Recent Changes - Search:

Pagine di servizio

Gruppi

Pagine in allestimento

Strumenti

Domini correlati

PmWiki

pmwiki.org

edit SideBar

FTP /

1.3) Organi e tessuti

Categoria: Anatomia | Fisiologia | Tessuti | Organi |

Organi

Istologia it.Wikipedia | Organi e tessuti CSA | Organi di senso CSA |


Organi interni umani

Gli organi sono delle unità strutturali con una determinata funzione, come p. es.:

  • arteria: tubo che conduce il sangue proveniente dal cuore con una struttura di muscolatura liscia per variarne il diamentro;
  • vena: tubo che conduce il sangue di ritorno al cuore con delle valvole a rimbalzo;
  • cuore: muscolo cavo con valvole a rimbalzo con la funzione di duplice pompa per il sangue;
  • fegato: reattore biochimico per la trasformazione di zuccheri, grassi e aminoacidi e altre sostanze metaboliche;
  • intestino tenue: reattore biochimico tubolare per il trasporto e la trasformazione di alimenti in sostanze assorbibili dall'organismo;
  • muscolo scheletrico: aggregato di movimentazione che tramite la contrazione e la distensione muove un osso in relazione ad un altro intorno alla sua articolazione;
  • cervello: aggregato di cellule nervose e relative strutture all'interno delle ossa craniali che raccoglie ed elabora dei segnali nervosi (provenienti da sensori) per stimolare in modo sensato, coordinato e sintonizzato degli attivatori muscolari e ghiandolari;
  • pelo: aggregato di una cellula pilifera, il pelo, un muscolo liscio per radrizzarlo e una ghiandola sudorifera e/o sebacea
  • e così via

Gli organi sono trattati in anatomia e fisiologia specifica. Supera l'intenzione di questo testo l'entrare in dettaglio.

Tessuti

Tessuti MmP | Tessuti CSA |


Tipi di tessuti

I tessuti sono aggregati di cellule con simili fuzioni come p.es.:

  • tessuto muscolare: aggregato di cellule muscolari che formano un muscolo;
  • tessuto nervoso: aggregato di cellule che formano un nervo;
  • tessuto epiteliale: strato di cellule strettamente legate che formano una membrana;
  • tessuto connettivo lasso: struttura ininterrotta di rete tridimensionale di fibre più o meno elastiche e di sostanze chiamata "matrice basale" che connette organi e compartimenti tra loro e permette lo scambio di sostanze tra le cellule e i vasi del sistema di distribuzione e di raccolta. Nel medesimo tempo è anche un substrato del sistema immunitario;
  • ...

Al concetto costruttivo e funzionale dei tessuti in tutto il corpo segue un "piano unificato" anche se molto variato nella formazione specifica:

  • una rete tridimensionale ininterrotta di "tessuto connettivo lasso" connette ancora pi๠o meno elasticamente i singoli organi strutturali (fegato, cuore, ossa …) tra di loro;
  • forma l'infrastruttura per i sistemi di distribuzione (vasali circolatori e linfatici), di gestione (nervosi e ormonali) e immunitari (cellule mediate e altri);
  • organizza e smista a livello biochimico e biofisico i flussi materiali, energetici e informatici tra le cellule degli organi strutturali (parenchimatiche) e le funzioni distributive, gestionali e immunitarie.

L'attento studio di questo "concetto generale" sembra impegnativo ma è molto efficace in quanto spiega moltissime caratteristiche anatomiche e metaboliche particolareggiate.



Funzionamento di tessuti


1.  Tessuti strutturali (connettivi)

Tessuto connettivo it.Wikipedia | Ung. consolidae Galenica |


Tipi di tessuti connettivi

I tessuti connettivi sono composti da cellule sparse qua e là in una struttura di fibre, di cristalli, di sostanze dense amorfe e di liquidi. Questa
struttura "circostante" alle cellule connettive è prodotta e modificata dalle cellule stesse (eccezion fatta per il sangue e la linfa).


Tessuti connettivi densi

Tessuti connettivi lassi

I tessuti connettivi lasso, adiposo, reticolare e denso si raggruppano anche sotto ilnome di"fibrosi".

Di seguito sono trattati i seguenti temi:

  • Tessuti fibrosi.
  • Tessuti di sostegno: cartilaginosi, ossei.

1.1  Tessuti fibrosi

Collagene it. Wikipedia |

I tessuti fibrosi contengono:

  • sostanza basale (interstiziale) e
  • fibre di diverso tipo:
  • collagene,
  • reticolari,
  • elastiche, in composizioni molto variabili secondo il compito del relativo tessuto specializzato.

