domande

April 30, 2016, at 06:33 PM by Peter -
Changed line 31 from:

(:cell valign=middle:)1→estremamente debole, il mio piacere è completamente bloccato, 2→debole, 3→piuttosto sul debole, 4→piuttosto sul forte, 5→forte, 6→molto forte,7 =estremamente forte, il mio piacere è estremo.

to:

(:cell valign=middle:)1→estremamente debole, il mio piacere è completamente bloccato, 2→debole, 3→piuttosto sul debole, 4→piuttosto sul forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→estremamente forte, il mio piacere è estremo.

April 30, 2016, at 06:32 PM by Peter -
Changed lines 12-14 from:

(:cellnr rowspan=2 width=40%:)Domanda (:cell colspan=7:)Intensità (:cell rowspan=2:)Valutazione

to:

(:cellnr rowspan=2 width=40% valign=middle:)Domanda (:cell colspan=7 align=center:)Intensità (:cell rowspan=2 align=center valign=middle:)Valutazione

April 30, 2016, at 06:30 PM by Peter -
Deleted line 11:
Deleted lines 14-15:
Deleted line 21:
April 30, 2016, at 06:29 PM by Peter -
Changed lines 12-13 from:

(:cellnr width=40%:)Domanda (:cell:)1

to:

(:cellnr rowspan=2 width=40%:)Domanda (:cell colspan=7:)Intensità (:cell rowspan=2:)Valutazione

(:cellnr:)1

Changed line 25 from:

(:cell align=center:)Valutazione

to:
April 30, 2016, at 06:17 PM by Peter -
Changed line 30 from:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, il mio piacere è completamente bloccato, 2 = debole, 3 = piuttosto sul debole, 4 = piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte,7 =estremamente forte, il mio piacere è estremo.

to:

(:cell valign=middle:)1→estremamente debole, il mio piacere è completamente bloccato, 2→debole, 3→piuttosto sul debole, 4→piuttosto sul forte, 5→forte, 6→molto forte,7 =estremamente forte, il mio piacere è estremo.

Changed line 39 from:

(:cell valign=middle:)1 = molto breve, pochi secondi, 2 = breve, qualche minuto, 3 = piuttosto breve, 4 = piuttosto a lungo, 5 = a lungo, per es: mezza giornata, 6 = molto a lungo, per es: un giorno intero, 7 = estremamente a lungo, per es: più giorni.

to:

(:cell valign=middle:)1→molto breve, pochi secondi, 2→breve, qualche minuto, 3→piuttosto breve, 4→piuttosto a lungo, 5→a lungo, per es: mezza giornata, 6→molto a lungo, per es: un giorno intero, 7→estremamente a lungo, per es: più giorni.

Changed line 49 from:

(:cell valign=middle:)1 = quasi mai, 2 = pochissime volte, per es: una volta al mese, 3 = talvolta, ma piuttosto raramente che spesso, 4 = piuttosto spesso, 5 = spesso, 6 = molto spesso, per es: quasi giornalmente, 7 = spessissimo, almeno giornalmente.

to:

(:cell valign=middle:)1→quasi mai, 2→pochissime volte, per es: una volta al mese, 3→talvolta, ma piuttosto raramente che spesso, 4→piuttosto spesso, 5→spesso, 6→molto spesso, per es: quasi giornalmente, 7→spessissimo, almeno giornalmente.

Changed line 60 from:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = piuttosto sul debole, 4 = piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte.

to:

(:cell valign=middle:)1→estremamente debole, 2→debole, 3→piuttosto sul debole, 4→ piuttosto sul forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→estremamente forte.

Changed line 70 from:

(:cell valign=middle:)1 = paura assoluta, che impedisce totalmente il piacere, 2 = paura molto forte, il piacere si afferma molto raramente, 3 = paura forte, il piacere c'è, ma più inibito che manifestato, 4 = paura media, in cui il piacere riesce ad imporsi, 5 = paura debole, il piacere si manifesta sempre liberamente e pienamente, 6 = paura molto debole, il piacere si manifesta sempre pienamente, 7 = paura nulla, il piacere prospera.

to:

(:cell valign=middle:)1→paura assoluta, che impedisce totalmente il piacere, 2→paura molto forte, il piacere si afferma molto raramente, 3→paura forte, il piacere c'è, ma più inibito che manifestato, 4→paura media, in cui il piacere riesce ad imporsi, 5→paura debole, il piacere si manifesta sempre liberamente e pienamente, 6→paura molto debole, il piacere si manifesta sempre pienamente, 7→paura nulla, il piacere prospera.

Changed line 80 from:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, 2 =debole, 3 = piuttosto debole, 4 = piuttosto forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = assolutamente sicuro.

to:

(:cell valign=middle:)1→estremamente debole, 2 =debole, 3→piuttosto debole, 4→piuttosto forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→assolutamente sicuro.

Changed line 89 from:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = piuttosto debole, 4 = mediamente, piuttosto forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = assolutamente sicuro.

to:

(:cell valign=middle:)1→estremamente debole, 2→debole, 3→piuttosto debole, 4→mediamente, piuttosto forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→assolutamente sicuro.

Changed line 98 from:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, il mio benessere è completamente bloccato, 2 = debole, 3 = scarso, piuttosto debole, 4 = scarso, piuttosto forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte.

to:

(:cell valign=middle:)1→estremamente debole, il mio benessere è completamente bloccato, 2→debole, 3→scarso, piuttosto debole, 4→scarso, piuttosto forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→estremamente forte.

Changed line 107 from:

(:cell valign=middle:)1 = molto breve, solo pochi secondi, 2 = breve, solo pochi minuti, 3 = scarso, più breve che lungo, 4 = scarso, più lungo che breve, 5 = dura a lungo, per es.un giorno intero, 6 = dura molto a lungo, per più giorni, 7 = perdura per giorni, quasi ininterrottamente.

to:

(:cell valign=middle:)1→molto breve, solo pochi secondi, 2→breve, solo pochi minuti, 3→scarso, più breve che lungo, 4→scarso, più lungo che breve, 5→dura a lungo, per es.un giorno intero, 6→dura molto a lungo, per più giorni, 7→perdura per giorni, quasi ininterrottamente.

Changed line 116 from:

(:cell valign=middle:)1 = quasi mai, 2 = raramente, solo una volta al mese, 3 = talvolta, piuttosto di rado che frequentemente , 4 = scarsa, più frequentemente che di rado, 5 = spesso, 6 = molto spesso, giornalmente, 7 = oltremodo spesso, più volte al giorno.

to:

(:cell valign=middle:)1→quasi mai, 2→raramente, solo una volta al mese, 3→talvolta, piuttosto di rado che frequentemente , 4→scarsa, più frequentemente che di rado, 5→spesso, 6→molto spesso, giornalmente, 7→oltremodo spesso, più volte al giorno.

Changed line 126 from:

(:cell valign=middle:)(1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = scarsa, piuttosto sul debole, 4 = scarsa, piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte.

to:

(:cell valign=middle:)(1→estremamente debole, 2→debole, 3→scarsa, piuttosto sul debole, 4→scarsa, piuttosto sul forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→estremamente forte.

Changed line 135 from:

(:cell valign=middle:)(1 = quasi sempre, 2 = molto spesso, 3 = spesso, 4 = piuttosto spesso, 5 = piuttosto raramente, 6 = raramente, 7 = molto di rado, quasi mai.

to:

(:cell valign=middle:)(1→quasi sempre, 2→molto spesso, 3→spesso, 4→piuttosto spesso, 5→piuttosto raramente, 6→raramente, 7→molto di rado, quasi mai.

Changed line 144 from:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = piuttosto debole, 4 = piuttosto forte, 5 = forte,6 = molto forte, 7 = assolutamente sicuro.

to:

(:cell valign=middle:)1→estremamente debole, 2→debole, 3→piuttosto debole, 4→piuttosto forte, 5→forte,6→molto forte, 7→assolutamente sicuro.

Changed line 153 from:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = piuttosto debole, 4 = piuttosto forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = assolutamente sicuro.

to:

(:cell valign=middle:)1→estremamente debole, 2→debole, 3→piuttosto debole, 4→piuttosto forte, 5→forte, 6→molto forte, 7→assolutamente sicuro.

