Recent Changes - Search:

Pagine di servizio

Gruppi

Pagine in allestimento

Strumenti

Domini correlati

PmWiki

pmwiki.org

edit SideBar

PT /

5.3.6 Mineralosi

←720px→

Peter Forster & Bianca Buser
a cura di Daniela Rüegg

La versione precedente si trova sotto → Patologia metabolica e alimentare.

L'organismo ha bisogno degli elettroliti in piccole quantità per scopi fisiologici e per mantenere l'omeostasi elettrolitica (mmol/l → millimol per litro, misura di concentrazione di elettroliti).

Sono trattati i seguenti argomenti:
Sodio (Na) Cloro (Cl) Calcio (Ca) Magnesio (Mg) Potassio (K) Fosforo (P) Zolfo (S)



1.  Sodio

(Na) 2000 mg p.die


Fabbisogno giornaliero 2 ... 3 gr. corrispondente a 5 ... 7.5 g di sale da cucina (NaCl). In media ne viene consumato ca. il doppio.

Compiti principali: omeostasi dei liquidi corporei (interstizio, sangue, liquor) e regolazione nervosa/muscolare.

I disturbi dell'economia di sodio incidono direttamente sull'economia idrica dell'organismo. I reni dispongono di una sviluppata capacità di escrezione/riassorbimento di sodio.

Sono trattati i seguenti argomenti:
Iponatriemia Ipernatriemia



1.1  Iponatriemia ( ... del sangue)

< 135 mmol/l

Causa primaria:

  • Abitudini dietetiche "senza sale" (mancante approvvigionamento).
  • Lavoro corporeo forzato (aumentato fabbisogno): raro.

Da considerare durante attività sportive intense (sudore).

 

Causa secondaria:

  • Malattie renali.
  • Vomito.
  • Diarrea.
  • Impiego di diuretici (anche eccesso di bibite).
  • Cure dimagranti.
  • Disturbi ormonali (M. Addison).

Sono più frequenti e a volte sfuggono all'occhio clinico del terapista.


L'iponatriemia crea come Sintomi:

  • Una gran voglia di brodo.
  • Ipotonia.
  • Tachicardia (fino al collasso).
  • Astenia.
  • Ev. crampi e scombussolamento.

Per molti anni si pensò che l'ipertonia fosse creata da un esagerato consumo di sale, ma nessun studio in merito riuscì a dimostrarlo.. In pratica, il corpo si regola da sè e solo in caso di disturbi renali è da chiarire un'eventuale regola di consumo.

◦⦆─────⦅◦

1.2  Ipernatriemia ( ... del sangue)

> 150 mmol/l

Causata da esagerato consumo, insufficienza renale.
L'ipernatriemia crea (spesso, non sempre):

  • Una grande sete, che con bibite e reni funzionanti, tramite una forte urinazione, ripristina l'equilibrio elettrolitico.
  • Ipertonia (non confermato).
  • Tendenza ad edemi (ritenzione di acqua nel corpo).


 

2.  Cloro

(Cl) 3000 ... 5000 mg p.die
Fabbisogno giornaliero: da 5 ... 7.5 gr di sale da cucina (NaCl). Un rene sano elimina facilmente i sovradosaggi. Bisogno accresciuto in persone che sudano molto. (Perdita di sale).

Compiti principali:


cloro
  • Omeostasi dei liquidi corporei.
  • Formazione di acido cloridrico nello stomaco come antibiotico naturale e digerente.
I disturbi dell'economia di cloro incidono direttamente sull'economia idrica dell'organismo.



I sintomi sono simili ai disturbi di sodio, in più: La ipocloremia può creare sintomi di dispepsia gastrica e a lungo disturbi della flora intestinale perché non vengono più disinfettati efficacemente i nutrienti crudi.

3.  Calcio

(Ca) 800 mg p.die
99% del calcio nell'organismo si trova depositato nelle ossa e nei denti.

Oltre alle funzioni strutturali ossee il calcio ha:

  • un importante ruolo nella contrazione muscolare e
  • per la coagulazione ematica.
  • Inoltre ha effetti:
    • antiallergici,
    • antinfiammatori
    • vasoprotettori e serve
    • alla regolazione del livello ematico tramite paratormone e calcitonina.

Contenuto: nei prodotti lattici, nelle noci, nel cavolo (secondo il terreno di coltivazione).

