Recent Changes - Search:

Pagine di servizio

Gruppi

Pagine in allestimento

Strumenti

Domini correlati

PmWiki

pmwiki.org

edit SideBar

PT /

2.3 Malattie delle articolazioni

←720px→

Peter Forster & Bianca Buser
Cura, illustrazioni, collegamenti:
Daniela Rüegg

1.  Prefazione

Si parla di malattie articolari in presenza di:


Malattie articolari
  • traumi / lesioni meccaniche accidentali o di improprio uso del sistema locomotore;
  • deformazioni / degenerazioni cartilaginose e ossee causate da malnutrizione, aberrazioni metaboliche e vari processi patologici;
  • processi infiammatori della sinovia (capsula articolare) causati da:
    • traumi, lesioni;
    • deformazioni, degenerazioni;
    • altre malattie.

In medicina si differenzia giustamente tra:


Artrosi e artrite
  • artrosi con cause patologiche essenzialmente deformanti: degenerazione cartilaginosa / ossea (ed ev. susseguenti effetti infiammatori);
  • artriti con cause patologiche essenzialmente infiammatorie: infiammazione / iperplasia sinovia (ed ev. susseguenti effetti deformanti su cartilagine / ossa);

anche se la distinzione spesso non sembra "logica" al profano, perché dai sintomi e dagli effetti si nota poca differenza.

Dal punto di vista terapeutico,invece, ci sono grandi differenze:

  • nelle forme prevalentemente artritiche è da chiarire la malattia a monte per applicarne poi i rimedi specifici e nel frattempo curare con antinfiammatori; sono da evitare "cure fisiche" su articolazioni infiammate
  • anche nelle forme prevalentemente artrotiche sono da chiarire le cause per poi rimediare con cure o interventi "riparativi" e, se indicato, ristabilire gli equilibri posturali.

In ogni modo si cura prevalentemente il dolore e se è il caso l'infiammazione (e/o degli edemi) con misure adatte.

A ev. infiammazioni c'è da dedicare la massima attenzione: per non lasciar neanche iniziare il circolo vizioso infiammazione ↔ deformazione c'è immediatamente da rimediare con antinfiammatori, perché una susseguente deformazione articolare è irriversibile.

2.  Traumi articolari

In caso di distorsioni, lussazioni, lacerazione del menisco, consultare sempre un medico per definire la diagnosi.

Sono trattati i seguenti argomenti:
Distorsioni Lussazioni Lacerazione del menisco

2.1  Distorsioni

Breve spostamento di un'articolazione con possibile lacerazione di vasi, ligamenti e altri tessuti.

Sono trattati i seguenti argomenti:
Soccorso Cura in fase acuta Convalescenza Edemi

Soccorso

Mettere l'articolazione in posizione rialzata e applicare un anestetico locale a freddo e una benda di sostegno.

Cura in fase acuta

Applicare delle compresse di acqua fredda con TM di Arnica (1 cucchiaio da minestra / 1/2 l d'acqua);oppure della pomata all'aceto tartrato di alluminio (es. Euceta).

Convalescenza

Dopo la fase acuta spalmare la pomata di Symphitum officinale p. es. Kytta-Plasma e mettere una benda.

Edemi

In caso di edemi linfatici spalmare: Unguentum lymphaticum PGM oppure una crema che contiene Aeth. di incenso.
La sera fare un bagno caldo parziale con timo, scaldare la parte con un asciugacapelli, frizione con spirito di ginepro, angelica, calmus o olio di giusciamo →A e non coprire la parte durante la notte.

◦⦆─────⦅◦

2.2  Lussazioni

  • Spostamento definitivo di un'articolazione.
  • Non muovere, rimanere in posizione comoda.
  • Chiamare il pronto soccorso.
  • Trattamento da far eseguire solo da uno specialista.
  • Trattamento dopo la cura clinica come → "distorsioni".

◦⦆─────⦅◦

2.3  Lacerazione del menisco

Trattare come → "lussazioni".