Changed line 163 from:

(:cell valign=middle:)1 = quasi sempre, 2 = molto spesso, 3 = di frequente, 4 = scarsa, piuttosto sul frequente, 5 = scarsa, piuttosto raramente, 6 = raramente, 7 = molto raramente, quasi mai.

to:

(:cell valign=middle:)1→quasi sempre, 2→molto spesso, 3→di frequente, 4→scarsa, piuttosto sul frequente, 5→scarsa, piuttosto raramente, 6→raramente, 7→molto raramente, quasi mai.

Deleted line 164:
April 30, 2016, at 06:15 PM by Peter -
Changed line 145 from:

(:cellnr valign=middle:)14. Crede di poter ancora raggiungere in futuro il massimo grado di benessere provato in passato ?

to:

(:cellnr valign=middle:)14. Crede di poter ancora raggiungere in futuro il massimo grado di benessere provato in passato?

April 30, 2016, at 06:14 PM by Peter -
Added lines 154-163:

(:cellnr valign=middle:)15. Con quale frequenza subentrano in lei dopo un'esperienza di piacere, conseguenze negative? (per es. sentimenti di colpa, cattiva coscienza, depressioni, sintomi fisici) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1 = quasi sempre, 2 = molto spesso, 3 = di frequente, 4 = scarsa, piuttosto sul frequente, 5 = scarsa, piuttosto raramente, 6 = raramente, 7 = molto raramente, quasi mai.

April 30, 2016, at 06:10 PM by Peter -
Added lines 145-153:

(:cellnr valign=middle:)14. Crede di poter ancora raggiungere in futuro il massimo grado di benessere provato in passato ? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = piuttosto debole, 4 = piuttosto forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = assolutamente sicuro.

April 30, 2016, at 06:08 PM by Peter -
Added lines 136-144:

(:cellnr valign=middle:)13. Qual'è il grado di certezza che in futuro proverà sempre benessere? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = piuttosto debole, 4 = piuttosto forte, 5 = forte,6 = molto forte, 7 = assolutamente sicuro.

April 30, 2016, at 06:05 PM by Peter -
Changed line 117 from:

(:cellnr valign=middle:)Rinuncio a un benessere di breve durata se per questo devo accettare conseguenze negative di lunga durata. Lo faccio nella certezza che più tardi subentrerà un benessere più grande.

to:

(:cellnr valign=middle:)Rinuncio a un benessere di breve durata se per questo devo accettare conseguenze negative di lunga durata. Lo faccio nella certezza che più tardi subentrerà un benessere più grande.

April 30, 2016, at 06:04 PM by Peter -
Added lines 127-135:

(:cellnr valign=middle:)12. Quando si manifesta benessere, lei si comporta in modo da distruggerlo? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)(1 = quasi sempre, 2 = molto spesso, 3 = spesso, 4 = piuttosto spesso, 5 = piuttosto raramente, 6 = raramente, 7 = molto di rado, quasi mai.

April 30, 2016, at 06:01 PM by Peter -
Added lines 117-126:

(:cellnr valign=middle:)Rinuncio a un benessere di breve durata se per questo devo accettare conseguenze negative di lunga durata. Lo faccio nella certezza che più tardi subentrerà un benessere più grande. 11. Qual è la forza di questo comportamento in lei? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)(1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = scarsa, piuttosto sul debole, 4 = scarsa, piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte.

April 30, 2016, at 05:55 PM by Peter -
Added lines 108-116:

(:cellnr valign=middle:)10. Con quale frequenza prova benessere? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1 = quasi mai, 2 = raramente, solo una volta al mese, 3 = talvolta, piuttosto di rado che frequentemente , 4 = scarsa, più frequentemente che di rado, 5 = spesso, 6 = molto spesso, giornalmente, 7 = oltremodo spesso, più volte al giorno.

April 30, 2016, at 05:53 PM by Peter -
Changed line 107 from:

(:cell valign=middle:)'-1 = molto breve, solo pochi secondi, 2 = breve, solo pochi minuti, 3 = scarso, più breve che lungo, 4 = scarso, più lungo che breve, 5 = dura a lungo, per es.un giorno intero, 6 = dura molto a lungo, per più giorni, 7 = perdura per giorni, quasi ininterrottamente.

to:

(:cell valign=middle:)1 = molto breve, solo pochi secondi, 2 = breve, solo pochi minuti, 3 = scarso, più breve che lungo, 4 = scarso, più lungo che breve, 5 = dura a lungo, per es.un giorno intero, 6 = dura molto a lungo, per più giorni, 7 = perdura per giorni, quasi ininterrottamente.

April 30, 2016, at 05:52 PM by Peter -
Changed lines 98-107 from:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, (il mio benessere è completamente bloccato), 2 = debole, 3 = scarso, piuttosto debole, 4 = scarso, piuttosto forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte.

to:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, il mio benessere è completamente bloccato, 2 = debole, 3 = scarso, piuttosto debole, 4 = scarso, piuttosto forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte. (:cellnr valign=middle:)9. Quanto dura il suo benessere se si manifesta? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)'-1 = molto breve, solo pochi secondi, 2 = breve, solo pochi minuti, 3 = scarso, più breve che lungo, 4 = scarso, più lungo che breve, 5 = dura a lungo, per es.un giorno intero, 6 = dura molto a lungo, per più giorni, 7 = perdura per giorni, quasi ininterrottamente.

April 30, 2016, at 05:48 PM by Peter -
Changed line 98 from:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole '-(il mio benessere è completamente bloccato), 2 = debole, 3 = scarso, piuttosto debole, 4 = scarso, piuttosto forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte-'.

to:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, (il mio benessere è completamente bloccato), 2 = debole, 3 = scarso, piuttosto debole, 4 = scarso, piuttosto forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte.

April 30, 2016, at 05:46 PM by Peter -
Added lines 90-98:

(:cellnr valign=middle:)8. Con che intensità vive il benessere? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1 = estremamente debole '-(il mio benessere è completamente bloccato), 2 = debole, 3 = scarso, piuttosto debole, 4 = scarso, piuttosto forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte-'.

April 30, 2016, at 05:43 PM by Peter -
Added lines 81-89:

(:cellnr valign=middle:)7. Crede che potrà riprovare in futuro l'apice del piacere raggiunto in passato? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = piuttosto debole, 4 = mediamente, piuttosto forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = assolutamente sicuro.

April 30, 2016, at 05:40 PM by Peter -
Added lines 71-80:

(:cellnr valign=middle:)6. Quale grado di certezza ha che in futuro proverà sempre piacere? (appagamento) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, 2 =debole, 3 = piuttosto debole, 4 = piuttosto forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = assolutamente sicuro.

April 29, 2016, at 09:07 PM by Peter -
Deleted line 70:
April 29, 2016, at 09:05 PM by Peter -
Changed line 41 from:

(piacere stimolante o distensivo, rilassamento: per es: sport, sonno, sessualità, soddisfazione appagante))-'

to:

piacere stimolante o distensivo, rilassamento: per es: sport, sonno, sessualità, soddisfazione appagante

Changed line 51 from:

Rinuncio a un piacere di breve durata se per questo devo accettare conseguenze negative di lunga durata. Lo faccio nella certezza che più tardi subentrerà un piacere più grande.\\

to:

Rinuncio a un piacere di breve durata se per questo devo accettare conseguenze negative di lunga durata. Lo faccio nella certezza che più tardi subentrerà un piacere più grande.\\

April 29, 2016, at 09:03 PM by Peter -
Changed line 50 from:

(:cellnr:)4.

to:

(:cellnr:)

Changed line 52 from:

Che forza ha questo comportamento in lei?

to:

4. Che forza ha questo comportamento in lei?

April 29, 2016, at 09:02 PM by Peter -
Changed line 10 from:

Questionario

to:

Questionario piacere e benessere

April 29, 2016, at 08:59 PM by Peter -
Changed line 60 from:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = piuttosto sul debole, 4 = piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte).

to:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = piuttosto sul debole, 4 = piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte.

April 29, 2016, at 08:58 PM by Peter -
Changed line 61 from:

(:cellnr valign=middle:)5. Ha paura prima di provare piacere,

to:

(:cellnr valign=middle:)5. Ha paura prima di provare piacere?

