Recent Changes - Search:

Pagine di servizio

Gruppi

Pagine in allestimento

Strumenti

Domini correlati

PmWiki

pmwiki.org

edit SideBar

5) Dermatologia ➁

Pagine nel gruppo GalenicaApprendistato:

Ricettari MedPop Fitorimedi links

HOME Versioni: .php .html .pdf Categoria: Erboristeria Galenica Fitoterapia Derma

Pagine nel gruppo Galenica domestica (cliccare)

Questa pagina si trova qui solo temporaneamente: contiene le parti aggiunte al primo incontro 5) Dermatologia ed è pensato per chi ha già stampato il testo del primo incontro e non intende stampare tutto di nuovo.

Fa parte dell'incontro 2 anche il testo Oli & Grassi in galenica. Chi non lo possiede ancora lo può stampare separatamente . Bianca

Autrice: Bianca Buser

Cura, illustrazioni, collegamenti:
Daniela Rüegg

1.  Galenica dermica

1.1  Preparazione di Emulsioni

1.2  Preparazione di Unguenti

1.3  ➁Applicazione contro le verruche

Celidonia

Chelidonium majus (Papaveracee)

Chelidonium majus it.Wikipedia Verruche Fitoterapia dermica MmP


Chelidonium majus

Uso interno
La pianta presenta una certa tossicità e, in passato, era utilizzata come coleretico e antispastico delle vie biliari, oggi quasi abbandonata per assenza di dati circa la sicurezza nell'impiego, mancano inoltre adeguati studi clinici.

Controindicazioni
  • Epatopatie
  • Ipersensibilità accertata verso uno o più componenti
Interazioni
con sedativi del Sistema Nervoso Centrale

Uso esterno
Per applicazione esterne il lattice giallo ocra che fuoriesce dagli steli viene applicato con successo sulle verruche.

Curiosità
La radice del nome, Chelidòn, in greco significa rondine. Il periodo vegetativo della pianta coincide con l'arrivo delle rondini: le deriva, pare da questi ritmi il nome, anche se un antico testo riporta la credenza popolare che la Celidonia venga usata dalle rondini per aprire gli dei loro piccolo ancora ciechi, lasciando cadere su di essi una goccia del suo lattiche (Voi non fatelo!).

2.  ➁Preparazione di rimedi oleosi

Quando serve un preparato concentrato e non "diluito" da sostanze acquose, al posto di unguenti si preparano dei rimedi oleosi. La preparazione è semplice come quella delle tinture, ma gli ingredienti sono costosi e le date di scadenza sono brevi.

2.1  ➁Olio di iperico (Erba di S. Giovanni)

Oleum Hypericum perforatum
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera: Olio di iperico

L'olio con una colorazione rossastra che si ottiene con l'infuso di iperico è dotato di eccezionali proprietà curative. E' consigliabile produrlo da soli, se possibile, utilizzando sia i fiori che le foglioline. In un olio di buona qualità dovrebbero esservi almeno 300 gr. di sommità fiorite e di foglioline in mezzo litro di un olio vegetale, ma un olio così concentrato non si trova facilmente in commercio.

➁Macerato oleoso di iperico

Questo estratto oleoso è ottenuto dalla macerazione delle sommità fiorite e foglioline di iperico in olio di semi di girasole o un altro buon olio vegetale.
Durante il periodo di estrazione le sostanze funzionali liposolubili dell'iperico passano in soluzione nell'olio di girasole o un altro olio vegetale.

➁Procedura e strumenti

  • riempire un contenitore di vetro a chiusura ermetica con i fiori e le foglioline di iperico sminuzzati fino a ca. un terzo;
  • coprire i fiori e le foglioline con un olio neutrale (girasole, mandorla, semi d'uva, sesamo, ecc.) fino sotto al bordo della chiusura;
  • esporre il contenitore al sole (solo per i fiori di iperico) durante l'estate da 30 fino a 40 giorni;
  • filtrare e conservare in flaconi o bottiglie di vetro scuro.

➁Conservazione

L'olio di iperico macerato nell'olio di girasole mantiene le sue proprietà per ca. un anno.

➁Proprietà curative

Da secoli l'iperico viene usato per curare:

  • post-trattamento di ferite;
  • ustioni di primo grado;
  • punture e morsi d'insetto;
  • ulcere della pelle;
  • dolori di vario genere (dolori muscolari, alla schiena, compresa la sciatica, nevralgie)
  • come aggiunto alle creme per le mani secche e le screpolature

Infatti, alcuni testi medievali raccontano che i crociati portavano l'olio di iperico sempre con sé e lo applicavano sulle ferite riportate in battaglia.

➁Effetti collaterali

E' possibile una fotosensibilizzazione, soprattutto in persone di carnagione chiara.

Per uso curativo si possono aggiungere gli oli essenziali, se lo desiderate, più adatti in quantità minime, tra l'1% e il 2% del totale. Si può anche mescolare al 50% con olio di jojoba o il 20% germe di grano che contribuiscono ad allungare il periodo di conservazione.

2.2  Preparazione olio anticallo (duroni)

Olio anticallo


Callo
Rp.: Anticallo (duroni)
Aeth. Benzoa 5 inibitore proliferazione cellule
Aeth. Lavanda 1 rigenerativo
Ol. Frumento 25 rigenerativo, antiossidante
Ol. Calendula ad 50 dermacalmante
D.S. Spalmare 1...2 volte al dì poche gocce sui duroni finché spariscono.

Abbreviazioni


Commento 
Autore 
Enter code 694

FogliettiFooter
clic →Domini di MedPop clic →Redazione di MedPop
Edit - History - Print - Recent Changes - Search
Page last modified on July 22, 2009, at 01:09 PM