3.  Processi degenerativi articolari

Artrosi degenerative e gangli

Artrosi it.Wikipedia Artrosi mybestlife.com Ernia del disco it.wikipedia Forme di artrosi body-shop.it Ganglio donaldsammut.com Protezione articolare Artrosi it

Sono trattati i seguenti argomenti:
Artrosi degenerativa Gangli Prolasso del disco vertebrale (ernia discale)

3.1  Artrosi

(degenerativa)
L'equilibrio di consumo e la rigenerazione della cartilagine articolare sono disturbati da un eccesso di consumo, da scarsa rigenerazione di cartilagine o eccessiva rigenerazione ossea. I processi (degenerativi, cronici) risultano:

  • da abrasioni di cartilagine causati da colpi o posizioni posturali inadatte (artrosi nello stretto senso della parola)
  • da neoformazioni osse (osteoartrosi risp. osteoartrite nelle fasi acute infiammatorie)
  • da processi infiammatori artritici o poliartritici acuti (del periostio → cute che involge l'articolazione).

Per questo motivo è importantissimo distinguere dolori "irritanti" da quelli "infiammatori" e se è il caso di fermare immediatamente dei processi infiammatori delle articolazioni per impedire una progressione della deformazione → artrosi.

Artrosi
del rachide cervicale

Artrosi
delle mani

 

Artrosi
dell'anca (coxartrosi)

Artrosi
delle ginocchia

Terapia per l'artrosi

Le proposte terapeutiche si orientano, per tentativi, a:

  • evitare l'infiammazione della relativa articolazione per impedire la progressione
  • evitare il consumo di cartilagine: peso, sforzi
  • minimizzare i dolori: analgesici, miorilassanti, antinevralgici, agopuntura, neuralterapia, ...
  • stimolare la rigenerazione: enzimi, terapie di stimoli (Baunscheidt, Cantaridi, Sanguisughe...) e di deviazione, aumento circolazione (→ distorsioni)
  • apporto di sostanze "cartilaginee": Biogela Gold, cartilagine di squalo, gelatina di bestiame.

Antidolorifici

In caso di dolori aiuta spesso:

  • Applicare olio di Gaultheria →J sulle zone dolenti
  • Flores graminis in sacchetto di stoffa in acqua a 42°C messo sull'articolazione dolente per 40 minuti.
  • Spirito di giusciamo →A
  • Spalmare l'olio secondo →B
  • Petasite e spirae ulmariae.

◦⦆─────⦅◦

3.2  Gangli

Cisti degenerative (molli e dure) prevalentemente sopra il polso, dietro il ginocchio e sul dorso del piede. Il medico chiarisce se non si tratta di una forma tumorale. Dopo l'escissione chirurgica spesso si riformano. A volte diminuiscono dopo un (lungo) trattamento con olio di senape →C

3.3  Prolasso del disco vertebrale

(ernia discale)
Esso è causato da una pressione smisurata su un disco intervertebrale. Il nucleo "gelatinoso" del disco può essere spinto fuori dal disco e premere le radici nervose sul midollo.
Ciò si verifica spesso in regione L5/S1 o L4/L5 con:

  • dolori
  • disturbi di sensibilità
  • atrofia muscolare.

Nei glutei, coscia, gamba, piede: dolori simili a quelli sciatici.


Ernia discale
 

Tomogramma: piccolo prolasso L5/S1
e inizio di prolasso L4/L!


4.  Processi infiammatori articolari

Artrite reumatoide it.Wikipedia Gottait.wikipedia. Borsite my-personaltrainer.it Atrosi e artritimy-personaltrainer.itArtrosi del ginocchio

Artriti, poliartriti, gotta, tendovaginiti, borsiti.
Chiarire dal medico la diagnosi.

Terapeuticamente è sensato interrompere il circolo vizioso con antinfiammatori "palliativi".
I medici lo fanno con "steroidi" (p.es. Cortisone) o con saliciati (p.es. Vioxx)
o altre sostanze che a lungo hanno notevoli effetti collaterali.
In naturopatia si usano come antiglogistici in particolare enzimi proteolitici p.es. WOBENZYMN e/ o fitorimedi come Corti Salicis, Spira ulmaria e altri.
Inoltre si usano sostanze antiossidanti come la vitamina C, la vitamina E e il Selenio, ... per "tamponare" radicali liberi provenienti dal processo infiammatorio.
Per la "riparazione" di cartilagine lesa, si usano protoglicani (ev. solfatati come condrosulf,
BIOGELA, ...).
In casi estremi e come "terapia di rassegnazione" sono applicate sostanze immunosoppressive (in medicina clinica).
In naturopatia si tenta invece di influenzare il metabolismo con "antidiscrasici".