April 29, 2016, at 08:57 PM by Peter -
Added lines 61-71:

(:cellnr valign=middle:)5. Ha paura prima di provare piacere, soprattutto in ambiti nei quali è per lei di grande importanza affettiva, per es. nell'amore (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell valign=middle:)1 = paura assoluta, che impedisce totalmente il piacere, 2 = paura molto forte, il piacere si afferma molto raramente, 3 = paura forte, il piacere c'è, ma più inibito che manifestato, 4 = paura media, in cui il piacere riesce ad imporsi, 5 = paura debole, il piacere si manifesta sempre liberamente e pienamente, 6 = paura molto debole, il piacere si manifesta sempre pienamente, 7 = paura nulla, il piacere prospera.

April 29, 2016, at 08:52 PM by Peter -
Changed line 51 from:

Rinuncio a un piacere di breve durata se per questo devo accettare conseguenze negative di lunga durata. Lo faccio nella certezza che più tardi subentrerà un piacere più grande.

to:

Rinuncio a un piacere di breve durata se per questo devo accettare conseguenze negative di lunga durata. Lo faccio nella certezza che più tardi subentrerà un piacere più grande.\\

April 29, 2016, at 08:51 PM by Peter -
Changed lines 50-51 from:

(:cellnr:)4. Rinuncio a un piacere di breve durata se per questo devo accettare conseguenze negative di lunga durata. Lo faccio nella certezza che più tardi subentrerà un piacere più grande.

to:

(:cellnr:)4. Rinuncio a un piacere di breve durata se per questo devo accettare conseguenze negative di lunga durata. Lo faccio nella certezza che più tardi subentrerà un piacere più grande.

April 29, 2016, at 08:50 PM by Peter -
Changed line 11 from:

(:table width=100% border=1 cellspacing=0%:)

to:

(:table width=100% border=1 cellpadding=3px cellspacing=0%:)

April 29, 2016, at 08:49 PM by Peter -
Changed line 21 from:

(:cellnr:)1. Con che forza vive il piacere?

to:

(:cellnr valign=middle:)1. Con che forza vive il piacere?

Changed lines 30-31 from:

(:cell:)1 = estremamente debole, il mio piacere è completamente bloccato, 2 = debole, 3 = piuttosto sul debole, 4 = piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte,7 =estremamente forte, il mio piacere è estremo. (:cellnr:)2. Quanto dura il suo piacere?

to:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, il mio piacere è completamente bloccato, 2 = debole, 3 = piuttosto sul debole, 4 = piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte,7 =estremamente forte, il mio piacere è estremo. (:cellnr valign=middle:)2. Quanto dura il suo piacere?

Changed lines 39-40 from:

(:cell:)1 = molto breve, pochi secondi, 2 = breve, qualche minuto, 3 = piuttosto breve, 4 = piuttosto a lungo, 5 = a lungo, per es: mezza giornata, 6 = molto a lungo, per es: un giorno intero, 7 = estremamente a lungo, per es: più giorni. (:cellnr:)3. Con che frequenza prova piacere?

to:

(:cell valign=middle:)1 = molto breve, pochi secondi, 2 = breve, qualche minuto, 3 = piuttosto breve, 4 = piuttosto a lungo, 5 = a lungo, per es: mezza giornata, 6 = molto a lungo, per es: un giorno intero, 7 = estremamente a lungo, per es: più giorni. (:cellnr valign=middle:)3. Con che frequenza prova piacere?

Changed line 49 from:

(:cell:)1 = quasi mai, 2 = pochissime volte, per es: una volta al mese, 3 = talvolta, ma piuttosto raramente che spesso, 4 = piuttosto spesso, 5 = spesso, 6 = molto spesso, per es: quasi giornalmente, 7 = spessissimo, almeno giornalmente.

to:

(:cell valign=middle:)1 = quasi mai, 2 = pochissime volte, per es: una volta al mese, 3 = talvolta, ma piuttosto raramente che spesso, 4 = piuttosto spesso, 5 = spesso, 6 = molto spesso, per es: quasi giornalmente, 7 = spessissimo, almeno giornalmente.

Changed line 59 from:

(:cell:)1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = piuttosto sul debole, 4 = piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte).

to:

(:cell valign=middle:)1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = piuttosto sul debole, 4 = piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte).

April 29, 2016, at 08:46 PM by Peter -
Added lines 50-59:

(:cellnr:)4. Rinuncio a un piacere di breve durata se per questo devo accettare conseguenze negative di lunga durata. Lo faccio nella certezza che più tardi subentrerà un piacere più grande. Che forza ha questo comportamento in lei? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:)1 = estremamente debole, 2 = debole, 3 = piuttosto sul debole, 4 = piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte, 7 = estremamente forte).

April 29, 2016, at 08:41 PM by Peter -
Added lines 40-49:

(:cellnr:)3. Con che frequenza prova piacere? (piacere stimolante o distensivo, rilassamento: per es: sport, sonno, sessualità, soddisfazione appagante))-' (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:)1 = quasi mai, 2 = pochissime volte, per es: una volta al mese, 3 = talvolta, ma piuttosto raramente che spesso, 4 = piuttosto spesso, 5 = spesso, 6 = molto spesso, per es: quasi giornalmente, 7 = spessissimo, almeno giornalmente.

April 29, 2016, at 08:36 PM by Peter -
Changed line 31 from:

(:cellnr:)2. Quanto dura il suo piacere quando si manifesta?

to:

(:cellnr:)2. Quanto dura il suo piacere?

April 29, 2016, at 08:35 PM by Peter -
Added lines 31-39:

(:cellnr:)2. Quanto dura il suo piacere quando si manifesta? (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:)1 = molto breve, pochi secondi, 2 = breve, qualche minuto, 3 = piuttosto breve, 4 = piuttosto a lungo, 5 = a lungo, per es: mezza giornata, 6 = molto a lungo, per es: un giorno intero, 7 = estremamente a lungo, per es: più giorni.

April 29, 2016, at 08:27 PM by Peter -
Changed line 12 from:

(:cellnr width=40%:)domanda

to:

(:cellnr width=40%:)Domanda

Changed line 20 from:

(:cell:)valutazione

to:

(:cell align=center:)Valutazione

April 29, 2016, at 08:25 PM by Peter -
Changed line 12 from:

(:cellnr:)domanda

to:

(:cellnr width=40%:)domanda

April 29, 2016, at 08:24 PM by Peter -
Changed lines 21-22 from:

(:cellnr:)1. Con che forza vive il piacere? (contentezza appagante, benessere sensuale, soddisfazione di un bisogno, attività dilettevole, per es. sport, sessualità mangiare ecc.)

to:

(:cellnr:)1. Con che forza vive il piacere? contentezza appagante, benessere sensuale, soddisfazione di un bisogno, attività dilettevole, per es. sport, sessualità mangiare ecc.

April 29, 2016, at 08:23 PM by Peter -
Changed lines 22-28 from:

(:cell:)1 (:cell:)2 (:cell:)3 (:cell:)4 (:cell:)5 (:cell:)6 (:cell:)7

to:

(:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:) (:cell:)

April 29, 2016, at 08:22 PM by Peter -
Changed lines 22-23 from:

(:cell colspan=7:) (:cell:)(1 = estremamente debole, il mio piacere è completamente bloccato, 2 = debole, 3 = piuttosto sul debole, 4 = piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte,7 =estremamente forte, il mio piacere è estremo).

to:

(:cell:)1 (:cell:)2 (:cell:)3 (:cell:)4 (:cell:)5 (:cell:)6 (:cell:)7 (:cell:)1 = estremamente debole, il mio piacere è completamente bloccato, 2 = debole, 3 = piuttosto sul debole, 4 = piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte,7 =estremamente forte, il mio piacere è estremo.

April 29, 2016, at 08:19 PM by Peter -
Changed line 11 from:

(:table width=100 border=1 cellspacing=0%:)

to:

(:table width=100% border=1 cellspacing=0%:)

April 29, 2016, at 08:18 PM by Peter -
Changed line 11 from:

(:table width=100%:)

to:

(:table width=100 border=1 cellspacing=0%:)

April 29, 2016, at 08:17 PM by Peter -
Changed line 21 from:

(:cellnr:) 1. Con che forza vive il piacere (contentezza appagante, benessere sensuale, soddisfazione di un bisogno, attività dilettevole, per es. sport, sessualità mangiare ecc.)?

to:

(:cellnr:)1. Con che forza vive il piacere? (contentezza appagante, benessere sensuale, soddisfazione di un bisogno, attività dilettevole, per es. sport, sessualità mangiare ecc.)