 

Sono trattati i seguenti argomenti:
Ipocalcemia Ipercalcemia

3.1  Ipocalcemia

< 2.1 mmol/l siero
Deficienze di calcio sono dovute a:

  • Mancanze dietetiche: calcio e vit. D in prodotti lattici.
  • Scarso contenuto di calcio nel suolo ( crescita di alimenti poveri di calcio).
  • Disturbi della regolazione calcioematica (p.es. dovuti alla mancanza di magnesio).
  • Aumentato fabbisogno in situazioni gravidanza, acidosi corporea, ...
  • Iperparatiroidismo.
  • Malattie renali e pancreatiche.
  • Sindrome di Cushing (cortisone in eccesso).

Ipocalcemia crea:

  • Eccesso di irritazione muscolare fino a spasmi e tetania spec. delle membrane.
  • Tendenza a ematomi.

Sono normalmente quadri clinici gravi che vengono facilmente scoperti e trattati.


Una deficienza di calcio non si scopre così facilmente in quanto la regolazione ematica del calcio è mantenuta nei limiti ristretti. Dapprima si espellono le riserve calcaree dal corpo attraverso l'urina e da ultimo si riscontra un suo ammanco nel sangue. Necessitano altri indicatori per scoprire delle deficienze (chiamate subcliniche).

  • Tendenza a malattie ossee come osteoporosi e osteomalazia.
  • Tendenza ad allergie ed eczemi.
  • Tendenza alle irritazioni e infiammazioni intestinali (il calcio tampona sostanze aggressive nell'intestino). Studi dimostrano un nesso epidemiologico tra mancanza di calcio e tumori intestinali.

La popolazione ticinese è abbastanza afflitta da deficienze calcaree (subclinici) visto che nè acqua nè suolo (specialmente del Sopraceneri) contengono calcio. Combinato con una fobia verso i prodotti lattici (provocata dagli apostoli della nutrizione senza indicare la somministrazione di calcio sostitutivo) è diventata una vera carenza endemica.

◦⦆─────⦅◦

3.2  Ipercalcemia

> 2.6 mmol/l siero

  • Deficienza di escrezione renale.
  • Decomposizione ossea smisurata (acidità).
  • Disturbi di regolazione calcemica (p.es. troppo magnesio).

Un livello aumentato cronico di calcio ematico può creare calcoli renali e/o aterosclerosi. Tutti e due i fatti non sono confermati, anzi: uno studio epidemiologico americano ha dimostrato che non esiste nessun nesso tra consumo di calcio e calcoli renali. Per l'aterosclerosi non conosco studi del genere, ma in base a un ragionamento fisiologico/metabolico/anatomico mi sembra abbastanza ridicolo.

Un tasso notevolmente aumentato temporaneamente crea:

  • Perdita di appetito.
  • Sete.
  • Poliuria.
  • Nausea e vomito.
  • L'eccitabilità muscolare diminuisce:
    • atonia muscolare,
    • costipazione fino a paralisi atoniche.



4.  Magnesio

(Mg) 350 mg p.die

Magnesio laleva.cc Ipomagnesiemia it.Wikipedia Ipermagnesiemiabooks.google.ch

Nei muscoli, ossa e sangue, regola il tasso di calcio ematico.

Contenuto: imolti alimenti come:


  • Cereali integrali.
  • Prodotti lattici.
  • Noci.
  • Verdura.
  • Legumi.


 

Sono trattati i seguenti argomenti:
Ipomagnesiemia Ipermagnesiemia



4.1  Ipomagnesiemia

< 0.8 mmol/l
Raro, perchè presente sufficientemente negli alimenti.

Possibile con:

  • Insufficienza renale.
  • Sottonutrizione (anoressia, cure dimagranti forzate, diete ideologiche, carestie).
  • Alcolismo cronico.
  • Coma diabetico.

Sintomi:

  • Tremore, Tetanie e crampi, Stati deliranti.
  • Per il resto sintomi come deficienza di calcio perché regola la calcemia.

◦⦆─────⦅◦

4.2  Ipermagnesiemia

> 1.3 mmol/l

Causa di:

  • Deficienza renale.
  • Uremie.
  • Eccesso d'ingerimento (avvelenamento galenico).

In casi gravi blocca i terminali sinaptici muscolari: paralisi.

 

5.  Potassio

(K) 2000 mg p.die


Fondamentale per il funzionamento delle cellule:

  • Processi elettrici nei nervi e muscoli.
  • Omeostasi osmotica nella cellula.
  • Funzioni nel metabolismo di proteine e carboidrati nelle cellule.
  • Formazione/funzionamento degli eritrociti.