4.1  Artrite e poliartrite


Artrite reumatoide evoluta

Artrite e poliartrite (reumatoide) sono denominati processi acuti infiammatori (-ite), mentre artrosi, processi degenerativi delle articolazioni (-osi).
I processi artrotici (degenerativi, cronici) risultano di solito da processi infiammatori artritici o poliartritici acuti. Per questo motivo è importantissimo fermare immediatamente dei processi infiammatori delle articolazioni: per impedire una progressione della deformazione → artrosi.

Mentre dei processi artritici non è nota la causa (salvo l'età), per la poliartrite (tanti o tutte le articolazioni infiammate) si sospetta un meccanismo autoimmunitario (cave stimolatori immunitari).

Le terapie delle diverse forme si distinguono poco, perché non essendo chiare le cause si tenta di mitigare i stessi sintomi: infiammazione, dolore e degenerazione di tessuti connettivi.

Forme

Processi infiammatori di patogenesi non chiara. Partono comunemente dalla sinoviale con acuti attacchi reumatici (dolorosi), decomponendo man mano la cartilagine con conseguente congiungimento delle due ossa adiacenti.

Poliartrite
(cronica, mani)

Noduli reumatici
(avambraccio)

Artrite reumatoide
(generalizzata)

Fase acuta

Nella fase acuta è necessario consultare il medico che probabilmente prescriverà cortisone per delimitare il danno.
Nelle fasi intermedie si ricorre alle terapie descritte sotto "artrosi degenerative" (per delimitarne i danni).
Se sono presenti dei fattori di reuma, si tenta di influenzare anche i meccanismi autoimmunitari, p. es. con lo "Spenglersan..." → L

Antidiscrasico*

→C,→D,→E,→F
In ogni caso si usa l'antidiscrasico per equilibrare il metabolismo, influenzando i fattori umorali che hanno un ruolo importante in ogni processo "reumatico". A questo si aggiunge all'inizio un leggero lassativo e un carminativo per far sopportare meglio l'antidiscrasico.
* Discrasia → cattiva mescolanza

Alterazione delle caratteristiche chimiche, chimico-fisiche, immunologiche dei liquidi organici, specialmente del sangue.

Cura intestinale

All'inizio, in fasi acute e per poche settimane, si tenta di equilibrare l'intestino con dulcamara, ginepro, frangula e carvo →D La dose può essere aumentata fino al doppio.

Fasi latenti, prevenzione

Nelle fasi latenti, e come abitudine a lungo termine, uso di tarassaco, ortica e betulla →E La dose può essere aumentata fino al triplo.

Casi resistenti, specifici

In casi "resistenti" dopo ca. 2 mesi aggiungere tubero harpagophyti. Utilizzare la polvere incapsulata, perché il gusto è proprio disgustoso →F Per la dieta è da controllare ed eventualmente correggere l'acidità. Mangiare giornalmente sedano (rapa, seme, erba).

Terapie corporee

Non da ultimo, le terapie corporee, →G oli analgesici, curativi e bagni caldi antiartritici aiutano ad allentare i sintomi secondari come muscoli tesi, circolazione periferica ridotta, postura e movimento "di risparmio" e respirazione piatta.

4.2  Artrite urica (gotta)

Disturbo metabolico che crea depositi di cristalli di urato di sodio nelle articolazioni.
In fase acuta crea forti dolori.

Gotta cronica
(mani)

Deformazione cronica
(mani)

 

Gotta artritica
piede (cronica)

 

Tòfi di urati
Tofo → tumefazione di consistenza nodulare in seguito ad accumulo di acidi urici.

Terapia

  • Ricettario gotta
  • Durante la fase acuta utilizzare: Colchysat Bürger → K2 (ricetta medica);
  • per quella latente: avena rec. → K2
  • La dieta influisce molto e sono da evitare: pesce, frutti di mare, suini, frattaglie, fagioli, caffè, tè nero e alcol.

Controllo e correzione dell'acidità urica, mangiare spesso sedano, perché pare che il sedano (rapa, piccioli, foglia, seme) → K3 abbassi notevolmente l'acido urico ematico. Se ne consiglia il regolare consumo.

◦⦆─────⦅◦

4.3  Tendovaginite, Borsite

Irritazioni per movimenti ripetitivi (tendovaginite) o sforzi ripetitivi (borsite).


borsite

Oli antiinfiammatori e antalgici locali →G e fissare l'articolazione.