April 29, 2016, at 08:16 PM by Peter -
Changed line 12 from:

(:cellnr:)

to:

(:cellnr:)domanda

Changed line 20 from:

(:cell:)

to:

(:cell:)valutazione

April 29, 2016, at 08:15 PM by Peter -
Changed lines 12-13 from:

(:cellnr:)(:cell:)1

to:

(:cellnr:) (:cell:)1

April 29, 2016, at 08:14 PM by Peter -
Changed lines 12-19 from:

(:cellnr:)(:cell:)1(:cell:)2(:cell:)3(:cell:)4(:cell:)5(:cell:)6(:cell:)7(:cell:)

to:

(:cellnr:)(:cell:)1 (:cell:)2 (:cell:)3 (:cell:)4 (:cell:)5 (:cell:)6 (:cell:)7 (:cell:)

April 29, 2016, at 08:13 PM by Peter -
Added lines 9-16:

Questionario

(:table width=100%:) (:cellnr:)(:cell:)1(:cell:)2(:cell:)3(:cell:)4(:cell:)5(:cell:)6(:cell:)7(:cell:) (:cellnr:) 1. Con che forza vive il piacere (contentezza appagante, benessere sensuale, soddisfazione di un bisogno, attività dilettevole, per es. sport, sessualità mangiare ecc.)? (:cell colspan=7:) (:cell:)(1 = estremamente debole, il mio piacere è completamente bloccato, 2 = debole, 3 = piuttosto sul debole, 4 = piuttosto sul forte, 5 = forte, 6 = molto forte,7 =estremamente forte, il mio piacere è estremo). (:tableend:)

April 19, 2016, at 03:39 PM by Peter -
Changed line 10 from:

Pagine immun

to:
April 19, 2016, at 03:39 PM by Peter -
Deleted lines 10-57:

Pagine correlate

(:table width=100% cellpadding=3:) (:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:) AF 4.20 Sistema immunitario

(:cellnr:) (:toc-page AF/420?action=print:) (:cell valign=middle align=center:)

http://www.pforster.ch/ydisp/AF%204_20/AnatImmun.png

(:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:) MN 4.7.2 Immunità umana (:cellnr valign=middle align=center:)

http://www.pforster.ch/ydisp/PT%204_6/Pics/FisiologiaImmunitaria.png

(:cell:) (:toc-page MN/472?action=print:) (:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:) PT 4.6 Malattie immunitarie (:cellnr:)(:toc-page PT/46?action=print:) (:cell valign=middle align=center:)

http://www.pforster.ch/yMmP/15/ImmGen.png (:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:) Ricettari magistrali: Rimedi immunitari (:cellnr valign=middle align=center:) http://www.pforster.ch/RicettariMagistrali/Immunitario/ImmunSist.png (:cell width=50%:) (:toc-page RicettariMagistrali/Immunitario?action=print:) (:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:) AF 4.19 Sistema linfatico (:cellnr:)(:toc-page AF/419?action=print:) (:cell valign=middle align=center:) http://www.pforster.ch/RicettariMagistrali/Immunitario/DottLinfSup.png (:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:)PT 4.5 Malattie linfatiche (:cellnr valign=middle align=center:) https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/dc/Lower_limb_lymphedema.JPG (:cell:) (:toc-page PT/45?action=print:) (:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:)Ricettari magistrali: Ricettario linfatico (:cellnr:) (:toc-page RicettariMagistrali/Linfatico?action=print:) (:cell valign=middle align=center:) http://www.pforster.ch/RicettariMagistrali/Linfatico/AppLinf.png (:tableend:)

◦⦆─────⦅◦

April 19, 2016, at 03:37 PM by Peter -
Changed lines 19-21 from:

(:cellnr valign=middle align=center:)

to:

(:cellnr:) (:toc-page AF/420?action=print:) (:cell valign=middle align=center:)

Changed line 25 from:

(:cell:) (:toc-page AF/420?action=print:)

to:
April 19, 2016, at 03:36 PM by Peter -
Added lines 9-54:

Pagine immun

Pagine correlate

(:table width=100% cellpadding=3:) (:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:) AF 4.20 Sistema immunitario (:cellnr valign=middle align=center:)

http://www.pforster.ch/ydisp/AF%204_20/AnatImmun.png

(:cell:) (:toc-page AF/420?action=print:) (:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:) MN 4.7.2 Immunità umana (:cellnr valign=middle align=center:)

http://www.pforster.ch/ydisp/PT%204_6/Pics/FisiologiaImmunitaria.png

(:cell:) (:toc-page MN/472?action=print:) (:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:) PT 4.6 Malattie immunitarie (:cellnr:)(:toc-page PT/46?action=print:) (:cell valign=middle align=center:)

http://www.pforster.ch/yMmP/15/ImmGen.png (:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:) Ricettari magistrali: Rimedi immunitari (:cellnr valign=middle align=center:) http://www.pforster.ch/RicettariMagistrali/Immunitario/ImmunSist.png (:cell width=50%:) (:toc-page RicettariMagistrali/Immunitario?action=print:) (:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:) AF 4.19 Sistema linfatico (:cellnr:)(:toc-page AF/419?action=print:) (:cell valign=middle align=center:) http://www.pforster.ch/RicettariMagistrali/Immunitario/DottLinfSup.png (:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:)PT 4.5 Malattie linfatiche (:cellnr valign=middle align=center:) https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/dc/Lower_limb_lymphedema.JPG (:cell:) (:toc-page PT/45?action=print:) (:cellnr colspan=2 align=center bgcolor=#dddddd:)Ricettari magistrali: Ricettario linfatico (:cellnr:) (:toc-page RicettariMagistrali/Linfatico?action=print:) (:cell valign=middle align=center:) http://www.pforster.ch/RicettariMagistrali/Linfatico/AppLinf.png (:tableend:)

◦⦆─────⦅◦

April 17, 2016, at 09:12 AM by Peter -
Deleted lines 9-316:

Dummy

Questo trattato, che si attiene strettamente al testo di THIBODEAU & PATTON è un buon esempio di come, concentrandosi su un'idea restrittiva, si riesca a limitare e a ridurre una funzione elementare della vita ad un aspetto particolare di quest'ultima e mi spiego:

  • Il nome "immune" (intoccabile, non attaccabile) si riferisce probabilmente alle funzioni difensive del sistema* Manca completamente l'aspetto di decomposizione, smaltimento, riutilizzo di scorie, detriti e immondizie di questo processo che è almeno altrettanto importante* Limitandosi alle funzioni "difensive", gli autori si sbizzarriscono in descrizioni belliche di attacco e distruzione di "nemici" prevalentemente esterni e ogni tanto anche di "disertori interni"* Questo non rispecchia minimamente il lavoro giornaliero del sistema di smaltimento, depurazione e riciclaggio di enormi quantità di cellule sostituite in ogni secondo di una vita* Senza contare che certe disintegrazioni cellulari (come p.es. la leucocitolisi) o di strutture tessutali (come p.es. della matrice basale) fanno parte di processi regolativi del sistema

Funzioni principali

Protezione e smaltimento

Protezione

Il sistema immunitario protegge il corpo contro aggressori esterni e interni Gli aggressori esterni comprendono

  • Microrganismi: protozoi, batteri e virus, funghi e parassiti
  • Agenti estranei esterni

Gli aggressori interni sono:

  • Cellule abnormi che si riproducono (neoplasmi) e formano tumori,
  • i quali possono divenire maligni e dare metastasi

Smaltimento

Il sistema immunitario decompone e smaltisce:

  • cellule vecchie e loro frammenti
  • agenti alimentari insoliti

Organizzazione del sistema immunitario

Sono trattati i seguenti temi:

Coinvolgimento

Il sistema immunitario è continuamente al lavoro (molto ridotto in stato di spiccata simpatotonia)

Meccanismi immunitari tessutali

Immunità non specifica

L'immunità non specifica presiede alla difesa generale contro qualunque cosa venga riconosciuta come "non sé" (patogeno)

Immunità specifica

L'immunità specifica agisce contro specifici agenti nocivi

Meccanismi immunitari cellulari

Interferone: proteina sintetizzata e rilasciata in circolo da certe cellule se invase da virus. Altre sostanze "messaggere", come interleuchine, hanno altre funzioni in parte non ancora molto chiare

