Recent Changes - Search:

Pagine di servizio

Gruppi

Pagine in allestimento

Strumenti

Domini correlati

PmWiki

pmwiki.org

edit SideBar

: Igiene

Appunti CSA 2006: Terapisti complementari Igiene

.php .html .pdf img GoDr CSA Igiene Infeziologia

Autrice: Nathalie Steib


Igiene personale medioevale

a cura di B. Buser; P. Forster; D. Rüegg

1.  Introduzione

Estratti da it.Wikipedia

L'igiene (dal greco γιεινός "sano, salutare, curativo"; citato nell'invocazione del giuramento di Ippocrate) è il ramo della medicina che tratta le interazioni tra l'ambiente e la salute umana. Elabora criteri, esigenze e misure riguardanti lo stato ambientale e il comportamento:

  • smaltimento dei rifiuti,
  • attività di costruzione di abitati e di strade asfaltate,
  • valori limite per l'inquinamento atmosferico e acustico,
  • allevamento di bestiame e tenuta di animali domestici (zoonosi),
  • produzione, elaborazione e commercio di alimentari,
  • norme di lavoro, individuale e collettivo.
    • Scopi: prevenzione primaria onde evitare e combattere malattie e promozione del benessere e dell'efficienza umana.

 
Misure igieniche
Negli stati moderni, le misure igieniche che aumentarono notevolmente la durata media della vita umana furono l'organizzazione e la legiferazione su:

  • rifornimento di acqua potabile,
  • canalizzazione,
  • polizia mortuaria
  • ecc.

Temi

  1. Concetti di igiene e salute
  2. Igiene in ambito medico
  3. Igiene negli ambienti di lavoro
  4. Igiene nell'ambiente
  5. Igiene negli alimenti

Lavarsi le mani, una forma di igiene, è il metodo
più efficace per evitare la diffusione delle malattie.

Igiene in ambito medico
Riguardo all'ambito lavorativo medico, dopo i tempi di Semmelweis, l'igiene consiste nella difesa da possibili germi patogeni, attuabile con misure di disinfezione, sterilizzazione e smaltimento di rifiuti speciali per evitare infezioni. L'igiene clinica è prevalentemente orientata verso la difesa dai germi patogeni riscontrabili negli ospedali. I relativi batteri sono spesso stirpi resistenti a quasi tutti gli antibiotici. Questo a causa del loro continuo uso negli ospedali e dell'abuso che ne fa la popolazione. A tal riguardo alcune ricerche hanno evidenziato come il corretto cambio d'aria garantisca una migliore igiene.
Certi autori includono nelle misure igieniche anche le vaccinazioni. L'esempio più noto ed efficace è tuttora costituito dalle vaccinazioni, grazie alle quali si prevengono quotidianamente molte gravi malattie infettive. È grazie alla vaccinazione se nel 1980 il vaiolo è stato eradicato (eliminato da tutti i Paesi del mondo) e siamo ormai prossimi alla eradicazione della poliomielite. Sono due fra i maggiori successi della medicina di tutti i tempi. La vaccinazione più frequente è contro il tetano, come prevenzione e in seguito a ferite accidentali.
L'epidemiologia studia la distribuzione delle malattie nelle popolazioni, i fattori di rischio e i fattori protettivi per la salute. La prevenzione tipica dell'igiene è soprattutto quella primaria, che agisce evitando o rimuovendo i fattori di rischio delle varie malattie.
Zoonosi sono infezioni trasmesse direttamente o indirettamente da animale a uomo, infezioni che colpiscono frequentemente quest'ultimo. I veterinari si prodigano per mantenere sani gli animali anche per evitare infezioni alla popolazione.
it.Wikipedia

2.  Definizioni

it.Wikipedia: Igiene Wikimedia Commons: Category: Hygiene Science photo library: Hygiene
Lucidi MmP 3.1: Igiene nell'ambito di lavoro Dispensa MN 3.1: Igiene nell'ambito lavorativo

Definizioni d'igiene (estratti da vocabolari)