5.  Ricettario articolare

Sono trattati i seguenti argomenti:
Traumi Gangli Artriti, artrosi Gotta Poliartrite, artriti

5.1  Traumi articolari


hyoscyamus

Rp.: A) Distorsioni, dolori articolari:
Ol. Hyoscyami 20 anestetico, rilassante
Chloroformii 30 anestetico locale
Spirit Angelicae compos. 50 corrigens
D.S. Frizionare sulle articolazioni dolenti. Scuotere prima dell'uso.

Abbreviazioni

5.2  Gangli


Sinapis
Rp.: C) Gangli:
Aeth. Gerani regolatore ormonale / linfatico
Aeth. Incensi aa 1 antiedematico
Ol. Sinapis ad 50 roborizzante
D.S. Spalmare 1...3 volte al dì poche gocce sui gangli per almeno un mese.

Abbreviazioni

5.3  Artrosi, (artriti)

Rp.: B1) Antiinfiammatorio sistemico
Wobenzym N® compr. 250 antiinfiammatorio
in fase acuta: ingerire 3 volte al dì 1/2 ora prima di un pasto 5 compr. con una bibita. Cave: non usare preventivamente

Abbreviazioni


Ginepro

Rp.: B) Dolori articolari cronici:
Aeth. Garofano 2 anestetico locale
Aeth. Limone 1.5 regolatore acidità locale
Aeth. Rosmarino 1.5 microcircolazione
Aeth. Ginepro 1.5 escrezione residui
Aeth. Camom. blu 0.2 antiinfiammatorio
Ol. Frumento 15 antiossidante sinoviale
Ol. Mandorla ad 30 corrigens
D.S. Spalmare da 1 a 3 volte al dì poche gocce sui punti dolorosi.

Abbreviazioni

 


Dulcamara

Rp.: D) Artrite acuta (metabolica):
TM Stip. Dulcamara antidiscratico
TM Fruct. Juniperi escretivo
TM Cort. Frangulae lassativo
TM Fruct. Carvi aa ad 50 carminativo
D.S.Ingerire 3 volte al dì 25 gocce in un po' d'acqua prima dei pasti per un mese.

Abbreviazioni


Taraxacum

Rp.: E) Artrite latente (metabolica):
TM Rad. Taraxacum c. herba stimolante metabolico
TM Hb. Urticae diuretico, escretivo
TM Fol. Betulae aa ad 100 diuretico, diaforetico
D.S. Ingerire 3 volte al dì 40 gocce in un po' d'acqua prima dei pasti per diversi mesi.

Abbreviazioni


Harpagophyti

Rp.: F) Artrite persistente:
Tub. Harpagophyti 70 specifico
Fruct. Ribes niger ad 100 immunitario
'
m.f. 400 caps. à 0.25 D.S.Ingerire 2 volte al dì 3 capsule.

Abbreviazioni

Rp.: G) Artrite persistente:
Aeth. Garofano 3 anestetico locale
Aeth. Ginepro 1 escretivo
Aeth. Limone 1 antiacido
Aeth. Geranio 1 linfatico
Aeth. Incenso 0.5 antiedematico
Ol. Nigella ad 30 antiistaminico
D.S. Spalmare un paio di gocce sui punti dolorosi da 2...3 volte al dì.

Abbreviazioni


Biogela Gold
Rp.: Ia) Artrosi (ricostituente cartilagine):
Biogela Gold 1.8 kg Bio-Gestion 1261 Trélex
D.S. Ingerire giornalmente 2 misurini in un bicchiere di acqua minerale gasata, succo di frutta o altri liquidi.

Abbreviazioni

 


Bergamotto
Rp.: H) Bagno rilassante antiartritico:
Aeth. Incenso antiedematico
Aeth. Bergamotto calmante
Aeth. Limone antiacido
Aeth. Ginepro aa 0.5* escretivo
Ol. Jojoba ad 50 *10 gocce
D.S. 5 ml in bagno caldo, distribuire con la doccia.

Abbreviazioni

Rp.: J) Antalgico locale
Aeth. Gaultheriae metilsalicilato
Ol. Oliva aa ad 30
D.S. spalmare sulle parti dolenti più volte al dì.
Cave! non usare per bambini, rischio del Sindr. di Reye.
Cave! intolleranza ai salicilati (Aspirina®)

Abbreviazioni


5.4  Gotta


Alchemillae mont.