Cellule immunitarie

Cellule immunitarie non specifiche

Cellule primarie per l'immunità non specifica sono: neutrofili, monociti, macrofagi e cellule assassine naturali (natural killer)

Cellule immunitarie specifiche

Tipi primari di cellule per l'immunità specifica sono: i linfociti denominati cellule T e cellule B

Immunità non specifica

Sono trattati i seguenti temi:

  • Resistenza di specie
  • Barriere meccaniche e chimiche
  • Infiammazione
  • Cellule assassine naturali

Resistenza di specie

Caratteristiche generiche di un organismo o specie che difendono contro agenti patogeni

Barriere meccaniche e chimiche

Prima linea di difesaL'ambiente interno del corpo è protetto da barriere formate dalla pelle, dalle mucose, e dalle tonsilleLa pelle e le mucose forniscono ulteriori meccanismi immunitari: sebo, muco, enzimi, acido cloridrico dello stomaco, fauna e flora intestinale

Infiammazione

Seconda linea di difesa Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Risposta infiammatoria
  • Fagocitosi

Risposta infiammatoria

I tessuti danneggiati innescano risposte che contrastano il danno e promuovono la restaurazione della normalità:

  • I mediatori dell'infiammazione comprendono istamina, chinine, prostaglandine, eparina e composti correlati
  • Fattori chemiotattici: sostanze che attraggono i globuli bianchi del sangue nell'area infetta mediante il processo della chemiotassi
  • Segni caratteristici dell'infiammazione: gonfiore, rossore, dolore, calore, alterazione della funzione
  • Infiammazione sistemica: risposta infiammatoria diffusa nel corpo fino alla setticemia

Fagocitosi

Ingestione e distruzione di microrganismi o altre piccole particelle da parte dei fagociti:

  • Neutrofili: i fagociti più numerosi; solitamente i primi a raggiungere la sede del danno, migrano fuori circolo sanguigno per diapedesi, formano il pus
  • Macrofagi: grandi monociti che svolgono attività fagocitaria dopo essere usciti dal circolo sanguigno
  • esempi sono:
    • Istiociti del connettivo** Microglia del sistema nervoso** Cellule del Kupffer del fegato

Cellule assassine naturali

(Natural killer NK): linfociti che uccidono cellule tumorali e cellule infettate da virusModalità di uccisione delle cellule: lisi delle cellule dopo danneggiamento delle rispettive membrane plasmatiche (lisosomi, perossidi)

Complemento (non specifico)

Gruppi di enzimi che determinano lisi delle cellule quando vengono attivati da meccanismi dell'immunità specifica o non specifica (vedi anche 5.2.3)

Immunità specifica

Sono trattati i seguenti temi:

  • Introduzione
  • Linfociti B e immunità mediata da anticorpi
  • Linfociti T e immunità mediata da cellule
  • Tipi d'immunità specifica

Introduzione

Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Linfociti
  • Concentrazioni di linfociti
  • Trasporto e distribuzione di linfociti
  • Linfociti B
  • Linfociti T

Linfociti

L'immunità specifica appartiene alla terza linea di difesa rappresentata dai linfociti, due classi differenti di un tipo di globuli bianchi del sangue:

  • Linfociti B (cellule B), B → bursadiscendenti (mesenterio) → plasmacellule → anticorpi
  • Linfociti T (cellule T), T → timodiscendenti (timo) → diretti

Concentrazioni di linfociti

I linfociti sono più strettamente addensati nelle loro sedi di sviluppo:midollo osseo, timo, linfonodi, milza, mesenterio

Trasporto e distribuzione di linfociti

I linfociti seguono il flusso sanguigno e vengono distribuiti cosÏ ai tessuti; tornano poi al circolo sanguigno con una tendenza alla continua ricircolazione La fuoriuscita dei linfociti dai vasi sanguini nel tessuto connettivo lasso avviene tramite un movimento attivo delle cellule, la diapedesi

Linfociti B

Meccanismi delle cellule B: immunità mediata da anticorpi; producono anticorpi che marcano gli agenti patogeni

Linfociti T

Le cellule T attaccano i patogeni direttamente: classificate come elementi dell'immunità mediata da cellule

Linfociti B e immunità mediata da anticorpi

Sono trattati i seguenti temi:

  • Sviluppo di linfociti B
  • Anticorpi
  • Complemento
  • Teoria della selezione clonale di linfociti B

Sviluppo di linfociti B

Le cellule B si sviluppano in due stadi:

  • Cellule pre-B si sviluppano nei primi mesi di vita
  • Il secondo stadio si verifica nei linfonodi e nella milza e l'attivazione delle cellule B si ha quando si legano ad antigeni specifici

Le cellule B sono le progenitrici delle:

  • plasmacellule, cellule secernenti anticorpi e
  • delle cellule di memoria

Anticorpi

Proteine (immunoglobuline) secrete dalle cellule B attivate (plasmacellule)

Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Biochimica di anticorpi
  • Anticorpi "innati"
  • Classi di anticorpi
  • Immunità umorale
  • Riconoscimento di sostanze

Biochimica di anticorpi

Una molecola di anticorpo consiste di due catene polipeptidiche leggere e di due catene pesanti; ciascuna ha due siti leganti l'antigene e due siti leganti il complemento

Anticorpi "innati"

I bambini nascono con differenti cloni di cellule B nel midollo osseo, linfonodi e milza; le cellule dei cloni sintetizzano un anticorpo specifico con una sequenza di amminoacidi nella loro regione variabile che è differente dalla sequenza sintetizzata da altri cloni.

Classi di anticorpi

Sono note cinque classi di anticorpi → immunoglobuline Ig: M, G, A, E, D:

  • Ig M?: anticorpi inattivi che le cellule B sintetizzano e inseriscono nella loro membrana plasmatica; è la classe predominante prodotta dopo contatto iniziale con un antigene
  • Ig G?: rappresentano circa il 75% degli anticorpi del sangue; sono gli anticorpi predominanti della risposta anticorpale secondaria
  • Ig A?: classe principale di anticorpi delle membrane mucose, della saliva e delle lacrime
  • Ig E?: piccola quantità; provocano effetti dannosi come le allergie
  • Ig D?: piccole quantità nel sangue; la precisa funzione è ancora sconosciuta

Immunità umorale

Le molecole degli anticorpi sono responsabili: dentro il plasma: dell'immunità mediata da anticorpi (immunità umorale)

Riconoscimento di sostanze

Gli anticorpi contrastano le malattie riconoscendo le sostanze estranee o anomale. Epitopi si legano a una molecola di anticorpo nei siti leganti l'antigene e formano un complesso antigene-anticorpo che può produrre effetti diversi

Complemento

Una componente del plasma consistente in un certo numero di composti proteici (enzimatici):

  • Serve per uccidere cellule estranee per citolisi
  • Causa vasodilatazione
  • Rafforza la fagocitosi e altre funzioni

Attività del complemento

L'attività del complemento può essere avviata sia da meccanismi immunitari non specifici sia da meccanismi immunitari specifici La proteina 3 del complemento: attivata senza stimolazione antigenica: provoca i completi effetti del complemento legandosi a batteri o virus in presenza di properdina

Teoria della selezione clonale di linfociti B

Il corpo contiene diversi cloni di cellule B, ciascuno commissionato dai suoi geni a sintetizzare differenti anticorpi Quando un antigene entra nel corpo seleziona un clone le cui cellule sintetizzano gli anticorpi che gli corrispondono e stimola queste cellule a proliferare e produrre molti anticorpi I cloni selezionati dagli antigeni sono linfociti B selezionati in base alla forma dei recettori dell'antigene situati sulla membrana plasmatica dei linfociti stessi

Linfociti T e immunità mediata da cellule

Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Addestramento nella milza
  • Cellule T killer
  • Cellule T helper
  • Cellule T suppressor
  • Funzione di linfociti T
  • Attivazione di linfociti T

Addestramento nella milza

  • Cellule T: linfociti che soggiornano nel timo prima di migrare e colonizzare linfonodi e milza
  • Cellule pre-T si sviluppano in timociti mentre soggiornano nel timo
  • I timociti sciamano nel sangue e vengono trasportati alle zone T-dipendenti della milza e dei linfonodi dove vengono addestrati per specifici compiti

