Recent Changes - Search:

Pagine di servizio

Gruppi

Pagine in allestimento

Strumenti

Domini correlati

PmWiki

pmwiki.org

edit SideBar

Classificazione di sostanze stupefacenti

← .pdf 720px A4 →

Puntano qui | Autore: Peter | Categoria: Stupefacente | Cannabis | Galenica |


© Cc by Autore nc-2.5-it
Peter Forster

L'abuso di droghe è da sempre un problema sanitario, psichico e sociale. La politica tenta di tenerlo sotto controllo - con misure tra proibizionismo e liberalizzazione - maggiormente con scarsi risultti.

1.  Problematica di risposte politiche


Danni di droghe abusate

Le trappole politiche / sociali per delle misure razionali in merito sono anzitutto:

  • la percezione di sostanza come droga: l'ecstasy viene percepito come droga mentre l'alcol o le benzodiazepine, che creano largamente più danni in caso di abuso, nelle nostre regioni non sono percepiti come droga. La classificazione legislativa si adatta a questa distorsione percettiva e non classifica l'alcol come stupefacente, la ecstasy invece (come eroina o cocaina) in classe A) e le benzodiazepine in classe C) come gli anabolici steroidei.
  • Una sostanza in sè non è stupefacente, può diventarlo tramite l'abuso che se ne fa, usando dosaggi smisurati per scopi di svago, che creano intossicazioni e/o assuefazione (tramite piacere ed euforia).
  • Non è chiarito bene e pubblicamente, dove si trovano le "frontiere" tra uso (essenziale, terapeutico, di svago) e abuso (intossicazione, assuefazione). Per l'alcol si trova intorno ai 0.7 grammi per giorno e kg di peso corporeo (corrspondente a ca. mezzo litro di vino per una persona esile), per il tabacco tra tre e cinque sigarette al giorno, per la tintura di oppio normata ca. 50 gocce al giorno, che non creano ancora intossicazione o assuefazione alla lunga. Per altre sostanze si sa poco o niente sulle soglie dell'assuefazione.
  • La coscienza pubblica sul dosaggio di sostanze come essenziali, preventivi, terapeutici, di svago o abusivamene è confuso: Pare che la vecchia conoscenza sia andata persa, che:
    • Tutte le sostanze sono veleni e nessuna è innocua: la mancanza d'effetti tossici dipende sempre dalla dose. Paracelsus, 1493-1541.
L'alcol è preventivo (malattie cardiovascolari) e terapeutico (demenza) in dosi di un centilitro (un bicchiere di vino), da svago fino a 0.7 grammi per giorno e kg di peso corporeo e abusivo al di sopra. A ca. 500 grammi diventa letale.



2.  Approcci scientifici

Per il primo punto, Nutt e collaboratori hanno promosso un'ottimo studio: Development of a rational scale to assess the harm of drugs of potential misuse (Lancet 2007/369/p.1047-53) → Sviluppo di una scala razionale per classificare i danni di droghe con un potenziale di abuso.

Classificazione di sostanze con potenziale abusivo

Classifica
legislativa UK
Misuse of drugs act
Possibile
classifica
"scientifica"
Sostanza con
potenziale abusivo
A) A) Eroina (diamorfina cruda)
A) A) Cocaina / Crack
B) A) Barbiturati (Veronal®, Pentothal®)
A) A) Metadone (di svago)
_) B) Alcol (Etanolo)
_) B) Ketamine
C) B) Benzodiazepine (Valium®, Librium®)
B) B) Anfetamine
_) B) Tabacco
C) B) Buprenorfina (Temgesic®, Subutex®)
C) C) Cannabis
_) C) Solventi
A) C) 4-MTA Metilthioanfetamina
A) C) LSD acido lisergico
B) C) Metilfenidati MPH (Ritalin®)
C) C) Steroidi anabolici
C) C) GHB Acido idrossi butirico
A) C) MDMA Ecstasy
_) C) Alkylnitriti (Poppers)
_) C) Khat

Hanno analizzato venti sostanze note per il loro notevole potenziale di abuso e distinguono in danni abusivi:

  • fisici (lesioni di organi, alterazioni fisiologiche)
  • potenziale di dipendenza / assuefazione (piacere immediato, "flush", euforia prolungata)
  • sociali (famiglia, lavoro, costi sociali e sanitari)

2.1  Misure da intraprendere

La scala ottenuta così secondo la valutazione di esperti in materia fa notare che tra la classificazione del legislatore e una proposta classificazione scientifica ci sono notevoli differenze:

Socialmente è importante di categorizzare le sostanze con un rilevante potenziale abusivo per mettere delle priorià:

  • politiche,
  • di educazione e
  • di supporto sociale.

Tocca la legiferazione politica di:

  • stabilire le regole per l'uso terapeutico, di svago e l'abuso e
  • delimitare (ed ev. sanzionare) razionalmente l'uso, il possesso e il commercio con sostanze di questa categoria.



3.  Sostanze psicoattive abituali


Sostanze psicoattive abituali

Tante sostanze a consumo abituale hanno degli effetti psicotropi, senza essere solo per questa proprietà classificati come droga, medicamento, rimedio, farmaco o stupefacente. In parte la classifica dipende:

  • in quale dosaggio crea intossicazione con effetti strutturali e funzionali sull'organismo
  • in quale quantità assoluta diventa assuefacente
  • quali sono le conseguenze esistenziali e sociali di un eventuale abuso
  • e per finire ma non come ultimo: di preferenze e divieti culturali, religiosi e ideologiche.

Il grafico tenta di visualizzare alcuni effetti "psichici" di sostanze di abituale consumo.


4.  Allegati

4.1  Commenti

alla pagina Galenica / Classificazione di sostanze stupefacenti

Peter04 October 2007, 21:54

Test

Commento 
Autore 
Enter code 868

FogliettiFooter
clic →Domini di MedPop clic →Redazione di MedPop
Edit - History - Print - Recent Changes - Search
Page last modified on November 18, 2007, at 08:46 AM