Contenuto: in molti alimenti: verdura, frutta, legumi, leguminose, funghi, carne e nei loro brodi in misura contentrata.

I brodi (sia di carne, pesce legumi o verdura) contengono notevoli dosi di potassio, perché è solubile in acqua. Chi mangia la verdura (o la carne) cotta senza bere il suo brodo perde il potassio in essa contenuta.

Ipokaliemia it.wikipedia iperpotassiemia chirurgiatoracica.org

Sono trattati i seguenti argomenti:
Ipopotassiemia Iperpotassiemia

5.1  Ipopotassiemia

( ... sangue) < 3.5 mmol/l

Cause:

  • Sottonutrizione (anoressia, cure dimagranti forzate, diete ideologiche, carestie).
  • Disturbi gastrointestinali (vomito, bulimia, diarrea, lassativi).
  • Insufficienza renale, Diuretici.

Sintomi:

  • Atonia, Costipazione,
  • Apatia, Diminuzione di riflessi.
  • In casi gravi: paresi, ileo paralitico, coma.

Contrariamente a ciò che vale per il sodio, i reni non dispongono di un meccanismo di recupero del potassio. In tutte le eccessive demolizioni delle cellule, il potassio va perso (cure dimagranti, sforzi fisici smisurati, ustioni, ferite gravi, terapie distruttive come chemio e radioterapie, ... ma anche tutte le malattie che richiedono immobilità, per il deperimento muscolare). Per la riparazione dei tessuti occorre quindi parecchio potassio.
Il miglior fornitore di potassio naturale è il brodo. Il minestrone di legumi e la verdura di stagione, con olio d'oliva, formaggio grattugiato pane e un bicchiere di vino è veramente un piatto che fornisce una grande parte dei nutrienti e micronutrienti per vivere bene!

◦⦆─────⦅◦

5.2  Iperpotassiemia

( ... sangue) > 5.0 mmol/l

Causa:

  • Eccessivo apporto (avvelenamento galenico).
  • Eccessiva decomposizione di eritrociti.
  • Insufficienza renale.
  • M. Addison (insufficienza corteccia surrenale).

Sintomi:

  • Debolezza, Confusione, Parestesie, Paresi atoniche.
  • Aritmia cardiaca, Bradicardia fino al fermo cardiaco.

6.  Fosforo

(P) 1300 mg p.die


  • 90% depositato nelle ossa e nei denti.
  • Metabolismo energetico ADP ↔ ATP (Adenosindi- e -trifosfato).
  • Nel sangue per l'omeostasi acido / base.

Contenuto in pressoché in tutti gli alimenti: cereali, verdure, carne, formaggi, legumi,

È raramente scarso perché viene aggiunto o concentrato in molti alimenti industriali come p.e in "formaggi spalmabili", Coca Cola, ... .

Nei bambini iperattivi si trova spesso un eccesso di fosforo.

7.  Zolfo

(S)
Fabbisogno sconosciuto.
Partecipa:

  • Alla formazione di tessuto connettivo / sostegno.
  • Coinvolto in processi di disintossicazione.

Contenuto: in pressoché tutti gli alimenti "proteici" come aminoacidi zolfatati.

Si usa spesso in unguenti nella forma fisiologica DMSO2 (Dimetilsulfossido).


8.  Allegati

8.1  Immagini


8.2  Impressum

3a edizione

da Patologia e terapie MmP Vol.II PT
Autori e relatori:
Peter Forster, medico naturista NVS, docente di "Materia medica Popolare" e terapista di tecniche corporee
Bianca Buser, terapista di tecniche corporee, aromaterapia e fitoterapia applicata.

Testo a cura di:

Consuelo Pini, Benedetta Ceresa, Mario Santoro

Impaginazione e stampa:

Laser, Fondazione Diamante, Lugano

Versione web:

Illustrazioni, collegamenti e cura di Daniela Rüegg

Cc by P. Forster & B. Buser nc-2.5-it
1a edizione 1996 2a edizione 2000 3a edizione 2010

8.3  Commenti

alla pagina PT / 5.3.6 Mineralosi: ev. cliccare sul titolo per stilare un commento

clic→ Medicina popolare Domini di MedPop
© Cc by P. Forster & B. Buser nc-3.0-it
Ultima modifica: December 19, 2010, at 09:53 AM
Edit - History - Print - Recent Changes - Search
Page last modified on December 19, 2010, at 09:53 AM