Tessuti fibrosi lassi e adiposi


Tessuto connettivo propriamente detto

Il tessuto connettivo (fibroso) lasso serve come struttura per la:

  • conduzione di vasi sanguigni e linfatici;
  • conduzione di nervi motori e sensitivi;
  • ambiente per le cellule immunitarie vaganti;
  • substrato di trasferimento del materiale tra le cellule e i vasi.



Microscopia di tessuti connettivi lassi

Il tessuto connettivo (fibroso) adiposo è una specie di tessuto connettivo lasso con l'intrusione di molte cellule lipidiche (grasso). Le sue funzioni sono in particolare:

  • isolazione termica come nel tessuto sottocutaneo;
  • ammortizzatore meccanico come nelle strutture dei palmi dei piedi e delle mani;
  • isolatore elettrico e filtro chimico verso altri tessuti come per il sistema nervoso;
  • magazzino energetico come nelle mammelle, e nel tessuto sottocutaneo delle cosce, della nuca, e del tessuto addominale (pancia).

Lo schizzo fa vedere la struttura di un qualche decimo di millimetro di tessuto connettivo lasso, sebbene non indichi i capillari linfatici.

Tessuti fibrosi reticolari

Fibrosi it.Wikipedia | Tessuti MmP |

Il tessuto connettivo (fibroso) reticolare è una struttura di "filtro" per rallentare il trasporto e il movimento di grandi molecole e microorganismi come nel midollo osseo e nella milza.

Tessuti fibrosi densi


Legamenti della caviglia (Gray)

Il tessuto connettivo (fibroso) denso è poco elastico e serve per:

  • trasmettere il movimento e la forza dei tessuti muscolari alle ossa (tendini, aponeurosi,
  • delimitare movimenti ossei oltre al previsto (legamenti);
  • "bendaggio" dei tendini vicino alle articolazioni (retinacoli, fasce).


1.2  Tessuti cartilaginosi

Tessuto cartilagineo it.Wikipedia | Articolazioni MmP Dispensa AF 2.8 |


Cartilagine

I tessuti cartilaginosi servono a scopi diversi:

  • strato liscio ed elastico di scorrimento nelle articolazioni;
  • strato elastico nelle giunture;
  • ammortizzatori meccanici nei dischi intervertebrali;
  • materiale di compensazione geometrica nei menischi.

Il tessuto cartilagineo è formato da condrociti che costruiscono prima una struttura fibrosa e poi riempiono gli spazi con un materiale proteinico-glicidico-acquoso amorfo.
Il grafico mostra la struttura fibrosa e cellulare/materiale di riempimento di una copertura articolare.

1.3  Tessuti ossei

Tessuto osseo it.Wikipedia | Osteoporosi MmP Tutoria /


Osso

I tessuti ossei sono delle strutture solide di diversissima forma in continua ricostruzione. Sono costruiti con cellule osteoblasti che fabbricano continuamente in un primo tempo delle strutture fibrose che in un secondo tempo "mineralizzano" e riempiono con cristalli prevalentemente di calcio, fosforo e un po'di magnesio.
Altre cellule ossee, gli osteoclasti,in altri posti decompongono continuamente questa struttura per soddisfare il fabbisogno della muscolatura e dei nervi (e altri tessuti) in calcio, fosforo, magnesio e altri ingredienti.
Le cellule osteociti"immurate"(nelle relative lacune con delle gallerie di comunicazione con i nervi e i vasi tra di loro), mantengono il metabolismo interno della struttura.
Spazi intermediari estesi vengono riempiti dal tessuto lipidico (midollo) con delle fibre reticolari filtranti e delle cellule ematopoietiche che, tramite la divisione, creano una continua proliferazione di cellule staminali sanguigne in parte immunitarie.

1.4  Tessuti liquidi


Sangue

Linfa

Si dimentica spesso che anche il sangue e la linfa sono "tessuti" strutturali.

2.  Tessuti funzionali (parenchimali)

Vengono detti tessuti parenchimali quegli aggregati di cellule con specifiche funzioni di:

  • scambio/impedimento/trasformazione di sostanze (epiteliali),
  • movimenti (muscolari),
  • trasmissioni informatiche (nervosi).

Si parla spesso di tessuti parenchimali anche quando si tratta di tessuti di organi specifici anche se in realtà essi vengono composti da tessuto parenchimale e connettivale lasso, reticolare e adiposo come p.es. parenchimale di fegato, milza, rene …

Di seguito vengono trattati i temi:

2.1  Tessuti epiteliali

Tessuto epiteliale it.Wikipedia | Tessuti e malattie tessutali Indice MmP | Tessuti CSA|


Polarità delle cellule epiteliali

I tessuti epiteliali si distinguono in membranosi (murali) e ghiandolari. La loro funzione consiste soprattutto nello scambio/impedimento/trasformazione di sostanze(epiteliali) rispettivamente nella sintesi ed esportazione di sostanze (ghiandolari).