Cellule T killer

Cellule T che rilasciano linfotossine per uccidere le cellule ritenute o riconosciute patogene perché marcate da anticorpi

Cellule T helper

Regolano la funzione delle cellule B (differenziazione in plasmacellule)

Cellule T suppressor

Sopprimono, cioé bloccano la differenziazione delle cellule B in plasmacellule

Funzione di linfociti T

Le cellule T sono responsabili dell'immunità mediata da cellule e regolano in generale l'immunità specifica

Attivazione di linfociti T

  • Le cellule T dispiegano i recettori antigenici sulla superficie della loro membrana plasmatica
  • Le cellule T vengono attivate quando un antigene (presentato da un macrofago) si lega ai loro recettori sollecitandole a dividersi ripetutamente per formare un clone di cellule T identiche sensibilizzate
  • Le cellule T sensibilizzate raggiungono la sede in cui è penetrato l'antigene, si legano all'antigene e rilasciano citochine (linfochine) per distruggere il patogeno

Tipi d'immunità specifica

Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Immunità ereditaria
  • Immunità acquisita
  • Immunità attiva e passiva

Immunità ereditaria

Immunità congenita) meccanismi genetici mettono in atto meccanismi d'immunità specifica e non specifica durante il periodo di sviluppo nell'utero materno

Immunità acquisita

Resistenza sviluppata dopo la nascita; due tipi:

  • Immunità naturale risultante da non deliberata esposizione agli antigeni
  • Immunità artificiale risultante da esposizione deliberata agli antigeni, denominata immunizzazione

Immunità attiva e passiva

Entrambi i tipi d'immunità, la naturale e l'artificiale, possono essere attiva o passiva

Immunità attiva: quando il sistema immunitario risponde a un agente nocivo indipendentemente dal fatto che questo sia naturale o artificiale; dura più a lungo di quella passiva

Immunità passiva: l'immunità sviluppatasi in un altro organismo viene trasferita a un individuo il quale non era previamente immune; dà risultati temporanei, ma la sua protezione è immediata

Il sistema immunitario e il corpo nell'insieme

Regolazione del sistema immunitario

Il sistema immunitario, in qualche modo, è regolato dai sistemi nervoso ed endocrino

Agenti del sistema immunitario

Gli agenti del sistema immunitario comprendono cellule del sangue, cellule della pelle, cellule delle mucose, cellule del sistema nervoso, cellule del fegato e altri tipi di cellule con le loro secrezioni

Disordini del sistema immunitario

Disordini del sistema immunitario: due meccanismi basilari: eccesso di difesa o mancata reazione agli antigeni

Sono trattati i seguenti temi:

  • Ipersensibilità del sistema immunitario
  • Deficienza immunitaria

Ipersensibilità del sistema immunitario

Risposta in eccesso

Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Allergia
  • Autoimmunità
  • Isoimmunità

Allergia

Ipersensibilità ad antigeni innocui dell'ambiente

  • Risposte allergiche immediate: una persona suscettibile risulta sensibilizzata a un antigene e il suo corpo produce anticorpi, per cui l'esposizione all'allergene provoca reazioni antigene-anticorpi che fanno scattare il rilascio di istamina, chinine e altre sostanze infiammatorie
  • Risposte allergiche ritardate: coinvolgono l'immunità cellulomediata

Autoimmunità

Risposte eccessive ad autoantigeni; denominate malattie autoimmuni

Isoimmunità

Reazione eccessiva ad antigeni appartenenti a individui differenti, ma della stessa specie

  • Gravidanza: antigeni del feto che possono entrare nel sangue materno e sensibilizzarne il sistema immunitario. Allora gli anticorpi materni possono ritornare nella circolazione del feto ed essere causa di reazioni immunitarie dannose
  • Trapianto di tessuti o di organi: il sistema immunitario può reagire agli antigeni estranei del trapianto; gli antigeni più comuni si chiamano antigeni associati ai leucociti umani (Human lymphocyte antigens = HL As?)
    • Due tipi di rigetto: dell'ospite verso il trapianto e del trapianto verso l'ospite
    • Due modalità per prevenire il rigetto: tipizzazione dei tessuti e farmaci immunosoppressori

Deficienza immunitaria

Incapacità dei meccanismi della difesa immunitaria a difenderci contro ignoti patogeni, solitamente dovuta a distruzione della funzione dei linfociti; la principale caratteristica è lo sviluppo di infezioni, insolite o ricorrenti, o di cancro che possono portare a morte

Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Deficienza immunitaria congenita
  • Deficienza immunitaria acquisita

Deficienza immunitaria congenita

Conseguente a inappropriato sviluppo dei linfociti fin dalla nascita

Deficienza immunitaria acquisita

Si sviluppa dopo la nascita per intervento di fattori quali deficienze nutrizionali, droghe immunosoppressorie, altri trattamenti terapeutici, traumi, stress, infezioni virali

Sindrome dell'immuno-deficienza acquisita (Acquired immune deficiency syndrome = AIDS): causata dal virus dell'immunodeficienza umana (human immunodeficiency virus = HIV), che invade le cellule: specialmente cellule del sistema immunitario: inibendo la risposta immunitaria (fig. 20-12)

  • Infezioni opportunistiche, come pneumocistosi o sarcoma di Kaposi: che sono causa di morte
  • L'HIV contagia per contatto diretto attraverso i liquidi del corpo: per rapporti sessuali, trasfusioni di sangue, uso di aghi da iniezione contaminati
  • L'azidotimidina (AZT) è un farmaco usato per inibire le capacità riproduttive dell'HIV all'interno delle cellule infettate

© 2005 P. Forster & B. Buser via Tesserete, CH-6953 Lugaggia, Switzerland

April 16, 2016, at 09:39 PM by Peter -
Changed lines 246-247 from:

(Immunità congenita): meccanismi genetici mettono in atto meccanismi d'immunità specifica e non specifica durante il periodo di sviluppo nell'utero materno

to:

Immunità congenita) meccanismi genetici mettono in atto meccanismi d'immunità specifica e non specifica durante il periodo di sviluppo nell'utero materno

April 16, 2016, at 09:36 PM by Peter -
Changed line 104 from:

Complemento

to:

Complemento (non specifico)

April 16, 2016, at 09:33 PM by Peter -
Changed line 10 from:

Dummy

to:

Dummy

April 16, 2016, at 09:32 PM by Peter -
Changed lines 10-16 from:

tocs

(:toc /MN/472:) (:toc /PT/46:) (:toc /RicettariMagistrali/Immunitario:) (:toc /AF/419:) (:toc /PT/45:) (:toc /RicettariMagistrali/Linfatico:)

to:

Dummy

Questo trattato, che si attiene strettamente al testo di THIBODEAU & PATTON è un buon esempio di come, concentrandosi su un'idea restrittiva, si riesca a limitare e a ridurre una funzione elementare della vita ad un aspetto particolare di quest'ultima e mi spiego:

  • Il nome "immune" (intoccabile, non attaccabile) si riferisce probabilmente alle funzioni difensive del sistema* Manca completamente l'aspetto di decomposizione, smaltimento, riutilizzo di scorie, detriti e immondizie di questo processo che è almeno altrettanto importante* Limitandosi alle funzioni "difensive", gli autori si sbizzarriscono in descrizioni belliche di attacco e distruzione di "nemici" prevalentemente esterni e ogni tanto anche di "disertori interni"* Questo non rispecchia minimamente il lavoro giornaliero del sistema di smaltimento, depurazione e riciclaggio di enormi quantità di cellule sostituite in ogni secondo di una vita* Senza contare che certe disintegrazioni cellulari (come p.es. la leucocitolisi) o di strutture tessutali (come p.es. della matrice basale) fanno parte di processi regolativi del sistema

Funzioni principali

Protezione e smaltimento

Protezione

Il sistema immunitario protegge il corpo contro aggressori esterni e interni Gli aggressori esterni comprendono

  • Microrganismi: protozoi, batteri e virus, funghi e parassiti
  • Agenti estranei esterni

Gli aggressori interni sono:

  • Cellule abnormi che si riproducono (neoplasmi) e formano tumori,
  • i quali possono divenire maligni e dare metastasi

Smaltimento

Il sistema immunitario decompone e smaltisce:

