Recent Changes - Search:

Pagine di servizio

Gruppi

Pagine in allestimento

Strumenti

Domini correlati

PmWiki

pmwiki.org

edit SideBar

PT /

5.6 Disturbi acido-alcalinici

←720px→

HOME .php .html .pdf GoogleDocs Patologia Terapia Acido-basico
Peter Forster & Bianca Buser

valori pH
Cura, illustrazioni, collegamenti:
Daniela Rüegg

Contesto: Apparato escretivo indice incontro MmP 16 Sistema urinario dispensa anatomia AF 5.27 Omeostasi acido-alcalina dispensa anatomia AF 5.29 Economia idro-elettrica dispense patologia AF 5.28 Patologia urinaria dispense patologia PT 5.4 Patologia isdro-elettrolitica dispense patologia PT 5.5

Lucidi: Programma Introduzione alle funzioni escretive Malattie renali e urinarie Idroelettrolitici e acidità Terapie devianti

Versione precedente → Patologia acido-alcalinica.

Alterazioni metaboliche che interessano il bicarbonato e alterazioni respiratorie che interessano l'acido carbonico della coppia tampone bicarbonato. In senso clinico acidosi e alcalosi interessano dei livelli del sangue che si trovano fuori limiti. Visto che il pH ematico è soggetto a stretta regolazione si tratta di indicatori di disturbi clinicamente rilevanti che vanno analizzati e curati dal medico.

Tutto questo ha poco e niente a che fare con la campagna dei sacerdoti delle diete che sostengono la teoria, già un pò fuori moda, della nutrizione "troppo acida", dei corpi "troppo acidi" e così via. Essi, inoltre, elencano come "causa di acidità" un pò tutti gli alimenti che non vanno loro a genio e con argomentazioni fisiologicamente poco convincenti. Stranamente non parlano mai del troppo basico che è un pò più raro ma anche più preoccupante. E da loro si sentono raramente proposte al riguardo.

In naturopatia si trattano prevalentemente forme "subcliniche". Si usa la misurazione dell'acidità urinaria come indicatore per diversi disturbi e/o prevenzione/correzione di disturbi metabolici.

1.  Alterazioni ematiche (cliniche)

lipodistrofialipodistrofia.info sindrome metabolica sindromemetabolica.it Alcalosi metabolicait.wikipediaAlcalosi metabolicait.wikipedia

Sono trattati i seguenti argomenti:
Alterazioni metaboliche Alterazioni respiratorie

1.1  Alterazioni metaboliche


L'acidosi metabolica (deficit di bicarbonato) è il risultato della diminuzione della riserva alcalina (principalmente NaHCO3), ma il rapporto BB/AC si mantiene normale a 20/1 per la proporzionale diminuzione dell'acido carbonico dovuta all'iperventilazione e accoppiata all'eliminazione di H+ e NH3 in cambio dell'Na+ riassorbito dai reni.

Alcalosi metabolica (eccesso di bicarbonato) - inizialmente questa condizione è il risultato dell'aumento del BB/AC; meccanismi compensatori concorrono ad aumentare l'acido carbonico e a diminuire il carico del bicarbonato.

◦⦆─────⦅◦

1.2  Alterazioni respiratorie


L'acidosi respiratoria (eccesso di acido carbonico a causa di ipoventilazione) - nell'acidosi respiratoria abituale, la componente acido carbonico della coppia tampone bicarbonato aumenta al di sopra della norma; i meccanismi compensatori concorrono ad aumentare la frazione bicarbonato riportando il pH del sangue alla norma o a livelli vicini alla norma.

Alcalosi respiratoria abituale (deficit di acido carbonico) - caratterizzata da perdita eccessiva di acido carbonico a causa di iperventilazione.

2.  Alterazioni urinarie

Acidosi mednat.org Acidosi e alcalosi giovanniangile.it

L'escrezione urinaria rispecchia abbastanza fedelmente gli eventi metabolici non facilmente tamponabili nel contesto acido-basico. Inoltre è determinabile anche presso i bambini e con minimi costi utilizzando le strisce reagenti. Il compito del terapista è la valutazione e l'interpretazione dei risultati, perché singoli valori dicono poco o niente.


Già che si controlla l'urina, nel contesto si rilevano anche altri valori:

  • COMBUR10- TEST (ROCHE) per controllare altre caratteristiche urinarie.
  • DIABUR-TEST 5000 (ROCHE) per avere un'indicatore per l'escrezione di glucosio.
  • Di tanto in tanto la misurazione della quantità di urina in 24 ore.
  • Il peso specifico (24 ore) per avere un'indicazione riguardo l'escrezione di elettroliti/minerali (indice di Becher).


2.1  Collaborazione con il paziente

In pratica istruisco il paziente sull'uso delle strisce (URALYT) e la relativa annotazione dei valori e glielo faccio fare per almeno una settimana, tre volte al giorno. Dopo aver valutato i risultati discuto con il paziente le misure da prendere e faccio eventuali proposte per una medicazione adatta.