Per uno schizzo di diversi tessuti epiteliali (vedi anche 6.3.1 Cellule epiteliali).

Tessuti epiteliali membranosi (murali)

Tessuto epiteliale it.Wikipedia | Tessuti e malattie tessutali Indice MmP | Tessuti CSA|


Epitelio squamoso (piatto)

Epitelio cubico e di transizione

Epiteli colonnari


Il tessuto epiteliale membranoso si trova soprattutto nella mucosa dei tratti gastrointestinali, respiratori e urinari, in particolare con la funzione di scambio delle sostanze in modo altamente selettivo in una o in ambedue le direzioni. Normalmente nel tessuto membranoso sono inserite delle cellule ghiandolari che secernono muco, siero e altre sostanze (p.es. saliva enzimatica) verso l'esterno.
Il tessuto membranoso di solito è costituito di uno o pochi strati di cellule, perchè per un efficace apporto e asporto del materiale tramite il tessuto connettivo lasso deve rimanere garantito l'approvvigionamento sanguigno,linfatico e nervoso.

Tessuti epiteliali ghiandolari

Tessuto ghiandolare it.Wikipedia | Tessuti e malattie tessutali Indice MmP | Tessuti CSA|


Epiteli ghiandolari mucosi e misti

Ghiandole esocrine


Il tessuto epiteliale ghiandolare si trova prevalentemente in quegli organi specializzati per la sintesi e la trasformazione di sostanze come il pancreas (produzione di succhi intestinali e di ormoni metabolici) e il fegato (trasformazione di glucosio, lipidi e aminoacidi).
Il tessuto ghiandolare è di solito disposto in una matrice di connettivo lasso altamente strutturato per garantire un efficace afflusso e deflusso di materiale.

Tessuti epiteliali sensoriali

Tessuto epiteliale it.Wikipedia | Tessuti e malattie tessutali Indice MmP | Tessuti CSA|


Epitelio olfattivo

(degli organi di senso)

Si tratta di un epitelio estremamente specializzato nella ricezione di certi stimoli e nella loro trasformazione in stimoli nervosi. P. es. la retina nell'occhio, l'epitelio olfattivo nel naso.

2.2  Tessuti muscolari

Tessuto muscolare it. Wikipedia|Tessuti e malattie tessutali Indice MmP | Tessuti CSA|


Tessuto muscolare

I tessuti muscolari sono costituiti da:

  • Cellule muscolari filiformi che permettono la contrazione e la distensione, creando così dei movimenti.
  • Tessuto connettivo lasso come infrastruttura per la:
  • conduzione di vasi sanguigni e linfatici;
  • conduzione di nervi motori e sensitivi;
  • connessione meccanica di cellule muscolari;
  • ambiente per le cellule immunitarie vaganti;
  • substrato di trasferimento materiale tra cellule muscolari, vasi e nervi.


Tessuti di muscolatura liscia

Muscolo it.Wikipedia | Tessuti e malattie tessutali Indice MmP | Tessuti CSA |


La muscolatura liscia in estremis è costitutita da una singola cellula muscolare (p.es. miocellule dei peli per raddrizzarli, pelle d'oca). È impiegata però soprattutto negli adattamenti vasali e nei movimenti intestinali.

Il meccanismo di contrazione è costituito da miofibrille intramuscolari che si contraggono o rilasciano secondo un determinato stimolo, spesso causato da sostanze ormonali o ormonosimili. I complessi di muscoli lisci sono dei tessuti di cellule legati tra loro in una struttura tale che la contemporanea contrazione di un'area di cellule muscolari provoca una tensione o un movimento di tutto il tessuto in una determinata direzione.

Lo schizzo mostra schematicamente il funzionamento dei tessuti muscolari lisci come sono p.es. frequenti nelle pareti vasali e in quelle intestinali.

Le pareti dei vasi del sistema cardiovascolare dispongono di strati di cellule muscolari che contraendosi diminuiscono il diametro del vaso per regolare il flusso ematico secondo la necessità degli organi seguenti.
Le pareti degli organi tubiformi dell'apparato digestivo dispongono di strati muscolari radiali, trasversali e longitudinali che in un gioco coordinato permettono dei complessi movimenti diametrali di costrizione e longitudinali di costrizione e allungamento allo scopo di trasportare e mescolare il bolo alimentare.