  • cellule vecchie e loro frammenti
  • agenti alimentari insoliti

Organizzazione del sistema immunitario

Sono trattati i seguenti temi:

Coinvolgimento

Il sistema immunitario è continuamente al lavoro (molto ridotto in stato di spiccata simpatotonia)

Meccanismi immunitari tessutali

Immunità non specifica

L'immunità non specifica presiede alla difesa generale contro qualunque cosa venga riconosciuta come "non sé" (patogeno)

Immunità specifica

L'immunità specifica agisce contro specifici agenti nocivi

Meccanismi immunitari cellulari

Interferone: proteina sintetizzata e rilasciata in circolo da certe cellule se invase da virus. Altre sostanze "messaggere", come interleuchine, hanno altre funzioni in parte non ancora molto chiare

Cellule immunitarie

Cellule immunitarie non specifiche

Cellule primarie per l'immunità non specifica sono: neutrofili, monociti, macrofagi e cellule assassine naturali (natural killer)

Cellule immunitarie specifiche

Tipi primari di cellule per l'immunità specifica sono: i linfociti denominati cellule T e cellule B

Immunità non specifica

Sono trattati i seguenti temi:

  • Resistenza di specie
  • Barriere meccaniche e chimiche
  • Infiammazione
  • Cellule assassine naturali

Resistenza di specie

Caratteristiche generiche di un organismo o specie che difendono contro agenti patogeni

Barriere meccaniche e chimiche

Prima linea di difesaL'ambiente interno del corpo è protetto da barriere formate dalla pelle, dalle mucose, e dalle tonsilleLa pelle e le mucose forniscono ulteriori meccanismi immunitari: sebo, muco, enzimi, acido cloridrico dello stomaco, fauna e flora intestinale

Infiammazione

Seconda linea di difesa Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Risposta infiammatoria
  • Fagocitosi

Risposta infiammatoria

I tessuti danneggiati innescano risposte che contrastano il danno e promuovono la restaurazione della normalità:

  • I mediatori dell'infiammazione comprendono istamina, chinine, prostaglandine, eparina e composti correlati
  • Fattori chemiotattici: sostanze che attraggono i globuli bianchi del sangue nell'area infetta mediante il processo della chemiotassi
  • Segni caratteristici dell'infiammazione: gonfiore, rossore, dolore, calore, alterazione della funzione
  • Infiammazione sistemica: risposta infiammatoria diffusa nel corpo fino alla setticemia

Fagocitosi

Ingestione e distruzione di microrganismi o altre piccole particelle da parte dei fagociti:

  • Neutrofili: i fagociti più numerosi; solitamente i primi a raggiungere la sede del danno, migrano fuori circolo sanguigno per diapedesi, formano il pus
  • Macrofagi: grandi monociti che svolgono attività fagocitaria dopo essere usciti dal circolo sanguigno
  • esempi sono:
    • Istiociti del connettivo** Microglia del sistema nervoso** Cellule del Kupffer del fegato

Cellule assassine naturali

(Natural killer NK): linfociti che uccidono cellule tumorali e cellule infettate da virusModalità di uccisione delle cellule: lisi delle cellule dopo danneggiamento delle rispettive membrane plasmatiche (lisosomi, perossidi)

Complemento

Gruppi di enzimi che determinano lisi delle cellule quando vengono attivati da meccanismi dell'immunità specifica o non specifica (vedi anche 5.2.3)

Immunità specifica

Sono trattati i seguenti temi:

  • Introduzione
  • Linfociti B e immunità mediata da anticorpi
  • Linfociti T e immunità mediata da cellule
  • Tipi d'immunità specifica

Introduzione

Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Linfociti
  • Concentrazioni di linfociti
  • Trasporto e distribuzione di linfociti
  • Linfociti B
  • Linfociti T

Linfociti

L'immunità specifica appartiene alla terza linea di difesa rappresentata dai linfociti, due classi differenti di un tipo di globuli bianchi del sangue:

  • Linfociti B (cellule B), B → bursadiscendenti (mesenterio) → plasmacellule → anticorpi
  • Linfociti T (cellule T), T → timodiscendenti (timo) → diretti

Concentrazioni di linfociti

I linfociti sono più strettamente addensati nelle loro sedi di sviluppo:midollo osseo, timo, linfonodi, milza, mesenterio

Trasporto e distribuzione di linfociti

I linfociti seguono il flusso sanguigno e vengono distribuiti cosÏ ai tessuti; tornano poi al circolo sanguigno con una tendenza alla continua ricircolazione La fuoriuscita dei linfociti dai vasi sanguini nel tessuto connettivo lasso avviene tramite un movimento attivo delle cellule, la diapedesi

Linfociti B

Meccanismi delle cellule B: immunità mediata da anticorpi; producono anticorpi che marcano gli agenti patogeni

Linfociti T

Le cellule T attaccano i patogeni direttamente: classificate come elementi dell'immunità mediata da cellule

Linfociti B e immunità mediata da anticorpi

Sono trattati i seguenti temi:

  • Sviluppo di linfociti B
  • Anticorpi
  • Complemento
  • Teoria della selezione clonale di linfociti B

Sviluppo di linfociti B

Le cellule B si sviluppano in due stadi:

  • Cellule pre-B si sviluppano nei primi mesi di vita
  • Il secondo stadio si verifica nei linfonodi e nella milza e l'attivazione delle cellule B si ha quando si legano ad antigeni specifici

Le cellule B sono le progenitrici delle:

  • plasmacellule, cellule secernenti anticorpi e
  • delle cellule di memoria

Anticorpi

Proteine (immunoglobuline) secrete dalle cellule B attivate (plasmacellule)

Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Biochimica di anticorpi
  • Anticorpi "innati"
  • Classi di anticorpi
  • Immunità umorale
  • Riconoscimento di sostanze

Biochimica di anticorpi

Una molecola di anticorpo consiste di due catene polipeptidiche leggere e di due catene pesanti; ciascuna ha due siti leganti l'antigene e due siti leganti il complemento

Anticorpi "innati"

I bambini nascono con differenti cloni di cellule B nel midollo osseo, linfonodi e milza; le cellule dei cloni sintetizzano un anticorpo specifico con una sequenza di amminoacidi nella loro regione variabile che è differente dalla sequenza sintetizzata da altri cloni.

Classi di anticorpi

Sono note cinque classi di anticorpi → immunoglobuline Ig: M, G, A, E, D:

  • Ig M?: anticorpi inattivi che le cellule B sintetizzano e inseriscono nella loro membrana plasmatica; è la classe predominante prodotta dopo contatto iniziale con un antigene
  • Ig G?: rappresentano circa il 75% degli anticorpi del sangue; sono gli anticorpi predominanti della risposta anticorpale secondaria
  • Ig A?: classe principale di anticorpi delle membrane mucose, della saliva e delle lacrime
  • Ig E?: piccola quantità; provocano effetti dannosi come le allergie
  • Ig D?: piccole quantità nel sangue; la precisa funzione è ancora sconosciuta

Immunità umorale

Le molecole degli anticorpi sono responsabili: dentro il plasma: dell'immunità mediata da anticorpi (immunità umorale)

Riconoscimento di sostanze

Gli anticorpi contrastano le malattie riconoscendo le sostanze estranee o anomale. Epitopi si legano a una molecola di anticorpo nei siti leganti l'antigene e formano un complesso antigene-anticorpo che può produrre effetti diversi

Complemento

Una componente del plasma consistente in un certo numero di composti proteici (enzimatici):

  • Serve per uccidere cellule estranee per citolisi
  • Causa vasodilatazione
  • Rafforza la fagocitosi e altre funzioni

Attività del complemento

L'attività del complemento può essere avviata sia da meccanismi immunitari non specifici sia da meccanismi immunitari specifici La proteina 3 del complemento: attivata senza stimolazione antigenica: provoca i completi effetti del complemento legandosi a batteri o virus in presenza di properdina

Teoria della selezione clonale di linfociti B

Il corpo contiene diversi cloni di cellule B, ciascuno commissionato dai suoi geni a sintetizzare differenti anticorpi Quando un antigene entra nel corpo seleziona un clone le cui cellule sintetizzano gli anticorpi che gli corrispondono e stimola queste cellule a proliferare e produrre molti anticorpi I cloni selezionati dagli antigeni sono linfociti B selezionati in base alla forma dei recettori dell'antigene situati sulla membrana plasmatica dei linfociti stessi