◦⦆─────⦅◦

2.2  Strisce indicatorie per l'acidità dell'urina


In farmacia sono reperibili diversi prodotti per determinare l'acidità dell'urina. Preferisco cartine con la possibilità di misurare pH tra 5.2 ... 7.4 e uso di solito quelle della ditta MADAUS "Uralyt-U" pagando Fr. 6.90 per 100 pezzi (bastano per ca. cinque settimane).

◦⦆─────⦅◦

2.3  Modulo per il controllo dell'acidità


Normalmente alle cartine di controllo è allegata una tabella per annotare i valori, altrimenti fornisco un relativo modulo:
 

Scarica in formato .pdf


◦⦆─────⦅◦

2.4  Valutazione dei risultati

Dai risultati determino il valore medio e lo valuto "ideale" se si trova tra pH 6.2 ... 6.8. Per un valore medio notevolmente più basso (acido) tento di capire le cause che possono essere:

  • Esagerate decomposizioni tessutali come in ferite, malattie degenerative o tumorali avanzate, sport eccessivo, lavori corporei sforzati, digiuni e diete restrittive, anoressia, bulimia.
  • Malattie legate a infiammazioni, dolori e infezioni di ogni tipo.
  • Medicazioni che promuovono l'acidità urinaria.
  • Squilibrio tra (troppi) radicali liberi e (scarsi) antiossidanti di tamponamento nel metabolismo.
  • Abitudini nutrizionali con smisurato consumo di proteine e/o alcool, fosfati, zolfo, e altri squilibri di elettroliti.
  • Scarso consumo di liquidi (amplifica l'effetto per maggiore concentrazione).
  • Tendenze respiratorie all'ipoventilazione.
  • Stress fisico e/o psichico cronico fino alla sindrome di adattamento/esaurimento.

◦⦆─────⦅◦

2.5  Medicazione per "acidosi urinaria"

Valutata la situazione propongo solo delle misure specifiche adatte alle cause, ma visto che è facile sostenere l'organismo e "tamponare l'acidità" propongo la somministrazione di sostanze come citrati di minerali p.es.:

  • URALYT-U® → citrato di sodio.
  • BASICA® → citrati di una larga gamma di minerali.
Caso mai: anche delle sostanze antiinfiammatorie possono ridurre l'acidità urinaria.
  • Vitamina E → antiossidante.
  • WOBENZYM N® → antinfiammatorio.

Insegno al paziente come andare avanti a misurare e dosare autonomamente i citrati in maniera da rimanere nei valori medi tra pH 6.2 ... 6.8, interpretando singole deviazioni come sana e pronta risposta dell'organismo a eventi organici.

2.6  Altre alterazioni urinarie "subcliniche"

Non voglio entrare nei seguenti argomenti perché troppo specifici e che richiedono molta esperienza oltre all'obbligo di approfondire scrupolosamente le cause:


  • Rigidità regolatoria acido-basico riconoscibile da minima variabilità del pH.
  • Evoluzioni con valori mattutini regolarmente più alti (basici) di quelli serali (acidi).
  • Valori medi a lunghe tratte sopra pH 7 (alcalinico) p.es. inducono spesso malattie tegumentarie e infezioni urinarie.

%
Naturalmente si possono "correggere" anche valori alcalinici. P.es. aminoacidi solforosi come la metionina (BURGERSTEIN) o preparati come CHLORAMMON (cloro e azoto, STREULI) rendono i valori subito più acidi.

Se i valori seguono una tendenza all'"alcalosi", suggerisco una consultazione medica per chiarirne le cause.

3.  Annessi

3.1  Immagini


3.2  Impressum

4a edizione

da Anatomia e fisiologia MmP Vol.I AF
Autori e relatori:
Peter Forster, medico naturista NVS, docente di "Materia medica Popolare" e terapista di tecniche corporee
Bianca Buser, terapista di tecniche corporee, aromaterapia e fitoterapia applicata.

Testo a cura di:

Consuelo Pini, Benedetta Ceresa, Mario Santoro

Impaginazione e stampa:

Laser, Fondazione Diamante, Lugano

Versione web:

Illustrazioni, collegamenti e cura di Daniela Rüegg

Cc by P. Forster & B. Buser nc-!5-it
1a edizione 1996 2a edizione 2000 3a edizione 2005 4a edizione 2010

◦⦆─────⦅◦

3.3  Commenti

alla pagina PT / 5.6 Disturbi acido-alcalinici: ev. cliccare sul titolo per stilare dei commenti.

clic→ Medicina popolare Domini di MedPop
© Cc by P. Forster & B. Buser nc-3.0-it
Ultima modifica: July 10, 2013, at 08:38 PM
Edit - History - Print - Recent Changes - Search
Page last modified on July 10, 2013, at 08:38 PM