Carl Larson Summer: Morning 1908
Piccolo palazzi:
parte della medicina che insegna i mezzi opportuni per prevenire le malattie.
Larousse:
insieme di regole e pratiche relativa alla conservazione della salute. Igiene mentale: insieme di misure che prevengono l'apparizione di disturbi mentali.
Gonnelle:
Scienza medica che studia le misure destinate a migliorare lo stato di salute e il comfort degli individui o a preservarli dai fattori di aggressione (medicina preventiva)
Devoto-Oli:
Ramo della medicina che si occupa dello studio e dell'insegnamento delle misure individuali e collettive atte a salvaguardare la salute il mantenimento della salute. Complesso di norme igieniche atte a salvaguardare la salute con particolare riferimento alla pulizia personale e dell'ambiente.
Buchardet:
Scienza che ha per scopo il mantenimento e il perfezionamento della salute dell'uomo.
Nomenclatura, sinonimi e analogie:
Igiene come profilassi, precauzione, disinfezione

Branche dell'igiene
L'igiene dunque si riferisce all'uomo e al suo ambiente in cui vive e si può suddividere in

  • Igiene individuale o personale (del corpo, abiti etc.)
  • Igiene mentale
  • Igiene ambientale: L'igiene ambientale comprende anche la tutela dell'ambiente, la prevenzione degli incidenti (esempio dei terremoti, nucleari etc.), la sicurezza sul posto di lavoro, la sicurezza stradale e nella vita di ogni giorno. La divulgazione delle conoscienze di pronto soccorso, in caso d'incidenti. La sensibilizzazione dell'opinione pubblica sulle misure di prevenzione (vaccinazioni, AIDS, etc.)
  • Igiene ospedaliera : Comprende tutte le misure necessarie per garantire protezione al malato e all'ambiente che lo circonda dalla diffusione di infezioni all'interno degli ospedali dovute ai microrganismi patogeni.

3.  Cenni storici

Bisogna risalire agli antichi romani per trovare nella storia antica delle descrizioni e azioni di pratiche igieniche: costruzioni di acquedotti, bonifiche di paludi, costruzioni di fognature, etc.
La coscienza o mentalità igienica si svilupperà solo nei secoli successivi.
Con l'avvento delle crociate e la scoperta di nuovi continenti si ebbero le grandi epidemie di peste, lebbra e malaria. Esse favorirono l'esportazione e importazione di malattie sconosciute fino ad allora. Sorsero i lazzaretti e i primi ospedali.
Proprio intorno al 1600 , con la lotta contro queste epidemie, iniziarono i primi studi e le prime supposizioni sui fattori responsabili di queste infezioni e si procedette alla distruzione degli oggetti infetti, l'isolamento dei malati e all'incenerimento dei cadaveri.
La seconda metà del 1800 fu ricca di progressi in questo campo specifico. Alcuni personaggi che contribuirono a questo progresso furono:


Ignaz Philipp Semmelweiss
Ignazio Semmelweiss
medico assistente ostetrico (1818-1865) Ungherese.

Intuisce l'importanza del lavaggio e della disinfezione delle mani.
Presso la maternità dell'ospedale di Vienna egli dimostrò che esisteva un rapporto fra la tossicità cadaverica e la febbre puerperale. Infatti vi era una mortalità elevata delle puerpere: i medici e gli studenti in anatomia patologica passavano dai cadaveri alla maternità senza mai lavarsi le mani. Dopo aver instaurato l'obbligatorietà della disinfezione delle mani con cloruro di calcio dopo ogni dissezione cadaverica, risultò una diminuzione della morte delle puerpere.
La sua intuizione non fu però condivisa dagli altri medici e quindi andò incontro ad ostilità e pregiudizi, nonché a persecuzioni che gli causarono depressioni e esaurimento. Purtroppo l'esattezza della sua teoria venne riconosciuta solo 20 anni dopo la sua morte, avvenuta in un manicomio a causa di un'infezione.


Louis Pasteur
Louis Pasteur
chimico e biologo Francese (1822-1895)

Padre della moderna microbiologia, scopre l'origine microbica delle malattie infettive e i metodi di asepsi tramite la " pastorizzazione " (dal suo nome: es. eliminazione di agenti patogeni dal latte riscaldato a 60°-70°C per breve tempo con aumento della conservazione). Contribuisce quindi a liberare dall'incubo delle infezioni la chirurgia. Inoltre riconosce la natura biologica dei processi di fermentazione e compie numerose ricerche sui virus e sui vaccini (es. contro la rabbia).