Linfociti T e immunità mediata da cellule

Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Addestramento nella milza
  • Cellule T killer
  • Cellule T helper
  • Cellule T suppressor
  • Funzione di linfociti T
  • Attivazione di linfociti T

Addestramento nella milza

  • Cellule T: linfociti che soggiornano nel timo prima di migrare e colonizzare linfonodi e milza
  • Cellule pre-T si sviluppano in timociti mentre soggiornano nel timo
  • I timociti sciamano nel sangue e vengono trasportati alle zone T-dipendenti della milza e dei linfonodi dove vengono addestrati per specifici compiti

Cellule T killer

Cellule T che rilasciano linfotossine per uccidere le cellule ritenute o riconosciute patogene perché marcate da anticorpi

Cellule T helper

Regolano la funzione delle cellule B (differenziazione in plasmacellule)

Cellule T suppressor

Sopprimono, cioé bloccano la differenziazione delle cellule B in plasmacellule

Funzione di linfociti T

Le cellule T sono responsabili dell'immunità mediata da cellule e regolano in generale l'immunità specifica

Attivazione di linfociti T

  • Le cellule T dispiegano i recettori antigenici sulla superficie della loro membrana plasmatica
  • Le cellule T vengono attivate quando un antigene (presentato da un macrofago) si lega ai loro recettori sollecitandole a dividersi ripetutamente per formare un clone di cellule T identiche sensibilizzate
  • Le cellule T sensibilizzate raggiungono la sede in cui è penetrato l'antigene, si legano all'antigene e rilasciano citochine (linfochine) per distruggere il patogeno

Tipi d'immunità specifica

Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Immunità ereditaria
  • Immunità acquisita
  • Immunità attiva e passiva

Immunità ereditaria

(Immunità congenita): meccanismi genetici mettono in atto meccanismi d'immunità specifica e non specifica durante il periodo di sviluppo nell'utero materno

Immunità acquisita

Resistenza sviluppata dopo la nascita; due tipi:

  • Immunità naturale risultante da non deliberata esposizione agli antigeni
  • Immunità artificiale risultante da esposizione deliberata agli antigeni, denominata immunizzazione

Immunità attiva e passiva

Entrambi i tipi d'immunità, la naturale e l'artificiale, possono essere attiva o passiva

Immunità attiva: quando il sistema immunitario risponde a un agente nocivo indipendentemente dal fatto che questo sia naturale o artificiale; dura più a lungo di quella passiva

Immunità passiva: l'immunità sviluppatasi in un altro organismo viene trasferita a un individuo il quale non era previamente immune; dà risultati temporanei, ma la sua protezione è immediata

Il sistema immunitario e il corpo nell'insieme

Regolazione del sistema immunitario

Il sistema immunitario, in qualche modo, è regolato dai sistemi nervoso ed endocrino

Agenti del sistema immunitario

Gli agenti del sistema immunitario comprendono cellule del sangue, cellule della pelle, cellule delle mucose, cellule del sistema nervoso, cellule del fegato e altri tipi di cellule con le loro secrezioni

Disordini del sistema immunitario

Disordini del sistema immunitario: due meccanismi basilari: eccesso di difesa o mancata reazione agli antigeni

Sono trattati i seguenti temi:

  • Ipersensibilità del sistema immunitario
  • Deficienza immunitaria

Ipersensibilità del sistema immunitario

Risposta in eccesso

Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Allergia
  • Autoimmunità
  • Isoimmunità

Allergia

Ipersensibilità ad antigeni innocui dell'ambiente

  • Risposte allergiche immediate: una persona suscettibile risulta sensibilizzata a un antigene e il suo corpo produce anticorpi, per cui l'esposizione all'allergene provoca reazioni antigene-anticorpi che fanno scattare il rilascio di istamina, chinine e altre sostanze infiammatorie
  • Risposte allergiche ritardate: coinvolgono l'immunità cellulomediata

Autoimmunità

Risposte eccessive ad autoantigeni; denominate malattie autoimmuni

Isoimmunità

Reazione eccessiva ad antigeni appartenenti a individui differenti, ma della stessa specie

  • Gravidanza: antigeni del feto che possono entrare nel sangue materno e sensibilizzarne il sistema immunitario. Allora gli anticorpi materni possono ritornare nella circolazione del feto ed essere causa di reazioni immunitarie dannose
  • Trapianto di tessuti o di organi: il sistema immunitario può reagire agli antigeni estranei del trapianto; gli antigeni più comuni si chiamano antigeni associati ai leucociti umani (Human lymphocyte antigens = HL As?)
    • Due tipi di rigetto: dell'ospite verso il trapianto e del trapianto verso l'ospite
    • Due modalità per prevenire il rigetto: tipizzazione dei tessuti e farmaci immunosoppressori

Deficienza immunitaria

Incapacità dei meccanismi della difesa immunitaria a difenderci contro ignoti patogeni, solitamente dovuta a distruzione della funzione dei linfociti; la principale caratteristica è lo sviluppo di infezioni, insolite o ricorrenti, o di cancro che possono portare a morte

Sono trattati i seguenti argomenti:

  • Deficienza immunitaria congenita
  • Deficienza immunitaria acquisita

Deficienza immunitaria congenita

Conseguente a inappropriato sviluppo dei linfociti fin dalla nascita

Deficienza immunitaria acquisita

Si sviluppa dopo la nascita per intervento di fattori quali deficienze nutrizionali, droghe immunosoppressorie, altri trattamenti terapeutici, traumi, stress, infezioni virali

Sindrome dell'immuno-deficienza acquisita (Acquired immune deficiency syndrome = AIDS): causata dal virus dell'immunodeficienza umana (human immunodeficiency virus = HIV), che invade le cellule: specialmente cellule del sistema immunitario: inibendo la risposta immunitaria (fig. 20-12)

  • Infezioni opportunistiche, come pneumocistosi o sarcoma di Kaposi: che sono causa di morte
  • L'HIV contagia per contatto diretto attraverso i liquidi del corpo: per rapporti sessuali, trasfusioni di sangue, uso di aghi da iniezione contaminati
  • L'azidotimidina (AZT) è un farmaco usato per inibire le capacità riproduttive dell'HIV all'interno delle cellule infettate

© 2005 P. Forster & B. Buser via Tesserete, CH-6953 Lugaggia, Switzerland

April 14, 2016, at 08:01 PM by Peter -
Changed lines 11-17 from:

(:toc /pmwiki.php/MN/472:)

to:

(:toc /MN/472:) (:toc /PT/46:) (:toc /RicettariMagistrali/Immunitario:) (:toc /AF/419:) (:toc /PT/45:) (:toc /RicettariMagistrali/Linfatico:)

April 14, 2016, at 08:00 PM by Peter -
Changed line 11 from:

(:toc MN/472:)

to:

(:toc /pmwiki.php/MN/472:)

April 14, 2016, at 08:00 PM by Peter -
Changed line 11 from:

(:toc /MN/472:)

to:

(:toc MN/472:)

April 14, 2016, at 07:59 PM by Peter -
Deleted lines 11-16:

(:toc /PT/46:) (:toc /RicettariMagistrali/Immunitario:) (:toc /AF/419:) (:toc /PT/45:) (:toc /RicettariMagistrali/Linfatico:)

April 14, 2016, at 07:58 PM by Peter -
Changed line 19 from:

to:

Tessuto connettivo

April 14, 2016, at 07:57 PM by Peter -
Changed lines 11-16 from:

(:toc MN/472:) (:toc PT/46:) (:toc RicettariMagistrali/Immunitario:) (:toc AF/419:) (:toc PT/45:) (:toc RicettariMagistrali/Linfatico:)

to:

(:toc /MN/472:) (:toc /PT/46:) (:toc /RicettariMagistrali/Immunitario:) (:toc /AF/419:) (:toc /PT/45:) (:toc /RicettariMagistrali/Linfatico:)

April 14, 2016, at 07:56 PM by Peter -
Added lines 9-16:

tocs

(:toc MN/472:) (:toc PT/46:) (:toc RicettariMagistrali/Immunitario:) (:toc AF/419:) (:toc PT/45:) (:toc RicettariMagistrali/Linfatico:)

Edit - History - Print - Recent Changes - Search
Page last modified on May 02, 2016, at 09:28 PM