Tessuti di muscolatura striata

Tessuto muscolare it.Wikipedia | Tessuti e malattie tessutali Indice MmP | Tessuti CSA |


La muscolatura striata si trova nei muscoli scheletrici (movimentali). Si tratta di cellule filiformi altamente specializzate, raggruppate in fasce e inserite nel connettivo lasso che permette ai vasi sanguigni e linfatici e ai nervi di raggiungere in diversi punti ciascuna delle cellule muscolari.

Ai terminali della fascia muscolare,il connettivo lasso si congiunge diventando denso e si allaccia come tendine o aponeurosi all'osso.

Il meccanismo delle miocellule striate è basato su di una struttura di fibrille (strutture di molecole proteiche) disposte telescopicamente. A uno stimolo nervoso e in presenza di un sufficiente numero di "accumulatori ATP" queste miofibrille scorrono tra di loro, contraendo e raccorciando la cellule. Gli impulsi, arrivando in modo coordinato a diverse cellule le contraggonoin modo coordinato e sincronizzato causando così il movimento muscolare.

Questa muscolatura si chiama "striata", perchè sotto il microscopio si vedono bene gli allacciamenti e le intersezioni delle miofibrille tra loro come "strisce scure".

Tessuto di muscolatura cardiaca

Miocardio it.Wikipedia | Tessuti e malattie tessutali Indice MmP | Tessuti CSA |

La muscolatura cardiaca è un misto di miocellule lisce e striate, connesse tra di loro in modo che la contrazione sincronizzata riduca ordinatamente il volume. La stabilità dinamica della costruzione è data da uno "scheletro" di tessuto connettivo denso.

2.3  Tessuti nervosi

Tessuto nervoso it.Wikipedia | Tessuti e malattie tessutali Indice MmP | Tessuti CSA |


I tessuti nervosi sono strutture composte da:

  • neuroni (cellule filiformi nervose);
  • cellule mieliniche di isolazione elettrica e di barriera chimica di neuroni verso il tessuto connettivo lasso;
  • tessuto connettivo lasso come infrastruttura per la:
  • conduzione di vasi sanguigni e linfatici,
  • conduzione di altri nervi adiacenti motori e sensitivi,
  • connessione meccanica di neuroni paralleli ai nervi (cavi di neuroni),
  • ambiente per le cellule immunitarie vaganti,
  • substrato di trasferimento materiale tra le cellule nervose e i vasi.

Architettonicamente i nervi (cavi di neuroni) sono organizzati come i tessuti muscolari
con al posto delle cellule muscolari delle cellule nervose (neuroni).


Tessuto neurale


I tessuti nervosi sono:

  • I nervi stessi (cavi per la trasmissione di segnali) con all'inizio un integratore di informazioni e alla fine dei distributori di informazione.
  • I gangli come centrali d'integrazione locali.
  • I plessi come siti di distribuzione topografici-funzionali.
  • Il midollo spinale con la funzione di nesso tra periferia e centrale cerebrale attraverso nervi, gangli e plessi.
  • Il cervello come integratore, coordinatore e collocatore.

Alla periferia i bottoni sinaptici (efferenti, attivatori) sulle cellule muscolarie ghiandolari, nel tessuto connettivo ed epiteliale dei terminali liberi nervosi e negli organi dei sensi i terminali specifici (afferenti, sensoriali) raggiungono l'ultimo angolo dell'organismo (un po'come i capillari sanguigni e linfatici). Nel sistema nervoso centrale (integrazione ed elaborazione di segnali) c'è un inimmaginabile concatenamento di bottoni sinaptici e dendriti di cellule nervose come mostra l'immagine seguente.

3.  Commenti

alla pagina FTP / 1.3) Organi e tessuti: cliccare sul titolo
Commenti redazionali e keywords / description possono essere infilati qui (richiede Password → <Edit Section>)

3.1  Da commentbox

Qui vengono introdotti i commenti scritti nella Commentbox ed ev. altri da altre fonti

daniela 15 February 2008, 08:51

Corretto

Ti ringrazio di cuore per il lavoro di ristrutturazione, collegamento e illustrativo. 8>)_Peter


4.  Allegati

4.1  Pagine correlate

Pagine nel gruppo Anatomia & Fisiologia umana FTP 1:

Pagine nel gruppo Galenica FTP 4:


4.2  Motori di ricerca


4.3  Commentbox

alla pagina FTP / 1.3) Organi e tessuti

Commento 
Autore 
Enter code 683

4.4  Domini di MedPop

(:includeurl border=0 height=100 http://www.pforster.ch/%20CSS/FootLink.html:)

Edit - History - Print - Recent Changes - Search
Page last modified on February 24, 2008, at 07:19 PM