Joseph Lister
Joseph Lister
chirurgo Inglese (1827-1912)

Scopre l'acido fenico per disinfettare le sale operatorie: inizio dell'asepsi .
Mise in pratica le teorie di Pasteur e pensò di allontanare il pericolo delle infezioni e delle suppurazioni postoperatorie uccidendo i microrganismi patogeni.


fenolo (acido fenico)

Alexander Fleming
Alexander Fleming
batteriologo Inglese (1881-1995)

Scopritore della Penicillina nel 1928 durante degli studi sull'influenza, grazie all'osservazione dell'azione inibente esercitata da una muffa contaminante, Peinicillinum notatum, sulla crescita di alcune colonie batteriche in coltura.
Nel 1945 fu insignito del premio Nobel come riconoscimento per il contributo all'isolamento e all'introduzione nelle terapie della penicillina.
Altre notizie: fu docente all'università di Londra (1928- 1948) e compi varie ricerche nel campo della batteriologia, della chemioerapia e dell'immunità.
Scopri anche il Lisozima che è un antisettico presente nelle lacrime e in altre secrezioni corporee e anche nell'albume e nei tessuti di alcune piante.

La scoperta della penicillina, appare in un primo tempo come una soluzione definitiva contro le infezioni ospedaliere! Ma l'introduzione degli antibiotici ben presto rivela una nuova problematica che è la complicazione dello sviluppo dei ceppi di batteri resistenti agli antibiotici.

Nel 1930 ci sono le prime leggi che rendono obbligatorie le vaccinazioni (TBC, vaiolo).

3.1  OMS Organizzazione mondiale per la salute


OMS / WHO

Il 7 Aprile 1948 viene fondata l'Organizzazione Mondiale della Salute (approvata nel 1946) che conta oggi 192 stati membri. E' un'organizzazione appartenente alle nazioni unite.

Obiettivo:
salute per tutti, portando tutti i popoli ad un livello di salute il più elevato possibile.
Si prefigge una politica sanitaria comune ed agisce come autorità direttrice e coordinatrice dei lavori a carattere internazionale. Strategie comuni e cooperazione tecnica fra gli stati membri.
Nella sua terza assemblea nel 1977, l'OMS ha deliberato che "l'obiettivo sociale primario dei governi dell'OMS avrebbe dovuto essere la conquista da parte di tutti i cittadini del mondo, entro l'anno 2000, di uno stato di salute che avrebbe permesso una vita socialmente ed economicamente produttiva".
Questo obiettivo fino ad oggi non è stato raggiunto, nonostante i progressi tecnologici, la messa a punto di nuovi farmaci e le risorse finanziarie impiegate nel settore sanitario.
Gli stati membri della regione europea, già dal 1980, hanno ratificato la loro prima politica sanitaria comune per mettere in atto una strategia a livello europeo per raggiunger la meta della salute per tutti. Una grande sfida contro le disuguaglianze in campo sanitario che esistono nonostante l'alto livello di sviluppo complessivo della regione EU in campo scientifico, economico e culturale nella maggior parte dei suoi paesi.
Quindi la strategia europea richiede un cambiamento fondamentale nel processo di sviluppo sanitario indicando quattro principali settori nei quali intervenire:

  • modelli di vita e di salute
  • Fattori di rischio per la salute e l'ambiente
  • Riorganizzazione del sistema di assistenza sanitaria
  • Sostegno politico, amministrativo, tecnologico, di ricerca e di mano d'opera.

Per le cure infermieristiche gli obiettivi sono i seguenti:

  • Riduzione delle malattie e dell'invalidità
  • eliminazione di determinate malattie
  • conoscenza e motivazioni per comportamenti sani (modo di vivere e igiene)
  • comportamenti sani.

◦⦆─────⦅◦

3.2  Ruolo dello stato in Svizzera


Legge sanitaria Ticinese

Ogni cantone ha la sua legge sanitaria e ...

Definisce:
regole giuridiche, organizzative e finanziarie per il settore sanitario (ospedali pubblici etc.)