Rp.: I) Gotta acuta:
Colchysat® 30 (colchicina naturale) specifico
Johannes Bürger
D.S. In caso di un attacco gottoso ingerire 25 gocce in un po' d'acqua ogni 1...2 ore

(mass. 400 gocce al dì). In caso di diarrea: ingerire 20 gocce di Resyl+ 3 volte al dì.
Abbreviazioni


Apium graveolens

Rp.: K2) Gotta latente: preventivo
Hb. Avenae sativa 75 specifico acido urico
Hb. Urticae dioicae 10 diuretico, escretivo
Hb. Hypericis 10 amaro stomachico calmante
Hb. Alchemillae mont. 5 regolatore metabolico
m.f.species..D.S. 3 volte al dì infusione. 2 c.t. in una tazza d'acqua 10 min.

Abbreviazioni

Rp.: K3) Gotta latente: preventivo
Sem. Apium graveolens c.t. 1 Semi di sedano; cucchiaio da tè
D.S. ingerire regolarmente con i pasti

Abbreviazioni

Etnomedicina: orale: Inf.Fol.Ulivae, Inf.Hb.Urtica dioica
locale: Aeth.Gaultheriae

5.5  Poliartrite, artriti

Rp.: B1) Antiinfiammatorio sistemico
Wobenzym N® compr. 250 antiinfiammatorio
in fase acuta: ingerire 3 volte al dì 1/2 ora prima di un pasto 5 compr. con una bibita. Cave: non usare preventivamente

Abbreviazioni


Spenglersan

Rp.: L) Poliartrite (modulazione immunitaria):

Spenglersan Kolloid K

1 ml germi inattivati in soluzione
Spenglersan Kolloid R 10 ml "omeopatica"
Spenglersan Kolloid G 2 ml specifiche
Spenglersan Kolloid T 10ml documentazione del produttore.
D.S.Sfregare nell'interno del gomito fino a leggero arrossamento secondo il seguente piano:
  • per 2 giorni: 3 p.d. 7 gtt. K
  • per 5 giorni: mattina 7 gtt. R mezzogiorno e sera 7 gtt. G
  • poi in alternanza giornaliera: 2 p.d. 7 gtt. T 2 p.d. 7 gtt. R

Produttore Spenglersan Kolloide: Meckel GmbH, D-77815 Bühl
Abbreviazioni


Biogela Gold
Rp.: Ia) Artrosi (ricostituente cartilagine):
Biogela Gold 1.8 kg Bio-Gestion 1261 Trélex
D.S. Ingerire giornalmente 2 misurini in un bicchiere di acqua minerale gasata, succo di frutta o altri liquidi.

Abbreviazioni


Consolidae
Rp.: K) Dolori artritici, ricostituente tessutale:
Ung. Consolidae 60
Aeth. Garofano 6
Aeth. Incensi 4
Aeth. Rosmarini 2
Ol. Nigellae 20
Ol. Tritici ad 100
gran.. Lecitina q.s.
D.S.Spalmare piú volte al dì sulle parti dolenti

Abbreviazioni

 


Gaultheria
Rp.: J) Antalgico locale
Aeth. Gaultheriae metilsalicilato
Ol. Oliva aa ad 30
D.S. spalmare sulle parti dolenti più volte al dì.
Cave! non usare per bambini, rischio del Sindr. di Reye.
Cave! intolleranza ai salicilati (Aspirina®)

Abbreviazioni

6.  Appendice

6.1  Immagini


6.2  Impressum

Patologia e terapie MmP Vol.II PT
Autori e relatori:
Peter Forster, medico naturista NVS, docente di "Materia medica Popolare" e terapista di tecniche corporee
Bianca Buser, terapista di tecniche corporee, aromaterapia e fitoterapia applicata.

Testo a cura di:

Consuelo Pini, Benedetta Ceresa, Mario Santoro

Impaginazione e stampa:

Laser, Fondazione Diamante, Lugano

Versione web:

Illustrazioni, collegamenti e cura di Daniela Rüegg

Cc by P. Forster & B. Buser nc-!5-it
1a edizione 1996 2a edizione 2000 3a edizione 2010

6.3  Commenti

alla pagina PT / 2.3 Malattie delle articolazioni: ev. cliccare sul titolo per stilare dei commenti.

clic→ Medicina popolare Domini di MedPop
© Cc by P. Forster & B. Buser nc-3.0-it
Ultima modifica: October 31, 2010, at 10:17 AM
Edit - History - Print - Recent Changes - Search
Page last modified on October 31, 2010, at 10:17 AM