Recent Changes - Search:

Pagine di servizio

Gruppi

Pagine in allestimento

Strumenti

Domini correlati

PmWiki

pmwiki.org

edit SideBar

Rappresentazioni di colori

HOME .php .html .pdf ? ? ? ? ?
Autore

abbozzo

a cura di curatrice

1.  Rappresentazione numerica di colori

Modello di colori GAMUT RGBs

Esistono tanti tipi di rappresentazione numerica di colori. Le più scientifiche si basano sulle lunghezze d'onda, l'intensità e la quantità luminosa.


16.7 Mio di colori RBG

Per dei scopi tecnici servono dei criteri meno complessi e secondo l'impiego si usano dei diversi sistemi. I più divulgati sono: RGB, CMYK e HSB
le quali entro certi limiti sono trasformabili tra di loro. Il sistema RGB permette di rappresentare numericamente 16'777'216 colori dimostrati sul grafico di fianco.

RGB (rosso-verde-blù) e CMY (ciano-magenta-giallo) usano come base 3 colori con bianco e nero. Tutte le altre sono miscugli luminosi risp. pigmentosi tra di loro.
HSB (tonalità, luminosità, saturazione) usa 360 tonalità di colori combinati con luminosità (scurimento) e saturazione (impallidimento).

2.  Tralitterazioni cromatiche

Sul web, grafica e in programmazione sono usati diverse notazioni per i colori. I più noti sono la notazione esadecimale hex#, la pseudo-esadecimale RGB e le rotatorie HSV risp. HSB. Questo può creare difficoltà in quanto per certi lavori occorre la trasformazione di una notazione all'altra.

Il Sig. Greg Reimer ha sviluppato a questo scopo una bellissima calcolatrice che permette tutte queste traslitterazioni tra i tre sistemi hex#, RGB e HSV a vicenda. E grazie alla sua generosità mette a disposizione pubblica senza compenso questa sua opera.

L'ho riportata qui e vi invito a usarla subito: infilare i dati che sapete (p.es. il codice esadecimale per "rosso" = ff0000 nell'apposita casella) → calcola → leggere i risultati che appaiono per RGB, HSV e HSB. Come sfizio, il sottofondo prende il colore digitato. Per tornare in dietro basta cliccare su reset. Per modificare si può sovrascrivere qualsiasi dato in una casella bianca e poi cliccare calcola.

Si può anche variare un colore:

  • aggiungendo (+) o diminuendo (-) la quantità di rosso (R), verde (G) o blu (B)
  • aumentare o diminuire la saturazione S (quantità di grigio contenuto)
  • aumentare o diminuire la luminosità V o B (chiarire o scurire il colore
  • variare la tonalità H in direzione "più calda" o "più fredda"

tutto in passi sceglibili nella casella per "incrementare".


3.  Rappresentazione esadecimale

Come "metro" si sono determinati dei valori da zero (scuro) fino alla massima luminosità di 255 per ciascuno dei tre colori rosso (primo numero), verde (secondo numero) e blu (terzo numero).

  • 0 | 0 | 0 significa quindi "nero" → assenza di tutti i colori
  • 255 | 255 | 255 significa quindi "bianco" → presenza di tutti colori nella massima intensità.
  • 255 | 0 | 0 significa quindi "rosso" → presenza di rosso nella massima intensità e assenza di altri colori
  • e così via



Per risparmiare memoria, al posto del sistema decimale "normale" è stato scelto il sistema esadecimale con il quale si riesce a rappresentare 255 (3 numeri) con sole due numeri/lettere : ff. Il conteggio va da 0 a 9 e prosegue con a, b, c, d, e e termina con f.

  • #01 → 1 ... #0f → 15,
  • #10 → 16, #11 → 17, ... #1f → 31
  • #20 → 32, #21 → 33, #22 → 34, ...
  • ...
  • #a0 → 160, #a1 → 161, ...
  • e così via fino a #ff → 255

Come prefisso per il colore si mette Cancelletto (#)così che in .html (il linguaggio principale del web) #ff0000 significa "rosso puro di massima intensità luminosa" e #0000ff significa "blu puro di massima intensità luminosa."

Per rendermi il lavoro più semplice, mi immagino la composizione di un colore come "miscuglio" e "luminosità" in numeri percentuali per (R) Rosso, (G) Verde e (B) Blù. Esempio: Blù molto pallido → R97% | G97% | B100% (0.97 | 0.97 | 1.00) che secondo una tabellina decimale/esadecimale trasformo in f7 | f7 | ff che mi da l'espressione #f7f7ff chè come si vede effettivamente un blù molto pallido.
La tabellina a fianco è molto utile (per chi riesce ad immaginarsi un colore composto) per inventarsi dei colori senza tavolozze.

Essendo di vecchio stampo, nella mia testa ho ancora il modello di Itten e maneggio facilmente la composizione "pigmentosa" dei colori, ma faccio fatica a trasformarla con la stessa facilità in una composizione "luminosa".
Mentre si trovano facilmente delle pagine web che descrivono le palette e le tavolozze usate sul web, non ho trovato niente che riguardi la paletta e le tavolozze di Itten. Me le sono quindi costruite io e le pubblico pensando che possano servire anche a qualcun altro.

3.1  Allegati

4.  Sitografia

5.  Bibliografia

6.  Immagini

7.  Commenti

alla pagina Colori / Rappresentazioni di colori: ev. cliccare sul titolo per stilare un commento

Edit - History - Print - Recent Changes - Search
Page last modified on March 07, 2011, at 06:03 PM