Crea e/o impone:
condizione d'igiene per controllare ed evitare la diffusione delle malattie (Acqua potabile, fognature, rifiuti etc.)
Promuove:
prevenzione delle malattie (vaccini, schermografie, etc.)
Eroga:
prestazioni sanitarie e cure di base a tutta la popolazione (medicina scolastica, servizio dentario, etc.)

Nota: vedere nella legislazione sanitaria Svizzera le parti concernenti l'igiene.

4.  Igiene ospedaliera

Si fonda sul principio che l'organismo del paziente, già indebolito da una malattia o da un intervento chirurgico, non deve essere contagiato da altri microrganismi patogeni poiché la guarigione potrebbe essere ritardata o addirittura compromessa.

Quindi le misure igieniche preventive devono essere applicate quotidianamente con la massima serietà e responsabilità.
Tutto il personale ospedaliero (medici, infermieri, tecnici, personale alberghiero etc.) deve

  • applicare le misure d'igiene, essendo consapevoli che ciò condiziona il successo degli interventi e dei trattamenti in tutti i settori della medicina.
  • agire con la corretta applicazione di semplici regole di comportamento con lo scopo d'impedire l'insorgenza e la diffusione di microbi pericolosi e delle infezioni ospedaliere da paziente a paziente e tra personale e paziente.
  • essere cosciente che l'applicazione delle misure d'igiene danno risultati solo se tutto il personale ospedaliero adotta un comportamento appropriato e con la collaborazione di tutti, pazienti e i visitatori compresi se opportunamente informati.

Sono trattati i seguenti temi:
Precauzioni universali Raccomandazioni pratiche Infezioni ospedaliere

4.1  Precauzioni universali

Sono misure di prevenzione globale per evitare la trasmissione di agenti infettivi microbici in generale e in particolare di virus (p.es. epatite, HIV, etc.) che utilizzano come veicolo contaminate il sangue e i liquidi biologici (urine, feci, liquidi di aspirazione, di punzione, di drenaggio, da sonde, etc.)

Queste precauzioni universali si suddividono i quattro punti principali:

  • Considerare come potenzialmente infettivi il sangue e le secrezioni di ogni paziente
  • Evitare il contatto diretto con il sangue e soprattutto evitare di ferirsi e/o di ferire altri accidentalmente con del materiale sporco di sangue o altro liquido biologico proveniente da pazienti.
  • Vaccinazione contro l'epatite B
  • Lavaggio delle mani prima e dopo il contatto con un paziente (prevenzione d'insieme delle infezione ospedaliere).

◦⦆─────⦅◦

4.2  Raccomandazioni pratiche

  • Portare i guanti se si toccano piaghe e mucose e in tutte quelle situazioni dove si prevede un contatto con il sangue o altri liquidi biologici. Dopo aver tolto i guanti procedere sempre con il lavaggio delle mani.
  • Mettere la mascherina e gli occhiali se si effettuano procedure che possono provocare proiezioni di liquidi biologici (es. endoscopia, interventi chirurgici, ...)
  • Utilizzare un camice di protezione se sono probabili degli spruzzi o altro liquido biologico.
  • Aghi o oggetti taglienti: devono sempre essere riposti in contenitori appositi per essere eliminati e mai essere buttati direttamente nella spazzatura! Gli aghi non devono essere rincappucciati ma buttati via direttamente in questi contenitori rigidi.
  • Vaccinazione contro l'epatite B: a tutte le persone che hanno contatto con il sangue.
  • Lavare e disinfettare le parti venute a contatto col sangue o altri liquidi biologici
  • Disinfezione di tutti gli strumenti e di tutto il materiale multiuso riservato ai pazienti.
  • In caso di ferita con un materiale contaminato da sangue o secrezioni di un paziente (chiunque esso sia) o proiezione di sangue su mucosa o pelle si deve procedere immediatamente al risciacquo e alla disinfezione. Questi incidenti devono essere sistematicamente e immediatamente dichiarati ad un medico che è stato preposto a tale compito o ad un suo sostituto.

