Recent Changes - Search:

Pagine di servizio

Gruppi

Pagine in allestimento

Strumenti

Domini correlati

PmWiki

pmwiki.org

edit SideBar

ProMemoria2

Trasformazione S,B luminoso in C,K,W pigmentoso

La luminositÓ indica la la partecipazione di nero al miscuglio:
50%B => 50%K & 50% W+C

La saturazione indica la partecipazione della tinta tonale al W+C
100%S => 100%C + 0%W
50%S => 50%C + 50%W

Algoritmo:
K = 1-B
C+W = B
C = S*(C+W)
W = (1-S)*(C+W)

Newton Opticks


the original "color circle" (1704) superimposed on the spectral and extraspectral hues (there is no "red violet" or "violet" light in the spectrum); capital letters refer to notes of the diatonic scale


Come tinte basilari primarie ho scelto giallo Y, rosso R e bl¨ B. In notazione HexRGB basilare sarebbero Y#ffff00, R#ff0000 e B#0000ff.
Per l'occhio del pittore il giallo corrisponde abbastanza alla tinta pigmentosa, mentre il bl¨ appare troppo scuro e il rosso troppo chiaro.

Per YRB ho quindi mantenuto le tonalitÓ giallo Y H60░, rosso R H360░/H0░ e bl¨ B H240░. Per il bl¨ B ho abbassato la saturazione S da 100 a 78% e per il rosso ho abbassato la luminositÓ B da 100 a 80%. In termini pigmentosi significa una piccola aggiunta di tinta bianca al bl¨ e di tinta nera al rosso.

Per il sistema YRB in notazione HSB si tratta allora di:
colore H S B
giallo Y 61░ 100 100
rosso R 0░/360░ 100 80
bl¨ B 240 78 100

Si vede che la differenza angolare tra giallo e rosso Ŕ di 61░, tra rosso e bl¨ di 120░ e tra bl¨ e giallo di 181░.
Questo significa una notevole "distorsione" tra lo spettro e la scala di tonalitÓ "luminoso" RGB e lo spettro e la scala pigmentosa YRB fisiologico.

((ScaleRGB-YRB.png))
Basandomi su queste divergenze tra colori luminosi e tinte pigmentose ho tentato di creare dodici tonalitÓ di tinte basillari "pure" (senza contenuto di grigiastri):

  • dapprima una scala pigmentosa che rispecchia la percezione fisiologica dell'occhio umano (da notare nei complementi)
  • di adattare le saturazioni e le luminositÓ delle tinte alle esigenze pigmentose
  • sempre mantenendo le notazioni del web pi¨ o meno riproducibili

Partendo delle tonalitÓ primarie per giallo Y, Rosso R e bl¨ in scala RGB Ŕ evidente di trovare le tonalitÓ per arancio O, viola (magenta) V e verde G. Le mancanti sei tonalitÓ ho trovato per interpolazione / miscugli dalle sei precedenti: giallo-arancio YO, arancio-rosso OR, rosso-viola RV, viola-bl¨ VB, bl¨-verde (ciano) BG e verde-giallo GY.

((ScaleRGB-YRBLumin.png))
Il prossimo passo Ŕ di adattare la saturazione e la luminositÓ delle 12 tonalitÓ alle esigenze di mischi pigmentosi: La luminositÓ di due tinte varia sempre tra le luminositÓ delle due tinte; non Ŕ quindi fattibile una tinta pi¨ luminosa della tinta pi¨ chiara delle due.
Un mischio tra giallo (molto luminoso) e bl¨ (scuro) fornisce una tinta verde medio chiaro.
Essendo il giallo la pi¨ luminosa delle tinte basilari, le seguenti devono diminuire di luminositÓ costantemente fino a raggiungere la minima luminositÓ nel viola

La saturazione per le tinte YRB Ŕ da ridurre per i colori luminosi troppo scuri per le esigenze pigmentose:

(Per una miscela luminosa Ŕ inverso: due lumi danno un miscuglio pi¨ chiaro).


Per chiarire una tinta si aggiunge del bianco, per scurirla si aggiunge del nero. Aggiungendo di tutte due si rende grigiastra la tinta e quindi non Ŕ indicato per delle tinte basilari.

Edit - History - Print - Recent Changes - Search
Page last modified on September 02, 2012, at 08:17 PM