◦⦆─────⦅◦

4.3  Infezioni ospedaliere

 Originale it.Wikipedia
 

5.  Procedure igieniche

Sono trattati i seguenti temi:
Igiene delle mani La disinfezione La sterilizzazione

5.1  Igiene delle mani

Lavaggio delle mani per terapisti:
Il nostro mestiere richiede delle misure particolari circa l'igiene, perché trattiamo delle persone eventualmente infette e/o delle difese immunitarie lese. È un obbligo professionale disinfettarsi le mani prima e dopo ogni trattamento. Di seguito un pro memoria.


Disinfettare e lavarsi le mani
  • Disinfettarsi le mani con un prodotto adatto (al solito un miscugli di diversi alcol). Abbastanza liquido; con il dovuto tempo (vedi istruzione del produttore):
    • Le mani
    • Tra le dita
    • Le unghie
    • I pollici
    • I palmi
  • poi: lavarsi le mani con sapone:
    • Le mani
    • Tra le dita
    • Le unghie
    • I pollici
    • I palmi
  • Asciugarsi le mani con carta (monouso) oppure usare il proprio asciugamano.


◦⦆─────⦅◦

5.2  La disinfezione

Cara Nathalie, mi sono permesso di infilare provvisoriamente la relativa voce di Wikipedia. Quando hai la Tua versione, sostituisci semplicemente. 8=)_Peter

 Originale it.Wikipedia
 

◦⦆─────⦅◦

5.3  La sterilizzazione

Cara Nathalie, mi sono permesso di infilare provvisoriamente la relativa voce di Wikipedia. Quando hai la Tua versione, sostituisci semplicemente. 8=)_Peter

 Originale it.Wikipedia
 

6.  Germi

Sono trattati i seguenti temi:
Batteri Virus

6.1  Batteri

Una parte di questa lezione (Igiene) è stato integrato nel seguente testo sulla Batteriologia

◦⦆─────⦅◦

6.2  Virus

 Originale it.Wikipedia
 

7.  Alcune malattie contagiose (non gravi)

Sono trattati i seguenti temi:
Verruche Dermatomicosi Scabbia Zecche Pidocchi

7.1  Verruche

 Originale it.Wikipedia
 

◦⦆─────⦅◦

7.2  Dermatomicosi

Micosi

 Originale it.Wikipedia
 

Piede dell'atleta

 Originale it.Wikipedia
 

◦⦆─────⦅◦

7.3  Scabbia

 Originale it.Wikipedia
 

◦⦆─────⦅◦

7.4  Zecche

 Originale it.Wikipedia
 

◦⦆─────⦅◦

7.5  Pidocchi

 Pediculosi it.Wikipedia
Originale

8.  Allegati

8.1  Impressum

Appunti CSA 2006: Terapisti complementari Igiene

Relatori:

Dott.essa C. Gutti & Dr. A. Bernasconi
credit: C. Gutti & A. Bernasconi

Testo a cura di:

P. Forster medico naturista

Autrice (da propri appunti):

Nathalie Steib

Versione web:

a cura di B. Buser; P. Forster;
Daniela Rüegg

Cc by P. Forster & D. Rüegg 3.0-it
1a edizione 2006 2a edizione 2016

◦⦆─────⦅◦

8.2  Bibliografia

Barbuti Salvatore: Igiene e medicina preventiva; Monduzzi 2004
Comodo Nicola; Maciocco Gavino: Igiene e sanità pubblica; Carocci 2002
Di Orio Ferdinando: Igiene: Epidemiologia e statistica medica; Masson 1998

Anni Orazio: Igiene ed educazione sanitaria; Hoepli 1993
Marinetti Giuseppe, Marinetti Paolo: Manuale di igiene scolastica ed educazione sanitaria; Liguori 1983

◦⦆─────⦅◦

8.3  Pagine correlate, Sitografia

Google
sul Web in Enciclopedia

◦⦆─────⦅◦

8.4  Commenti, links

alla pagina Infeziologia | : Igiene. Non dovesse apparire la casella per il commento: cliccare sul titolo.

Commento 
Autore 
Enter code 690




 

clic→ Medicina popolare Formazione di terapisti complementari CSA: appunti

Licenza Creative Commons

P. Forster & D. Rüegg
Ultima modifica: June 11, 2016, at 07:36 PM
Edit - History - Print - Recent Changes - Search
Page last modified on June 11, 2016, at 07:36 PM